Redazione_Online

Redazione_Online

MOLFETTA. Pubblichiamo di seguito il comunicato del Sindaco Tommaso Minervini sugli ultimi fatti politici, relativi alla fine dell'attuale amministrazione comunale.

"Con l’uscita dalla maggioranza dei gruppi consiliari di “obiettivo Molfetta e “Popolari” e le dimissioni dei rispettivi assessori di cui ho preso atto revocando i loro incarichi, si sono create le condizioni per un prossimo scioglimento del Consiglio comunale e l’ennesimo arrivo di un Commissario Prefettizio. Mi auguro che i gruppi consiliari che fanno riferimento a partiti storici di antica e consolidata cultura democratica consentano il dibattito in aula sulle ragioni dello scioglimento in modo che ciascuno possa dirne alla luce del sole le motivazioni profonde, evitando così di “nascondere” i motivi veri dello scioglimento dell’Istituzione comunale. Tutto questo proprio in relazione alle reclamate ragioni di trasparenza e di legalità da tempo richiamate. Nel frattempo rimango a compiere il mio dovere fino all’ultimo minuto come ho fatto in questi anni e in ultimo nella difficile gestione della burrascosa tempesta della pandemia da cui grazie alla responsabilità di tutti stiamo uscendo. Colgo anche questa occasione per invitare ancora una volta a vaccinarsi per chi non l’abbia ancora fatto e usare le precauzioni anticovid della mascherina e del lavaggio continuo delle mani. In attesa continuerò a svolgere gli atti urgenti e necessari alla Città, perché le Istituzioni non possono avere vuoti e le esigenze  Istituzionali sono prevalenti e non possono essere scalfite da reazioni cosidette “politiche”. Buona giornata e auguri a Molfetta".

 

MOLFETTA. La qualità delle acque marine a Molfetta è decisamente buona. La conferma arriva anche dalle rilevazioni effettuate da Arpa Puglia nelle settimane di settembre. Sotto costa sono anche tornati i pesci che, con le acque limpide, fanno capolino. Uno scenario inimmaginabile fino a qualche tempo fa. «La natura – il commento del Sindaco, Tommaso Minervini - ritorna dove l'ambiente è buono. La grande attenzione riservata alla tutela ambientale del mare e alla biodiversità comincia a dare risultati concreti. Abbiamo lavorato per migliorare la qualità del nostro mare e il lavorio svolto è sotto gli occhi di tutti. Questi i frutti del coraggio del fare e questa la strada su cui bisogna continuare».

 

MOLFETTA. C’è anche un molfettese tra i dodici appartenenti all’Arma dei carabinieri, che hanno ricevuto i diplomi delle onorificenze al "Merito della Repubblica Italiana" , concessi con Decreto del Presidente della Repubblica. Si tratta del vice brigadiere, dottor Giuseppe Sallustio. La cerimonia di consegna dell’ambito riconoscimento si è svolta nel Salone degli Specchi di Prefettura. Presenti il Prefetto di Bari dott.ssa Antonia Bellomo, il Comandante Regionale dei Carabinieri Gen. B. Stefano Spagnol, il Comandante Provinciale dei Carabinieri Colonello Francesco de Marchis, il sindaco metropolitano Antonio Decaro e i Sindaci dei Comuni di residenza degli insigniti. «E’ questa la Molfetta che ci piace raccontare. Sono questi i figli di Molfetta che ci rendono orgogliosi – il commento del Sindaco Tommaso Minervini, presente alla cerimonia di consegna del diploma di merito – Il vice brigadiere Sallustio, che ha solo 38 anni, è il più giovane tra gli insigniti e con il suo coraggio si è conquistato un posto tra gli eroi del nostro tempo». Il vice brigadiere Sallustio, mentre era servizio con un altro suo collega, a Moschiano nel Vallo di Lauro, a rischio della propria vita, è riuscito a mettere in salvo una donna e le sue due nipotine allontanandole dall’abitazione all’interno della quale era divampato un incendio.



