Redazione_Web Online

Redazione_Web Online

Molfetta. Si terrà domani alle ore 18 presso il Seminario Regionale il convegno “Lo sport per tutti”, durante cui sarà possibile ammirare il trofeo del Campionato Europeo, vinto dalla nazionale di Mancini questa estate

molfettaconvegnolosportpertuttiIl calcio che conta si dà appuntamento a Molfetta in occasione del convegno “Lo sport per tutti”, che si terrà nel pomeriggio di domani, giovedì 4 marzo, alle ore 18 presso l’Auditorium del Seminario Regionale. All’evento saranno presenti Vito Cozzoli, presidente e AD di Sport e Salute, Demetrio Albertini, presidente del settore tecnico della FIGC, ex calciatore del Milan e della nazionale italiana e Vito Tisci, presidente del settore giovanile e scolastico della FIGC.

In questa occasione, per la prima volta Molfetta, sarà possibile ammirare dal vivo la Coppa vinta dalla nazionale italiana di calcio agli ultimi campionati europei.

L’iniziativa è stata promossa da Milan Club Molfetta e Think1. Si avvale del patrocinio del Comune di Molfetta e di PugliaPromozione. Al convegno prenderanno parte anche Tommaso Minervini, sindaco di Molfetta, e Luca Scandale, direttore generale PugliaPromozione.

«I benefici dello sport non sono solo fisici, ma influenzano anche la salute mentale, riducendo l’insorgenza di depressione e stress, migliorando l’autostima e persino le relazioni sociali. Per questo – sottolinea il Sindaco, Tommaso Minerviniè importante che, sin da piccoli, si cominci a praticare sport. In questo senso convegni come questo possono essere considerati, per certi versi, momenti di crescita collettiva. Infatti il nostro Vito Cozzoli guida con autorevolezza proprio l’organismo statale che coniuga lo sport con la salute e il benessere psicofisico. Lo ringrazio per la sua presenza e della sua amicizia per la sua città, e ringrazio anche il campione Albertini e Vito Tisci che riveste un ruolo importante con i giovani e gli studenti. Un ringraziamento particolare agli organizzatori».

Sarà possibile ammirare la Coppa anche sabato 5 marzo, dalle ore 09.30 alle ore 12.30 nell'Auditorium del Seminario Regionale. Il convegno sarà moderato dal giornalista Salvatore Petrarolo.

Molfetta. La partita si disputerà questa sera alle ore 20, sul parquet del Pala Poli e sarà trasmessa in diretta streaming

molfettaquileArchiviati i due ko esterni con Catanzaro e Bovalino, riparte il cammino in A2 delle Aquile Molfetta, con la prima partita del mese di marzo che propone subito un piatto decisamente ricco: la super sfida con il G.S Giovinazzo.

La gara, valida per il recupero della sedicesima giornata del girone D, sarà trasmessa in diretta streaming sulla pagina delle Aquile Molfetta a cura di Puglia5. Mister Rutigliani è costretto a rinunciare ancora a delle pedine importanti, ma è pronto a recuperare Lopopolo e Adami entrambi appiedati dal giudice sportivo con il Bovalino.

Al Pala Poli di Molfetta, questa sera, con fischio d’inizio alle ore 20 si affronteranno due realtà importanti della Puglia, due compagini con obiettivi totalmente differenti, ma guidate da due presidenti ambiziosi, Antonio Carlucci e Donato de Giglio che, al netto di una sana e comprensibile rivalità sportiva, sono accomunati da una profonda e sincera stima reciproca, dall’amore incondizionato per il Futsal.

Un match dallo spettacolo garantito, al quale le due squadre si presentano separate da quattordici punti in classifica. Il ruolino di marcia delle Aquile Molfetta, in serie A2, sul parquet del PalaPoli, parla di quattro vittorie, due pareggi e due sconfitte. Sul fronte opposto, il G.S Giovinazzo di mister Darci Foletto, ex di turno, si trova al secondo posto, condiviso con il Città di Melilli, con 67 reti all’attivo e confermando la fase offensiva, l’arma in più per i nero-verdi.

