Banner sfondo 1600 AGATA

mappacalderinaMOLFETTA.- Lo scorso anno realizzammo uno speciale circa lo stato di salute delle acque del nostro mare, utilizzando i dati dell'ARPA PUGLIA con i quali analizzammo vari punti della costa. In particolare, nella zona di Torre Calderina, in prossimità dello scarico fognario, i risultati furono drammatici ed evidenziarono un altissimo livello di inquinamento. In allegato troverete l'articolo uscito sul numero di luglio 2012 della nostra testata. Nel contempo anche Goletta Verde evidenziò l'inquinamento e, quindi, tutto quadrò anche se poi non si fece assolutamente nulla. Siamo al 2013, invece, e qualche settimana fa la zona di Cala san Giacomo è stata resa nuovamente balneabile. Siamo pertanto andati a guardare i dati dell'Arpa Puglia. I dati, come potete leggere nella foto allegata, sono ancora drammatici tanto che, nella lista di campionamenti fatti a solo un chilometro dalla rinnovata zona balneabile, trovate un rilievo indicato in rosso che evidenzia, secondo Arpa Puglia, un notevole sforamento dai limiti di legge.

Goletta Verde, quest'anno, ci ha comunicato i valori che vengono definiti “ENTRO I LIMITI DI LEGGE”, evidenziando che il prelievo è stato fatto a Cala san Giacomo. Ora mi chiedo perché non ripetere il campionamento nell'area nei pressi dello scarico come accaduto nel 2012? Samo certi che si tratta di una semplice svista e chiediamo di ripetere il test magari non facendo passare la Goletta Verde, ma piuttosto prendendo un campioncino nel solito punto (sbocco della fogna) a solo due chilometri dalla zona resa balneabile. Se i dati dell'ARPA PUGLIA risulteranno giusti penso sia il caso di ripristinare il livello di guardia come fatto lo scorso anno e togliere la balneazione a quell'area tutelando la salute dei cittadini molfettesi perché con una corrente e vento sbagliato si troverebbero a fare un bagno in un mare di m.... Quindi se avete intenzione comunque di fare il bagno consiglierei una bel cartello. Occhio al levantino! (Levantino: vento che spingerebbe la fogna verso terra e di conseguenza seguendo la corrente sulla zona balneabile e nella calette che fanno da ricettacolo di tutto)

 

Giulio Cosentino arpagiugno213

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna


mappacalderinaMOLFETTA.- Lo scorso anno realizzammo uno speciale circa lo stato di salute delle acque del nostro mare, utilizzando i dati dell'ARPA PUGLIA con i quali analizzammo vari punti della costa. In particolare, nella zona di Torre Calderina, in prossimità dello scarico fognario, i risultati furono drammatici ed evidenziarono un altissimo livello di inquinamento. In allegato troverete l'articolo uscito sul numero di luglio 2012 della nostra testata. Nel contempo anche Goletta Verde evidenziò l'inquinamento e, quindi, tutto quadrò anche se poi non si fece assolutamente nulla. Siamo al 2013, invece, e qualche settimana fa la zona di Cala san Giacomo è stata resa nuovamente balneabile. Siamo pertanto andati a guardare i dati dell'Arpa Puglia. I dati, come potete leggere nella foto allegata, sono ancora drammatici tanto che, nella lista di campionamenti fatti a solo un chilometro dalla rinnovata zona balneabile, trovate un rilievo indicato in rosso che evidenzia, secondo Arpa Puglia, un notevole sforamento dai limiti di legge.

Goletta Verde, quest'anno, ci ha comunicato i valori che vengono definiti “ENTRO I LIMITI DI LEGGE”, evidenziando che il prelievo è stato fatto a Cala san Giacomo. Ora mi chiedo perché non ripetere il campionamento nell'area nei pressi dello scarico come accaduto nel 2012? Samo certi che si tratta di una semplice svista e chiediamo di ripetere il test magari non facendo passare la Goletta Verde, ma piuttosto prendendo un campioncino nel solito punto (sbocco della fogna) a solo due chilometri dalla zona resa balneabile. Se i dati dell'ARPA PUGLIA risulteranno giusti penso sia il caso di ripristinare il livello di guardia come fatto lo scorso anno e togliere la balneazione a quell'area tutelando la salute dei cittadini molfettesi perché con una corrente e vento sbagliato si troverebbero a fare un bagno in un mare di m.... Quindi se avete intenzione comunque di fare il bagno consiglierei una bel cartello. Occhio al levantino! (Levantino: vento che spingerebbe la fogna verso terra e di conseguenza seguendo la corrente sulla zona balneabile e nella calette che fanno da ricettacolo di tutto)

 

Giulio Cosentino arpagiugno213

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

WEB TV

WEBtv