MOLFETTA. Depositato il progetto definitivo di riqualificazione integrata del paesaggio costiero di Cala San Giacomo, un intervento che da un lato punta a restaurare e recuperare la torre e tutelare la costellazione di manufatti rurali (parieti, pagghjari) che si trovano in quella zona, dall'altro ha come obiettivo la rinaturalizzazione della fascia costiera. «Di questo intervento – il commento del Sindaco, Tommaso Minervini – la Città deve essere orgogliosa, perché esprime al meglio la visione della città del domani, una città all'insegna dell'ambiente e del benessere per la quale abbiamo lavorato duramente in questi anni con gli assessori Pietro Mastropasqua e Antonio Ancona.
Da Cala San Giacomo a Torre Calderina nascerà l'Oasi Parco Naturale Torre Calderina, grazie ad un finanziamento di circa 1milione e 200mila euro di cui più volte ho parlato». «Questo intervento – aggiunge l'architetto Domenico Delle Foglie (coordinatore del progetto) – intende dare avvio ad un più ampio processo strategico che, combinando assieme il punto di vista antropocentrico e quello ecocentrico, ha l’obiettivo di pervenire a un equilibrio (oggi inesistente) tra le esigenze di innovazione e l’ormai inderogabile necessità di conservare le risorse territoriali; in quest’ottica dunque l’intervento punta a contribuire al riequilibrio di questa fascia costiera da perseguire mediante un insieme sistematico di azioni di tutela, recupero e valorizzazione delle componenti naturali e di quelle artificiali di interesse paesaggistico-culturale, da attuare nel rispetto dei loro valori formali, adottando soluzioni e tecniche costruttive tradizionali e introducendo solamente elementi innovativi compatibili con le peculiarità del sito». Nello specifico l’intervento interesserà la Strada Comunale San Giacomo con la fascia litoranea che la fiancheggia, compresa l’appendice di Strada Comunale Pozzillo (percorso di collegamento tra SS16 e litorale), le aree litoranee che s’affacciano sull’insenatura di Cala San Giacomo, le aree a sud-est di Torre Calderina.
Lungo Strada San Giacomo e la fascia litoranea si prevede la bonifica delle microdiscariche abusive formatesi al margine della carreggiata (da attuarsi mediante strumenti ordinari di gestione del territorio rurale comunale); la limitazione del traffico veicolare e la creazione di un percorso ciclopedonale con l’incremento della vegetazione lungo i margini stradali.
In Cala San Giacomo si prevede la riqualificazione delle aree che s’affacciano sul bordo di levante dell’insenatura con la manutenzione e il ripristino dei ‘parieti’ e dei manufatti rurali presenti; incremento della copertura botanico vegetazionale, per accrescere la biodiversità, favorire la fruizione visual percettiva dell’insenatura, schermando l’impatto delle vicine infrastrutture del porto commerciale.
La riqualificazione della cala dovrà successivamente essere completata con la bonifica dell’area litoranea contaminata dai rifiuti; diminuzione delle superfici pavimentate (piazzali asfaltati e aree pedonali); allontanamento dalla spiaggia della carreggiata stradale, estensione delle superfici coperte da vegetazione.
È prevista inoltre la realizzazione di due aree con strutture e servizi, utili sia per accrescere la fruibilità del percorso e sia per garantire un primo presidio a salvaguardia delle opere e del sito e l’installazione e la gestione di un sistema di videosorveglianza
.

MOLFETTA. «Quanto è che accaduto a Roma è di una gravità inaudita. La violenza squadrista ha invaso le strade della Capitale sfociando in un miserabile attacco alla sede della Cgil. Un’azione che condanniamo con fermezza». Il Sindaco, Tommaso Minervini, commenta così gli avvenimenti che hanno segnato la Capitale e le coscienze di quanti credono nei valori della democrazia e della repubblica, nelle ultime ore.
«Si tratta di un rigurgito neo fascista, di violenti mascherati da no vax che non rispettano le regole del vivere civile, le leggi democratiche del nostro Paese, ma anche il mondo del lavoro». «La violenza – continua Minervini - non può mai rappresentare la risoluzione di un problema. A nome mio e dell’Amministrazione esprimo netta condanna per questo atto ignobile di violenza anche politica. Invito tutti al rispetto della legalità. Mi auspico che i responsabili vengano identificati e assicurati alla giustizia nel rispetto di quelle leggi che loro hanno violato utilizzando metodi tipici di uno dei periodi più bui del secolo scorso. La violenza genera violenza per questo – conclude il Primo cittadino - è importante che la risposta delle Istituzioni democratiche sia ferma, decisa, rapida, incisiva e nel pieno rispetto del vivere civile».