Molfetta. Ad annunciare l’ormai prossima consegna della biblioteca comunale alla cittadinanza, il sindaco Tommaso Minervini

molfettabibliotecacontentMolfetta potrà presto tornare a contare sul principale contenitore culturale della città. Come annunciato via social dal sindaco Tommaso Minervini, la biblioteca comunale nella Fabbrica di San Domenico sarà nuovamente fruibile a stretto giro.

Oggetto dal 2019 di un importante intervento di riqualificazione e ammodernamento, la struttura ospita al suo interno la Biblioteca Comunale "G. Panunzio”, la Biblioteca dei Ragazzi e la Sezione Filatelica e rappresenta un importante punto di riferimento per i molfettesi, soprattutto i più giovani, che attendono da circa tre anni la sua riapertura.

«Il nostro è un lavoro che presenta tanti e continui imprevisti – scrive il sindaco Minervinipiccole e grandi difficoltà. Quando ti sembra di aver risolto un problema ne nascono di nuovi. Il nostro è un lavoro che richiede equilibrio, pazienza e tanta perseveranza. Il nostro è un lavoro che nel problema trova il senso della sua passione. Senza alibi ci rimbocchiamo le mani e andiamo avanti perché l'unica cosa che conta è la città, e il bene di tutti.

Questa è la storia della nuova biblioteca comunale. Una storia iniziata benissimo con un importante finanziamento da noi ottenuto di 2milioni di euro, il cantiere e poi l'imprevisto che ha rallentato la sua realizzazione. Ma noi non abbiamo mollato. Ed eccoci qui, oggi a raccontare la vera storia. Quella delle imperfezioni, quella degli errori, quella degli imprevisti. Quella di chi, nonostante tutto, ci crede sempre per amore della città. Quella del coraggio dei fatti.

La nuova biblioteca comunale è bellissima, per niente abbandonata o un rudere come alcuni, i soliti, vi hanno fatto credere.

La settimana scorsa abbiamo fatto un sopralluogo e nei prossimi giorni finalmente potrò annunciare la data della sua inaugurazione che avverrà molto presto. Mi dispiace e mi scuso con i cittadini per gli imprevisti, per i rallentamenti e con gli studenti per il disagio. Noi abbiamo immaginato questo nuovo spazio all'avanguardia per la città, per i più giovani e ce l'abbiamo messa tutta perché crediamo nella funzione culturale di uno spazio così importante. Ed in fondo gli ostacoli hanno reso questo progetto ancora più bello e desiderato»

Molfetta. L'incontro si terrà domani alle ore 15.30 presso l'Auditorium Madonna della Rosa

ambrosoli avvocati"Deontologia e Modus vivendi. Riflessioni a margine di una vita esemplare", questo il titolo dell'evento organizzato dall'Associazione Avvocati Molfetta, che si terrà domani, giovedì 3 marzo, presso L'Auditorium Madonna della Rosa.

Ospite l'Avv. Umberto Ambrosoli, figlio dell'Avv. Giorgio Ambrosoli assassinato l'11 luglio 1979. L'Avv. Ambrosoli dialogherà con L'Avv. Domenico Facchini, Presidente dell'Associazione Avvocati Molfetta, interverranno inoltre l'Avv. Tullio Bertolino, Presidente del Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Trani, e l'Avv. Rino Lucio Mazzilli, Direttore della Scuola Forense di Trani.

L'evento formativo prende le mosse dal libro "Qualunque cosa succeda", pubblicato da Sironi Editore, scritto dall'Avv. Umberto Ambrosoli in memoria del padre Giorgio, nominato commissario liquidatore della Banca Privata Italiana e delle attività finanziarie del banchiere Michele Sindona e assassinato la notte tra l’11 e il 12 luglio 1979 proprio per l’onestà e lo zelo professionale con cui gestì l’incarico.

La partecipazione all’evento è gratuita per gli iscritti all’Associazione Avvocati Molfetta. Evento accreditato dall’Ordine degli Avvocati di Trani con l’attribuzione di n. 3 crediti formativi in deontologia. Prenotazione obbligatoria tramite la piattaforma RICONOSCO.

L'evento si terrà in presenza nel rispetto delle vigenti misure anti Covid.

