Banner sfondo 2 I VIAGGI DI AGATA - 060917

foto_corteo_1Molfetta - Riceviamo e pubblichiamo la seguente lettera di una mamma molfettese, autrice di alcune delle foto da noi pubblicate sabato 3 marzo 2012 e relative al corteo di in ricordo delle vittime della tragedia della TruckCenter.
"Sabato 3 marzo come di mio solito esco per la spesa perché è mio dovere di madre preparare per i miei figli, che penso siano protetti tra le mura scolastiche. All'altezza di via Baccarini, mi arresta un corteo e curiosa cerco di capire cosa stiano manifestando, ebbene capisco che il tema sono le vittime della TruckCenter.

Sono interessata e come norma di buona educazione vogliano mi fermo e rispetto il corteo condividendolo anche perché al seguito delle autorità sfila uno stuolo studentesco. Ad un tratto la giornata soleggiata viene oscurata da una bottiglia di vino tra le mani di una fanciulla che la fa turnare ai suoi compagni, rimango attonita forse dico tra me adesso le forze dell'ordine la fermano, ma è un sogno! Al seguito altre bottiglie sfilavano tra un corteo che commemorava una tragedia. La mia non è un'osservazione come qualcuno ha commentato, "faziosa". Io sono una madre che legge nelle bottiglie levate un dolore da annegare e quindi da raccogliere e commentare.

Chiedo scusa se ho con le mie foto creato una situazione troppo imbarazzante, ma il dovere di genitore e di cittadina mi diceva di denunciare.

Grazie di tutto, e sono solidale con il direttore della testata.

Maria"

...SEGNALAZIONE 1...

...SEGNALAZIONE 2...

 
 

foto_corteo_1Molfetta - Riceviamo e pubblichiamo la seguente lettera di una mamma molfettese, autrice di alcune delle foto da noi pubblicate sabato 3 marzo 2012 e relative al corteo di in ricordo delle vittime della tragedia della TruckCenter.
"Sabato 3 marzo come di mio solito esco per la spesa perché è mio dovere di madre preparare per i miei figli, che penso siano protetti tra le mura scolastiche. All'altezza di via Baccarini, mi arresta un corteo e curiosa cerco di capire cosa stiano manifestando, ebbene capisco che il tema sono le vittime della TruckCenter.

Sono interessata e come norma di buona educazione vogliano mi fermo e rispetto il corteo condividendolo anche perché al seguito delle autorità sfila uno stuolo studentesco. Ad un tratto la giornata soleggiata viene oscurata da una bottiglia di vino tra le mani di una fanciulla che la fa turnare ai suoi compagni, rimango attonita forse dico tra me adesso le forze dell'ordine la fermano, ma è un sogno! Al seguito altre bottiglie sfilavano tra un corteo che commemorava una tragedia. La mia non è un'osservazione come qualcuno ha commentato, "faziosa". Io sono una madre che legge nelle bottiglie levate un dolore da annegare e quindi da raccogliere e commentare.

Chiedo scusa se ho con le mie foto creato una situazione troppo imbarazzante, ma il dovere di genitore e di cittadina mi diceva di denunciare.

Grazie di tutto, e sono solidale con il direttore della testata.

Maria"

...SEGNALAZIONE 1...

...SEGNALAZIONE 2...

 
 

WEB TV