MOLFETTA. Per garantire la somministrazione delle terze dosi agli over 80, l’Hub Cozzoli di Molfetta (ingresso da Via Salvo D'Acquisto), dalla prossima settimana, sarà aperto il martedì e il giovedì mattina, dalle ore 9 alle ore 13, per 150 prenotazioni per volta, che andranno ad aggiungersi alle seconde dosi già previste.
Potranno accedere a sportello, senza prenotazione coloro che, fino ad ora, non hanno ancora ricevuto la prima dose di vaccino. «La fattiva collaborazione con la Asl – sottolinea il Sindaco, Tommaso Minervini - ha consentito di accogliere le sollecitazioni mie e del dottor Ottavio Balducci. A Molfetta, presso l’hub Cozzoli, potranno essere somministrate sia le prime che le terze dosi. Nei giorni scorsi ho inviato una lettera in cui rappresentavo tutto il mio disappunto per la decisione, unilaterale, assunta dalla Asl di mortificare il nostro hub e gli utenti di Molfetta e di Giovinazzo che, per le prime e per le terze dosi, avrebbero dovuto andare fuori. Tanto che, piuttosto che tenere aperto l’hub, per mezza giornata a settimana e solo per le seconde dosi, avevamo deciso di chiuderlo. Anche il dottor Ottavio Balducci, delegato comunale per la campagna vaccinale e coordinatore di tutti i volontari che, in questi mesi, hanno supportato hub, aveva preannunciato la sospensione del servizio offerto dal suo bellissimo e pacifico esercito di persone di buona volontà. Va da sé che – conclude il Primo cittadino - nel caso in cui dovesse essere necessario, chiederemo un ulteriore ampliamento dei giorni di apertura. Ricordo che il nostro hub fino a qualche settimana fa è stato aperto ininterrottamente anche nei festivi e ha raggiunto e superato, in alcuni giorni, anche le mille inoculazioni quotidiane». Sempre presso l'Hub Cozzoli, ma con ingresso per l'utenza da Via Ruvo (Ingresso Atleti), resterà attivo l’Info point per tutte le problematiche inerenti la vaccinazione anti-covid-19: vaccinazione ambiente protetto, green pass, convalida vaccinazioni estere, etc. il lunedì, il martedì, il mercoledì e il venerdì dalle ore 11 alle 13.00; il giovedì 15.30 alle 17.00.

MOLFETTA. «Desidero esprimere le mie congratulazioni, certo di rappresentare i sentimenti dell’intera città, al giudice Anna De Simone per il prestigioso incarico ottenuto. Il suo sarà un compito faticoso e complesso ma anche gratificante che, i risultati conseguiti finora lo dimostrano, saprà svolgere al meglio e con estrema professionalità e competenza». Così il Sindaco, Tommaso Minervini, commenta la notizia della nomina del giudice Anna De Simone a capo dell’Ufficio Gip e Gup del Tribunale di Bari. «Come primo cittadino di Molfetta – conclude il Sindaco Minervini - sono particolarmente orgoglioso che una “concittadina” sia riuscita a raggiungere un traguardo così prestigioso». Anna De Simone è stata nominata all'unanimità dal Plenum del Csm, il Consiglio Superiore della Magistratura.

 

MOLFETTA. “Dai flussi migratori ai flussi turistici”: è questo il titolo di una ricerca effettuata da docenti dell’Università degli Studi di Bari e dell’Università della Calabria e che verrà presentata a Molfetta, su iniziativa dell’Associazione Molfettesi nel Mondo, il prossimo 13 ottobre, alle ore 17.30, presso l’Aula magna dell’IISS “Mons. A. Bello”.
Relatori il prof. Vito Santamato e la prof.ssa Nicolaia Iaffaldano, autori della ricerca che, per la prima volta in Puglia, affronta il tema del cosiddetto “turismo delle radici”.
Seguiranno gli interventi della prof.ssa Sonia Ferrari dell’Università della Calabria, della dott.ssa Paola de Pinto, coordinatrice dell’Info point turistico di Molfetta e della prof.ssa Maria Rosaria Pugliese, dirigente scolastico dell’IISS “Mons. A. Bello”.
A proporre il tema dell’emigrazione e del legame con le origini da un punto di vista storico-documentale, sarà il prof. Vitantonio Leuzzi, storico, curatore del volume “Puglia emigrante - Crisi demografica e luoghi della memoria”, frutto di una ricerca dell’IPSAIC per un progetto di PugliaPromozione.
Concluderà il sindaco, Tommaso Minervini che ha da subito condiviso il progetto dei ricercatori, iscrivendo la Città di Molfetta tra i comuni che hanno contribuito attivamente alla ricerca di UniBa.
“Proporre a Molfetta la presentazione di queste importanti ricerche a cui, come associazione, abbiamo avuto l’onore di dare il nostro contributo, è un volere andare oltre i luoghi comuni - commenta Angela Amato, presidente dell’Associazione Molfettesi nel Mondo - e capire cosa possiamo fare per incentivare e trasformare in risorsa per il territorio, il desiderio di tornare sui luoghi delle proprie radici.”
L’evento, patrocinato dal Comune di Molfetta, è promosso dall’Associazione Molfettesi nel Mondo con la collaborazione dell’UniBa, dell’IISS “Mons. A. Bello”, dell’Info Point Turistico di Molfetta e dell’Associazione B&B - Molfetta.
L’ingresso è libero, fino a capienza consentita dalle norme anticovid. Green pass obbligatorio.
Un team di studenti del Mons. Bello, guidati dai loro docenti, curerà la trasmissione dell’evento in diretta streaming.

MOLFETTA. Una sfida che unisce la valorizzazione del territorio e la promozione culturale: il progetto “Deep blue radio: all’incanto”, presentato nella sala conferenze della sede comunale di Lama Scotella, approda a Molfetta sabato 9 e domenica 10 ottobre. Presenti alla conferenza stampa la funzionaria del Dipartimento Turismo della Regione Puglia Rosa Anna Asselta, il sindaco Tommaso Minervini, l’ingegnere Alessandro Binetti, l’architetto Domenico delle Foglie e il drammaturgo Luigi d’Elia. Deep blue radio: all’incanto” della compagnia “Licia Lanera”, è uno spettacolo che, partendo dalle voci e dai suoni dell’asta del mercato ittico di Molfetta, narra il rapporto ancestrale tra la città, la marineria e il mare. Il progetto è finanziato dal Programma Interreg V/ Grecia-Italia 2014/2020, nell’ambito del progetto CoHeN – Coastal Heritage Network. «Riporteremo la costa di Ponente al futuro della città e dei comuni limitrofi – dichiara il primo cittadino – crediamo fortemente in un progetto di fruibilità, che rispetti la natura e la balneabilità». Natura, ma anche cultura. «L’arte – afferma d’Elia – ha il potere di segnare delle rotte, cambiando le sorti del paesaggio tramite la riqualificazione urbana». I partecipanti all’evento dovranno essere muniti di green pass. È possibile prenotarsi gratuitamente ai seguenti link:

Sabato 9 ottobre – ore 16:30 https://www.eventbrite.com/e/biglietti-deep-blue-radio-allincanto-183301348267?utm-campaign=social&utm-content=attendeeshare&utm-medium=discovery&utm-term=listing&utm-source=cp&aff=escb

Domenica 10 ottobre – ore 11:30 https://www.eventbrite.com/e/biglietti-deep-blue-radio-allincanto-183308579897?aff=erelpanelorg

 

 

 

 

MOLFETTA. Insieme i quarantuno Sindaci dell’Area metropolitana di Bari sottoscrivono il documento a sostegno della candidatura di Conversano a Capitale Italiana della Cultura 2024. E quella firma diventa segno tangibile di comunità, di appartenenza ad un territorio che va oltre i confini geografici. «Molfetta - il commento del Sindaco, Tommaso Minervini - sostiene da sempre l’idea di promozione dell’intero territorio dell’area metropolitana di Bari come volano per tutti i singoli comuni. La Puglia, e più specificatamente la terra di Bari, in questi anni è riuscita ad accrescere in modo significativo la qualità della sua offerta culturale e turistica ed è riuscita a restituire dignità a luoghi e monumenti abbandonati. Ci auguriamo che attraverso questa coesione si riesca a rappresentare l’idea di un territorio».



Pagina 1 di 1416

JoomBall - Cookies

© 2020 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino