Banner sfondo 2 TEAM BRILLANTE CERCA TE (6)

molfettacalciogiovani1132019Molfetta. “Siamo partiti quasi da zero, con un gruppo di 24 ragazzi, molti dei quali 2005, quindi sotto età, e ci siamo divertiti tantissimo”- afferma Beppe Sigrisi, bandiera da giocatore del Molfetta e ora orgoglioso allenatore della categoria Giovanissimi biancorossi- “Il progresso è stato importante.

Molti dei ragazzi erano alla prima esperienza in un campionato professionistico e quindi abbiamo lavorato tanto sulle situazioni di campo e molti aspetti anche basilari. Abbiamo disputato partite interessanti e importanti anche dal punto di vista tattico nonostante la giovane età dei ragazzi. Siamo arrivato anche quarti in classifica. Si sa, a questa età non è l’aspetto che conta, però è un bel premio per questi ragazzi per la passione e l’abnegazione che ci hanno messo”.

Si è classificata terza, invece, la compagine degli Allievi allenata da mister Vito Mongelli: “E dire che con le prime due della classe abbiamo fatto delle ottime prestazioni e ottenuti diversi punti. Quindi c’è anche un pizzico di rammarico ma è stata una stagione più che positiva. Dal punto di vista atletico ho trovato dei ragazzi ottimi. Abbiamo lavorato sull’aspetto tecnico-tattico ma ovviamente non è semplice generare un grande miglioramento in poco tempo. Pian piano col passare delle partite la squadra è migliorata nell’organizzazione in campo e di gioco. Alcuni ragazzi sono cresciuti anche dal punto di vista coordinativo e ci hanno dato tante soddisfazioni. Sono molto contento, infine, per il gruppo, costante nell’impegno per tutto l’anno e ricco di legami profondi. Un aneddoto: i ragazzi hanno sempre recitato il Padre Nostro prima di ogni gara. Un’iniziativa presa in piena autonomia dai ragazzi che mi ha fatto molto piacere. Al di là di questo, di sciuro molti di loro troveranno subito spazio in Juniores”.

Ne sono convinti anche Danilo Scardigno, team manager delle varie squadre, e Paolo De Gennaro, responsabile dell’intero movimento giovanile biancorosso: “Per gli under 14 un ottimo quarto posto conquistato al loro primo anno insieme. Tanto ha fatto la pratica e l'esperienza messa a disposizione del Mr. Beppe Sigrisi, vecchia gloria della Molfetta Calcio. Un lavoro che ha portato la convocazione di un suo ragazzo negli Allievi, a segno alla sua prima convocazione. Dopo un periodo in cima alla classifica, invece, agli Allievi sono risultati fatali gli ultimi cinque minuti della partita di andata contro l'Academy Giovinazzo (vincitrice poi del torneo) con una remuntada da 0-1 a 2-1. Anche qui, tuttavia, abbiamo maturato profondo interesse per due ragazzi che hanno esordito addirittura negli allenamenti con la Prima Squadra sotto l'occhio di Mr Bartoli e del Direttore Frascati. Per un giudizio complessivo di questo primo anno del settore giovanile che non può che essere molto soddisfacente, rimaniamo tuttavia in attesa della fine del Campionato della Juniores, che ci vede secondi a tre giornate dal termine e con un match da recuperare. Non ci resta che incrociare le dita. Ovviamente il nostro interesse resta quello di creare calciatori adatti alla nostra prima squadra e per fare questo stiamo mettendo a disposizione del Team vari strumenti di lavoro e di strategia, al fine di realizzare un settore giovanile di spessore.


molfettacalciogiovani1132019Molfetta. “Siamo partiti quasi da zero, con un gruppo di 24 ragazzi, molti dei quali 2005, quindi sotto età, e ci siamo divertiti tantissimo”- afferma Beppe Sigrisi, bandiera da giocatore del Molfetta e ora orgoglioso allenatore della categoria Giovanissimi biancorossi- “Il progresso è stato importante.

Molti dei ragazzi erano alla prima esperienza in un campionato professionistico e quindi abbiamo lavorato tanto sulle situazioni di campo e molti aspetti anche basilari. Abbiamo disputato partite interessanti e importanti anche dal punto di vista tattico nonostante la giovane età dei ragazzi. Siamo arrivato anche quarti in classifica. Si sa, a questa età non è l’aspetto che conta, però è un bel premio per questi ragazzi per la passione e l’abnegazione che ci hanno messo”.

Si è classificata terza, invece, la compagine degli Allievi allenata da mister Vito Mongelli: “E dire che con le prime due della classe abbiamo fatto delle ottime prestazioni e ottenuti diversi punti. Quindi c’è anche un pizzico di rammarico ma è stata una stagione più che positiva. Dal punto di vista atletico ho trovato dei ragazzi ottimi. Abbiamo lavorato sull’aspetto tecnico-tattico ma ovviamente non è semplice generare un grande miglioramento in poco tempo. Pian piano col passare delle partite la squadra è migliorata nell’organizzazione in campo e di gioco. Alcuni ragazzi sono cresciuti anche dal punto di vista coordinativo e ci hanno dato tante soddisfazioni. Sono molto contento, infine, per il gruppo, costante nell’impegno per tutto l’anno e ricco di legami profondi. Un aneddoto: i ragazzi hanno sempre recitato il Padre Nostro prima di ogni gara. Un’iniziativa presa in piena autonomia dai ragazzi che mi ha fatto molto piacere. Al di là di questo, di sciuro molti di loro troveranno subito spazio in Juniores”.

Ne sono convinti anche Danilo Scardigno, team manager delle varie squadre, e Paolo De Gennaro, responsabile dell’intero movimento giovanile biancorosso: “Per gli under 14 un ottimo quarto posto conquistato al loro primo anno insieme. Tanto ha fatto la pratica e l'esperienza messa a disposizione del Mr. Beppe Sigrisi, vecchia gloria della Molfetta Calcio. Un lavoro che ha portato la convocazione di un suo ragazzo negli Allievi, a segno alla sua prima convocazione. Dopo un periodo in cima alla classifica, invece, agli Allievi sono risultati fatali gli ultimi cinque minuti della partita di andata contro l'Academy Giovinazzo (vincitrice poi del torneo) con una remuntada da 0-1 a 2-1. Anche qui, tuttavia, abbiamo maturato profondo interesse per due ragazzi che hanno esordito addirittura negli allenamenti con la Prima Squadra sotto l'occhio di Mr Bartoli e del Direttore Frascati. Per un giudizio complessivo di questo primo anno del settore giovanile che non può che essere molto soddisfacente, rimaniamo tuttavia in attesa della fine del Campionato della Juniores, che ci vede secondi a tre giornate dal termine e con un match da recuperare. Non ci resta che incrociare le dita. Ovviamente il nostro interesse resta quello di creare calciatori adatti alla nostra prima squadra e per fare questo stiamo mettendo a disposizione del Team vari strumenti di lavoro e di strategia, al fine di realizzare un settore giovanile di spessore.

WEB TV

WEBtv