Molfetta. Si terrà sabato prossimo alle ore 20.30 l’incontro valido per il Titolo Mediterraneo WBC Massimi Leggeri

molfettatitolomediterraneowbccontentGrande serata di boxe quella che andrà in scena al PalaPoli di Molfetta sabato 5 marzo, con l’incontro tra Claudio Squeo e Elvis Smajlovic per il Titolo Mediterraneo WBC Massimi Leggeri. La competizione internazionale che coinvolge tutti i Paesi che si affacciano sul Mar Mediterraneo approda per la prima volta in Puglia proprio a Molfetta grazie al sodalizio tra la Buccioni Boxing Team, che organizza l’incontro, e la molfettese Pienza ASD.

Sabato prossimo al PalaPoli la serata avrà inizio alle ore 19 con gli Start match tra le categorie dilettanti, proseguirà alle ore 20 si terrà il match tra i Professionisti Johnny Zeze e Daniele Russo, per poi culminare alle ore 20.30 nell’atteso incontro tra il molfettese Claudio Squeo e il bosniaco Elvis Smajlovic.

«È senz’altro il mio primo titolo importante nel professionismo – spiega Claudio Squeoche arriva dopo nove vittorie consecutive, di cui le ultime quattro del 2021 portate a casa dopo la seconda ripresa. Pratico il pugilato da quando avevo 15 anni e in Italia ho vinto tutto quello che c’era da vincere, perciò ora ho la possibilità di competere a livello internazionale. Il Titolo Mediterraneo WBC, non solo per la mia categoria, rappresenta un trampolino di lancio per il Titolo Europeo. Molfetta ospita questo prestigioso evento – conclude Squeo – grazie alla collaborazione tra Davide Buccioni, che è il mio manager, e Francesco Spezzacatena, presidente della Pienza ASD, società con cui mi alleno qui a Molfetta».  

 

L’incontro sarà trasmesso in diretta Tv da Sky sul canale 229.

Molfetta. Sarà inaugurata nel giro di un mese la velostazione realizzata accanto alla stazione ferroviaria per incentivare l’intermodalità

molfettavelostazioneLa Velostazione di Molfetta entrerà in funzione nel giro di un mese. A circa tre anni dall’inizio dei lavori, i cittadini molfettesi, i pendolari e tutti coloro che preferiscono spostarsi su due ruote, avranno la possibilità di lasciare in custodia la propria bicicletta per muoversi in treno, oppure a piedi.

Realizzata accanto alla stazione ferroviaria, in modo da favorire la mobilità sostenibile e l’intermodalità, la Velostazione ha bisogno di ulteriori interventi prima che venga consegnata alla cittadinanza. È stata infatti approvata dal dirigente del V Settore del Comune di Molfetta, l’Ing. Domenico Satalino, la perizia di variante al progetto esecutivo, resasi necessaria a causa di alcuni inconvenienti emersi durante l’esecuzione dei lavori. Gli ultimi interventi sulla struttura saranno realizzati dalla “RAN.PLAST SRL+TIEFFE COSTRUZIONI SRL” da Modugno, la stessa RTI che ha eseguito i lavori, avranno una durata di circa 20 giorni per un importo aggiuntivo di 38.976 euro.

«La variante si è resa necessaria per adeguare i costi relativi alla sicurezza sul cantiere – spiega l’Ing. Satalinolievitati a causa del Covid e per un intervento volto al miglioramento dell’impianto d’illuminazione, concordato con la MTM che gestirà la struttura una volta ultimata, rendendolo più idoneo alle esigenze di una vera e propria piattaforma intermodale. I lavori saranno completati in meno di venti giorni e, una volta portati a termine tutti gli adempimenti amministrativi, la Velostazione entrerà in funzione nell’arco di un mese, offrendo un servizio di rimessaggio e custodia delle bici di proprietà».

Candidato a bando regionale “Interventi per l’aumento della mobilità sostenibile nelle aree urbane e sub urbane - POR Puglia 2014/2020 asse IV Az 4.4”, il progetto della Velostazione, inclusa la variante ultima, ha un importo complessivo di 450mila euro, di cui 300mila a valere sul Finanziamento Regionale e 150mila a valere sul Bilancio Comunale.

Molfetta. Venerdì prossimo doppio appuntamento con due personalità impegnate in modi diversi a combattere ogni forma di mafia

molfettagrassociottihomeMolfetta si prepara ad accogliere Pietro Grasso e don Luigi Ciotti, venerdì 4 marzo, inun doppio appuntamento con due uomini che hanno legato il loro nome alla lotta alla mafia e a tutte le forme di illegalità.

