Banner sfondo 2 I VIAGGI DI AGATA - 060917

metabolismo040417Finalmente ci siamo!

La bella stagione è quasi alle porte..il sole inizia ad accompagnare sempre più le nostre giornate..l'aria è più tiepida..ed il mare azzurro ci aspetta...ma ci guardiamo allo stesso specchio e notiamo quel chiletto di troppo!

Sarà forse colpa del nostro “metabolismo in letargo”?

Cari Lettori, come saprete, il metabolismo è l'insieme di quei processi biochimici e bioenergetici che avvengono nel nostro corpo e che consentono di estrarre l'energia contenuta negli alimenti per poi utilizzarla in modo da soddisfare le richieste energetiche essenziali per la vita del nostro organismo.

Spesso sentiamo parlare di “metabolismo basale” ma sappiamo davvero cos'è?

Vi diremo che è la quantità di energia (sotto forma di kilocalorie) necessaria all'organismo per garantire il mantenimento delle funzioni metaboliche vitali tra cui la respirazione, l'attività cardiocircolatoria, l'attività del sistema nervoso, la termoregolazione, la digestione, ecc.. nonché il fabbisogno energetico e calorico necessario al corpo umano in condizioni base cioè in assoluto riposo psicofisico.

Il metabolismo basale pertanto:

- si identifica nell'energia consumata quando il nostro corpo sostanzialmente è in completa inattività.

- rappresenta circa il 50- 70% del dispendio energetico totale di un intera giornata.

- ha un valore che può essere influenzato da numerosi fattori che possono essere personali, ambientali o relativi allo stile di vita.

Non tutti sanno che il metabolismo basale:

  • aumenta all'aumentare della superficie corporea, ed è per questo che è più alto in persone alte e magre e con una superficie più estesa rispetto a quelle con lo stesso peso ma con un'altezza inferiore.

  • è massimo nell'infanzia e minore nell'anziano.

  • è più elevato a temperature fredde rispetto a quelle temperate.

  • si abbassa durante il digiuno o con una dieta vegetariana mentre si innalza nelle diete iperproteiche.

  • è più elevato negli uomini che nelle donne perchè i primi di solito possiedono una massa muscolare metabolicamente più attiva rispetto alla massa grassa meno attiva presente in percentuale maggiore nel sesso femminile.

Infine il tasso metabolico basale è elevato durante un'attività fisica mentre diminuisce in condizioni di sedentarietà o durante il sonno e può essere determinato anche da stati patologici e dall'assunzione di farmaci.

Da tutto questo si evince che il metabolismo è influenzato da numerose variabili ed è per questo che ci sono individui con un metabolismo più lento ed individui con un metabolismo più veloce ed efficiente.

Pertanto aver un metabolismo lento significa accumulare calorie sotto forma di grasso e non riuscire a controllare il peso forma ritrovandosi poi, davanti allo specchio, con quel chiletto in più che non ci appaga; al contrario un metabolismo rapido ed efficiente è indispensabile per riuscire a bruciare più calorie immagazzinando meno grassi durante l'alimentazione in modo da avere un fisico più tonico ed asciutto.

Riaccendere il metabolismo e velocizzarlo non è impossibile ma ci vuole pazienza e costanza!

Numerosi studi scientifici sostengono che, per prima cosa, è opportuno seguire un'alimentazione sana e mirata in modo da ridurre l'apporto calorico giornaliero effettuando una buona colazione e dividendo la giornata in 5 pasti in modo da mangiare poco e spesso e nella maniera più corretta possibile.

E' preferibile introdurre carboidrati come pane e pasta associandoli a tante verdure (queste anche 2 volte al giorno) insieme ad una notevole quantità di proteine come quelle contenute in pesce, carne bianca e legumi. Tra gli alimenti consigliati ritroviamo i cibi piccanti e le spezie capaci di favorire la termogenesi e quindi di bruciare i grassi mettendo in moto il metabolismo. In particolare la capsaicina (contenuta nel peperoncino) e la bromelina (presente nell'ananas) hanno effetti sul metabolismo in quanto intervengono direttamente sul quello dei grassi. Per lo stesso motivo, è necessario consumare molta frutta e bere tanta acqua (almeno 2litri al giorno) per garantire una giusta idratazione indispensabile per mantenere una massa muscolare sana e favorire l'eliminazione di tossine. Al contrario è preferibile ridurre l'apporto di grassi e di zuccheri semplici che tendono a rallentare il metabolismo.

Il passo successivo, per risvegliare il metabolismo, è poter seguire un costante esercizio fisico in modo da potenziare la massa muscolare rispetto alla massa grassa.

Tra le attività consigliate sono da preferire la corsa, il ciclismo e la tonificazione muscolare in grado di far lavorare contemporaneamente molti gruppi muscolari aumentando così il dispendio energetico ed il consumo di calorie; solitamente bastano 40 minuti 2-3 volte alla settimana. In alcuni casi è ottimale anche aggiungere i pesi al normale allenamento in quanto uno sport simile comporta un aumento della massa muscolare rispetto a quella grassa ed aiuta l'organismo a bruciare le calorie accumulate favorendo un maggior dispendio energetico e aumentando quindi la velocità del metabolismo.

Inoltre il segreto per “risvegliare il metabolismo” è dimenticarsi delle diete drastiche e prendersi cura dell’instestino affiancando, ad una corretta alimentazione, l'utilizzo di integratori (spesso naturali) in associazione con probiotici e prebiotici , principi attivi capaci di dare una marcia in più per ritrovare il proprio peso forma!

Sono infatti note, in tal senso, le proprietà terapeutiche dell'Arancio Amaro, del The Verde, dello Zenzero, del Tarassaco e della Laminaria...ma è sempre opportuno ricordare che gli integratori non vanno intesi come un sostituto di una dieta sana ed equilibrata e che è sempre preferibile, prima di assumerli, chiederne consiglio al proprio Medico o Farmacista di fiducia...come da Noi nella Nostra Farmacia!

Per contatti: Farmacia Eredi de Trizio Snc - Via Terlizzi 2 - Molfetta (Bari) - 080/3389344

https://www.facebook.com/farmaciaErediDeTrizio/


metabolismo040417Finalmente ci siamo!

La bella stagione è quasi alle porte..il sole inizia ad accompagnare sempre più le nostre giornate..l'aria è più tiepida..ed il mare azzurro ci aspetta...ma ci guardiamo allo stesso specchio e notiamo quel chiletto di troppo!

Sarà forse colpa del nostro “metabolismo in letargo”?

Cari Lettori, come saprete, il metabolismo è l'insieme di quei processi biochimici e bioenergetici che avvengono nel nostro corpo e che consentono di estrarre l'energia contenuta negli alimenti per poi utilizzarla in modo da soddisfare le richieste energetiche essenziali per la vita del nostro organismo.

Spesso sentiamo parlare di “metabolismo basale” ma sappiamo davvero cos'è?

Vi diremo che è la quantità di energia (sotto forma di kilocalorie) necessaria all'organismo per garantire il mantenimento delle funzioni metaboliche vitali tra cui la respirazione, l'attività cardiocircolatoria, l'attività del sistema nervoso, la termoregolazione, la digestione, ecc.. nonché il fabbisogno energetico e calorico necessario al corpo umano in condizioni base cioè in assoluto riposo psicofisico.

Il metabolismo basale pertanto:

- si identifica nell'energia consumata quando il nostro corpo sostanzialmente è in completa inattività.

- rappresenta circa il 50- 70% del dispendio energetico totale di un intera giornata.

- ha un valore che può essere influenzato da numerosi fattori che possono essere personali, ambientali o relativi allo stile di vita.

Non tutti sanno che il metabolismo basale:

  • aumenta all'aumentare della superficie corporea, ed è per questo che è più alto in persone alte e magre e con una superficie più estesa rispetto a quelle con lo stesso peso ma con un'altezza inferiore.

  • è massimo nell'infanzia e minore nell'anziano.

  • è più elevato a temperature fredde rispetto a quelle temperate.

  • si abbassa durante il digiuno o con una dieta vegetariana mentre si innalza nelle diete iperproteiche.

  • è più elevato negli uomini che nelle donne perchè i primi di solito possiedono una massa muscolare metabolicamente più attiva rispetto alla massa grassa meno attiva presente in percentuale maggiore nel sesso femminile.

Infine il tasso metabolico basale è elevato durante un'attività fisica mentre diminuisce in condizioni di sedentarietà o durante il sonno e può essere determinato anche da stati patologici e dall'assunzione di farmaci.

Da tutto questo si evince che il metabolismo è influenzato da numerose variabili ed è per questo che ci sono individui con un metabolismo più lento ed individui con un metabolismo più veloce ed efficiente.

Pertanto aver un metabolismo lento significa accumulare calorie sotto forma di grasso e non riuscire a controllare il peso forma ritrovandosi poi, davanti allo specchio, con quel chiletto in più che non ci appaga; al contrario un metabolismo rapido ed efficiente è indispensabile per riuscire a bruciare più calorie immagazzinando meno grassi durante l'alimentazione in modo da avere un fisico più tonico ed asciutto.

Riaccendere il metabolismo e velocizzarlo non è impossibile ma ci vuole pazienza e costanza!

Numerosi studi scientifici sostengono che, per prima cosa, è opportuno seguire un'alimentazione sana e mirata in modo da ridurre l'apporto calorico giornaliero effettuando una buona colazione e dividendo la giornata in 5 pasti in modo da mangiare poco e spesso e nella maniera più corretta possibile.

E' preferibile introdurre carboidrati come pane e pasta associandoli a tante verdure (queste anche 2 volte al giorno) insieme ad una notevole quantità di proteine come quelle contenute in pesce, carne bianca e legumi. Tra gli alimenti consigliati ritroviamo i cibi piccanti e le spezie capaci di favorire la termogenesi e quindi di bruciare i grassi mettendo in moto il metabolismo. In particolare la capsaicina (contenuta nel peperoncino) e la bromelina (presente nell'ananas) hanno effetti sul metabolismo in quanto intervengono direttamente sul quello dei grassi. Per lo stesso motivo, è necessario consumare molta frutta e bere tanta acqua (almeno 2litri al giorno) per garantire una giusta idratazione indispensabile per mantenere una massa muscolare sana e favorire l'eliminazione di tossine. Al contrario è preferibile ridurre l'apporto di grassi e di zuccheri semplici che tendono a rallentare il metabolismo.

Il passo successivo, per risvegliare il metabolismo, è poter seguire un costante esercizio fisico in modo da potenziare la massa muscolare rispetto alla massa grassa.

Tra le attività consigliate sono da preferire la corsa, il ciclismo e la tonificazione muscolare in grado di far lavorare contemporaneamente molti gruppi muscolari aumentando così il dispendio energetico ed il consumo di calorie; solitamente bastano 40 minuti 2-3 volte alla settimana. In alcuni casi è ottimale anche aggiungere i pesi al normale allenamento in quanto uno sport simile comporta un aumento della massa muscolare rispetto a quella grassa ed aiuta l'organismo a bruciare le calorie accumulate favorendo un maggior dispendio energetico e aumentando quindi la velocità del metabolismo.

Inoltre il segreto per “risvegliare il metabolismo” è dimenticarsi delle diete drastiche e prendersi cura dell’instestino affiancando, ad una corretta alimentazione, l'utilizzo di integratori (spesso naturali) in associazione con probiotici e prebiotici , principi attivi capaci di dare una marcia in più per ritrovare il proprio peso forma!

Sono infatti note, in tal senso, le proprietà terapeutiche dell'Arancio Amaro, del The Verde, dello Zenzero, del Tarassaco e della Laminaria...ma è sempre opportuno ricordare che gli integratori non vanno intesi come un sostituto di una dieta sana ed equilibrata e che è sempre preferibile, prima di assumerli, chiederne consiglio al proprio Medico o Farmacista di fiducia...come da Noi nella Nostra Farmacia!

Per contatti: Farmacia Eredi de Trizio Snc - Via Terlizzi 2 - Molfetta (Bari) - 080/3389344

https://www.facebook.com/farmaciaErediDeTrizio/