Pietro Grasso incontra gli studenti degli istituti superiori di Molfetta, alle ore 15 nell’Auditorium Regina Pacis (viale XXV Aprile). Organizzato dall’Associazione Artemia con il patrocinio del Comune di Molfetta, rientra nella rassegna Fuori Cartellone di Conversazioni dal Mare come sessione destinata agli studenti.

Per l’occasione sarà presentato il suo ultimo libro dal titolo “Paolo Borsellino parla ai ragazzi”, edito da Feltrinelli, che racconta la vita di Paolo Borsellino in 57 giorni e di una lettera lasciata a metà.
Dopo i saluti istituzionali di Maridda Poli, Assessore alla Cultura del Comune di Molfetta, Pietro Grasso, accompagnato dal giornalista Pasquale Caputi, dialogherà con gli studenti sui temi del libro.

Alle 18.30, don Luigi Ciotti sarà a Molfetta, nell'Auditorium Madonna della Rosa (Viale Papa Giovanni Paolo II), per l'iniziativa "Le imprese unite per lo sviluppo economica e la tutela della legalità".
Saranno ospiti della serata anche il Prefetto di Bari, Antonella Bellomo, e il Procuratore di Trani, Renato Nitti. L'organizzazione dell'evento è dell'Associazione imprenditori Molfetta, con il presidente Maddalena Pisani, assieme a Confcommercio, Confesercenti e Confartigianato.

Molfetta. Il nuovo vaccino sarà a disposizione tutti i martedì e giovedì in sei hub della ASL di Bari, tra cui quello di Molfetta

molfettahubnovavaxhomeParte anche in Puglia la nuova campagna di vaccinazione con Novavax, l'ultimo vaccino anti Covid che, a partire da domani, giovedì 3 marzo, sarà somministrato su base volontaria in modalità Open Day in sei hub dell'ASL di Bari, tra cui quello di Molfetta.

Il nuovo siero sarà a disposizione con accesso diretto tutti i martedì e giovedì nei seguenti centri vaccinali: Fiera del Levante a Bari, Alberobello, Altamura, Molfetta, Polignano a Mare e Sammichele di Bari. L’accesso, come già accade per le altre

vaccinazioni, continua ad essere libero, senza necessità di prenotazione.

«Il Novavax è il primo vaccino anti Covid a base di proteine allestito con metodiche tradizionali - spiega Letizia Rizzo, coordinatrice hub del Dipartimento di prevenzione - e ha la stessa efficacia degli altri vaccini”.

All’Asl di Bari sono state assegnate 21.300 dosi, consegnate oggi alla farmacia dell’ospedale Di Venere, centro di stoccaggio e di distribuzione aziendale.

Anche la ASL BAT ha organizzato due giornate di Open Day per la somministrazione di vaccino Novavax ai cittadini di età superiore ai 18 anni. Gli hub vaccinali di Andria, Barletta, Bisceglie e Trani saranno attivi il 3 e il 5 marzo dalle 9 alle 12.30.

Partita invece ieri, martedì 1° marzo, la somministrazione della quarta dose di vaccino per i soggetti fragili. A ricevere il richiamo, a distanza di almeno 120 giorni dall’ultima dose, sono le persone che presentano condizioni di estrema vulnerabilità per marcata compromissione della risposta immunitaria.

Molfetta. Il procuratore antimafia sarà protagonista dell'incontro in programma per questo pomeriggio Auditorium Regina Pacis, in via XXV Aprile

molfettapietrograssocontentLa Giornata internazionale contro le mafie, che ricorre ogni anno il 21 marzo, verrà anticipata a Molfetta in occasione di un incotro speciale. Pietro Grasso, procuratore nazionale antimafia, nel pomeriggio di oggi, venerdì 4 marzo incontrerà gli studenti degli istituti superiori di Molfetta. L'incontro, in programma alle ore 15 presso l'Auditorium Regina Pacis, è organizzato dall’Associazione Artemia con il patrocinio del Comune di Molfetta, l'evento rientra nella rassegna Fuori Cartellone di Conversazioni dal Mare, come sessione destinata agli studenti.Per l'occasione Pietro Grasso presenterà il suo ultimo libro dal titolo “Paolo Borsellino parla ai ragazzi” edito da Feltrinelli, che racconta la vita di Paolo Borsellino in 57 giorni edi una lettera lasciata a metà.

«Quella domenica di luglio, Paolo Borsellino si alzò alle cinque del mattino. Approfittò di quel momento di calma per scrivere una lettera di risposta a un liceo di Padova. Per capire chi era Paolo, quale fosse il dolore che provava in quei giorni, la determinazione che lo spingeva a lavorare senza sosta e perché avesse deciso di dedicare alcune ore delsuo tempo, così prezioso quell’estate, ai ragazzi di una scuola lontana, dobbiamo fare alcuni passi indietro, e raccontare questa storia dall’inizio. È la storia di un uomo, di un gruppo di amici e colleghi, di una stagione fatta di grandi successi e brucianti sconfitte. È anche una parte della mia storia personale, perché io ho conosciuto e ho lavorato con tutte le persone di cui vado a raccontarvi, ma è soprattutto un pezzo importante della storia del nostro Paese».

Il libro è una testimonianza civile per i più giovani, un modo per far conoscere, a chi in quel lontano 1992 non era ancora nato, la grandezza e il coraggio di un gruppo di giudici che lottarono per la verità. Di origine palermitana, Pietro Grasso è Procuratore nazionale antimafia, subentrato nel 2005 a Pier Luigi Vigna. Grasso inizia il suo cursus honorum entrando in magistratura nel 1969, a Barrafranca.

Verso la metà degli anni settanta comincia a indagare sulla pubblica amministrazione e sulla criminalità organizzata. Nel 1984 viene nominato titolare dell’inchiesta sull’omicidio del presidente della regione Sicilia, Piersanti Mattarella. Giudice a latere nel primo maxiprocesso a Cosa nostra. Consulente della commissione antimafia, diventa in seguito Procuratore della repubblica di Palermo. Il 17 marzo 2013 viene eletto Presidente del Senato della Repubblica. Nel 2017, in occasione dei venticinque anni dagli attentati ai giudici Falcone e Borsellino, esce “Storie di sangue, amici e fantasmi. Ricordi di mafia”.

Ogni anno Pietro Grasso incontra centinaia di studenti per raccontare la propria esperienza di lotta alla mafia e portare la straordinaria lezione di generosità e volontà di giustizia di Falcone e Borsellino, a Molfetta dialogherà con gli studenti del Liceo Classico e del Liceo Scientifico Albert Einstein, Itet Gaetano Salvemini, Liceo Vito Fornari, Istituto Ferraris, Liceo Levi Montalcini e Circolo dei Lettori.

Molfetta. La Diocesi di Molfetta – Ruvo – Giovinazzo – Terlizzi promuove l'invio di risorse economiche a favore della Caritas Ucraina

molfettadiocesicaritasucrainaLa Caritas della Diocesi di MolfettaRuvo – GiovinazzoTerlizzi invita la cittadinanza a copiere un gesto di carità nei confronti della società civile ucraina, che subisce dallo scorso 24 febbraio l'attacco offensivo delle forze armate russe.

«Nell'esprimere totale e incondizionata vicinanza al popolo ucraino per la assurda e feroce guerra in atto, che ha già mietuto centinaia di vite umane – si legge nella nota della Diocesi – e, facendo proprie le indicazioni di Papa Francesco, si invitano i fedeli alla massima solidarietà aderendo alla campagna promossa da Caritas italiana per l’invio di risorse economiche in favore di Caritas Ucraina, rinviando altre iniziative di solidarietà all’esito delle riunioni operative al momento ancora in corso.

L’invio di risorse economiche è al momento considerata, tanto da Caritas Ucraina quanto da Caritas Italiana, l’iniziativa più opportuna e praticabile – continua la nota – così da incoraggiare il tessuto economico-commerciale ucraino e permettere il reperimento dei beni di prima necessità ancora disponibili».

Per ulteriori aggiornamenti si rinvia alla consultazione dei canali ufficiali della Caritas Diocesana in costante contatto con i vertici nazionali.
Questa iniziativa coinciderà con la Quaresima di Carità.

Per donazioni con causale:
Guerra UCRAINA

IBAN:
IT35X07601 04 0000 00020 878708

INTESTATO A

DIOCESI DI MOLFETTA RUVO GIOVINAZZO TERLIZZI

 

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino