Redazione_Web Online

Redazione_Web Online

Molfetta. Resta poco o niente del parco divertimenti in cui si è sviluppato nei giorni scorsi un grosso incendio

molfettamiragicapostincendio 8L’ipotesi che ci fosse la mano dell’uomo dietro l’incendio che lunedì 18 luglio scorso è divampato intorno a Miragica si fa sempre più strada. A sospettare il dolo immediatamente a margine dell’accaduto, i Vigili del Fuoco di Molfetta impegnati a domare le fiamme e ad effettuare i primi rilievi. Stando a quanto emerso, infatti, il rogo potrebbe essere stato appiccato in più punti all’esterno della recinzione, per poi propagarsi grazie al vento all’interno del parco divertimenti, distruggendo quasi completamente le strutture presenti al suo interno.

Per chiarire le cause dell’incendio la Procura di Trani ha aperto un fascicolo d’indagine. A coordinare le attività, condotte in collaborazione con i Carabinieri della Compagnia di Molfetta e il Comando di Polizia Locale, la Pm Maria Isabella Scamarcio. Gli inquirenti passeranno al setaccio le immagini registrate dal sistema di videosorveglianza della struttura e delle aziende presenti in zona, alla ricerca di indizi e particolari che possano fare luce su una vicenda alquanto sospetta.

Miragica, inaugurata nel 2009 e chiusa dal 2018 a causa del fallimento della holding Alfa Park, era in attesa di essere posta all’asta per la quarta volta, come raccontavamo per ironia della sorte lo stesso giorno in cui si è verificato il grosso incendio.

Molfetta. Il percorso formativo è dedicato a ragazze e ragazzi dai 7 ai 13 anni. Iscrizioni a partire dal prossimo primo agosto

molfettaformazioneportieriMister Marco Andriani, affermatosi in pochi anni come il “maestro” dei portieri di Molfetta, mette a disposizione di tutti gli aspiranti portieri della città la sua preparazione e il suo talento. È in dirittura d’arrivo, infatti, la formazione della prima classe della Scuola per Portieri di Molfetta, una novità assoluta per chi sogna di diventare portiere o per chi lo è già.

Il percorso formativo è dedicato a ragazze e ragazzi dai 7 ai 13 anni di età, con possibilità di accedere a lezioni individuali. Le iscrizioni potranno essere effettuate a partire dal primo agosto, mentre il corso partirà ufficialmente il prossimo 16 settembre.

Per info e iscrizioni: dal lunedì al venerdì dalle 18.30 alle 20 presso i Campi di Viale Gramsci a Molfetta.

Molfetta. Tutti coloro che sono rientrati nelle graduatorie e hanno comunicato il proprio IBAN, troveranno accreditato il contributo sul proprio conto corrente

molfettacontributocase240122Sono in pagamento i contributi per il sostegno agli affitti. Complessivamente saranno erogati oltre un milione e settecentomila euro. Questo grazie al fatto che, al contributo iniziale di € 1.133.401,90, si sono aggiunti 200mila euro del Comune, sempre attento alle esigenze delle fasce più deboli, che hanno consentito a Molfetta di ottenere una premialità pari a € 406.896,54.

Tutti coloro che sono rientrati nelle graduatorie e hanno comunicato il proprio IBAN, troveranno accreditato il contributo sul proprio conto corrente bancario o postale intestato al richiedente/beneficiario.
Quanti non avessero ancora comunicato l’IBAN o avessero comunicato l’IBAN errato dovranno compilare il modello allegato da consegnare all'ufficio protocollo del Comune.
Si precisa che, per poter riscuotere gli importi superiori a mille euro, è obbligatorio l’accredito sul conto corrente.

Al fine di verificare la propria presenza in graduatoria  (Fascia A - Fascia B) tutti coloro che hanno presentato domanda potranno contattare gli uffici, fino a venerdì 29 luglio 2022, dalle ore 11.00 alle ore 13.00 e dalle ore 15.30 alle ore 17.30, chiamando il numero 3276252050.

Molfetta. Entro circa 15 giorni la nuova area sarà pronta e a disposizione di pazienti e utenti

molfettarenderingprontosoccorsocontentE’ partito, con la consegna dei lavori e l’apertura del cantiere avvenute nei giorni scorsi, l’intervento di restyling progettato dell’Area Tecnica della ASL Bari per rendere più accogliente il Pronto Soccorso dell’Ospedale “Don Tonino Bello” di Molfetta, nel quadro della più corposa riqualificazione che riguarderà il presidio.

Il progetto, pensato per superare le limitazioni dettate dagli spazi interni del Pronto Soccorso, prevede la collocazione di una struttura leggera in acciaio a copertura dell’area di attesa e di transito dei pazienti, con una cura particolare alle condizioni di comfort ambientale. E’ prevista, infatti, la chiusura parziale degli spazi con vetrate per consentire la climatizzazione (con due unità interne) degli ambienti di attesa, sia d’estate sia d’inverno, mentre per reggere il peso delle strutture si procederà alla realizzazione di una platea di fondazione in calcestruzzo armato.

La struttura finita avrà una superficie complessiva di 116 metri quadrati, distinti in un’ampia area di osservazione Covid con ambulatorio e attesa (59,50 mq), area servizi igienici (con quattro wc, di cui uno per disabili), area di attesa aperta e coperta (36,50 mq) e un passaggio coperto di comunicazione interno/esterno.

I lavori avranno un impatto estremamente ridotto sulla normale attività del Pronto Soccorso, giacché il pre-assemblaggio delle strutture metalliche avverrà in officina e in tal modo, entro circa 15 giorni, la nuova area sarà pronta e a disposizione di pazienti e utenti.

Molfetta. Il professionista si è spento all'età di 74 anni

molfettaalbertomaggialettiLa città di Molfetta dice addio con commozione ad Alberto Maggialetti, medico e luminare della radiologia, punto di riferimento per la comunità scientifica regionale e nazionale. Classe 1948, nel corso della sua lunga carriera ha ricoperto il ruolo di Presidente del Gruppo Regionale della Società Italiana di Radiologia Medica ed è stato Vicepresidente nazionale della Sezione di Studi di Radioprotezione.

Oltre a ricoprire questi prestigiosi incarichi, è stato membro della Società Europea di Radiologia e della Società Italiana di Neuroradiologia. La sua esperienza in campo medico ha inizio presso l'Ospedale di Canosa, dove diventa primario del reparto di Radiologia. Ha poi diretto il reparto di Radiologia presso l'Ospedale di Andria e, nel 2012, diventa consulente del centro di ricerche radiologiche di Molfetta, che porta il suo nome.

A ricordarne il grande valore professionale e umano, il sindaco di Molfetta, Tommaso Minervini, che in una nota dichiara: «E’ con grande dolore che abbiamo appreso della morte del dottor Alberto Maggialetti, punto di riferimento della radiologia a livello nazionale, stimato professionista, uomo di grande umanità ed intelligenza. Molfetta perde una di quelle persone che lasciano il segno e fanno grande la loro città di origine. Un uomo, con il quale ho stretto una lunga amicizia culturale ed affettiva, che lascia a Molfetta un patrimonio di conoscenza e di professionalità con il Centro ricerche radiologiche.

Alberto Maggialetti ha fatto onore alla sua professione, alla sua famiglia, alla sua terra. Ha portato avanti quella lunga tradizione di famiglia, di uomini e di donne che non si sono mai tirati indietro e si sono sempre prodigati per il bene della collettività. Sua madre, Donna Pia Siliberti Maggialetti, per decenni proprio al vertice del Centro ricerche radiologiche, tra i fiori all’occhiello della diagnostica nella intera provincia, da giovane aveva servito nelle crocerossine, suo nonno aveva ricoperto la carcia di Primo cittadino dal 1925 al 1927. Alla sua famiglia, ai suoi affetti più cari giungano il mio più sentito cordoglio e la mia vicinanza certo di interpretare il pensiero della intera città».

La cerimonia funebre si terrà alle ore 17 di domani, mercoledi 27 luglio, nella Chiesa del Sacro Cuore su Corso Umberto I.

Molfetta. Bollino rosso domani su tutta la Puglia. Nelle zone interne previste temperature tra i 38 e 40 gradi

molfettabanchinasandomenicoIl caldo torrido e l'afa non danno tregua a Molfetta e all'intera Puglia, attraversata da una nuova ondata di calore, determinata dall'anticiclone africano, che caratterizza la giornata di oggi e, soprattutto, quella di domani, mercoledì 27 luglio.

Nell’ultimo bollettino diffuso dal Ministero della Salute, il territorio di Bari è oggi contrassegnato dal bollino arancione, mentre per domani è previsto lo stato di massima allerta, contrassegnata dal bollino rosso. Anche a Molfetta, dunque, dove l’umidità e l’assenza di vento rendono ancora più insopportabili le alte temperature, l’arrivo di aria calda di origine nord-africana sta determinando un ulteriore incremento termico.

Le temperature massime previste saranno comprese tra 32-36 °C con locali punte massime superiori ai 38-40 °C nelle zone interne.

Molfetta. I laboratori itineranti proseguono ogni venerdì fino al prossimo 12 agosto

molfettacitylabprogrammacontentL’anima antica di Molfetta è al centro dei quattro appuntamenti esperienziali che compongono la quarta edizione della rassegna “Molfetta City Lab – Dalle radici al cuore”, messa a punto dall’associazione archeologico-culturale Antiqua Mater. Il primo evento, intitolato “Leporello per natura”, è andato in scena venerdì scorso al Pulo, luogo in cui Molfetta trae le sue origini. Tra la magia della dolina carsica e del villaggio neolitico di fondo Azzollini è partito questo viaggio alla riscoperta dei luoghi di interesse della città.

«Attraverso percorsi e attività esperienziali e laboratoriali, passeggiate e letture dedicate ai bambini dai 6 ai 10 anni – spiega la presidente di Antiqua Mater, Valeria Fontana – i partecipanti si immergono nell’ambiente, nella storia del luogo e delle sue peculiarità. I laboratori, così come sono stati pensati dalla presidente dell’associazione, dottoressa Valeria Fontana, mirano a stimolare la motricità fine, aumentare la concentrazione, attivare i cinque sensi nonché a stimolare la curiosità, la creazione e la fantasia per completare l’esperienza. Anche gli accompagnatori diventano parte integrante dell’esperienza, favorendo condivisione e complicità».

Il secondo appuntamento vedrà protagonista il Faro di Molfetta, uno tra i più antichi d’Europa, nel laboratorio che si terrà venerdì 29 luglio. I prossimi eventi si svolgeranno al Museo civico archeologico del Pulo, il prossimo venerdì 5 agosto e, infine, al mare e al Porto, cuore pulsante della città, il prossimo venerdì 12 agosto.

Il numero dei partecipanti è limitato, pertanto è necessaria la prenotazione per ogni singolo appuntamento. La partecipazione è gratuita. Per informazioni e prenotazioni è possibile rivolgersi al 347 064 56 08.

Molfetta. Il consigliere regionale Saverio Tammacco traccia una sintesi delle 150 pagine che compongono il piano di fattibilità messo a punto dalla Asl Bat

molfettaTammaccoL’atteso piano di fattibilità preliminare alla realizzazione del nuovo Ospedale del Nord barese tra Bisceglie e Molfetta, è stato ratificato dalla Asl Bat lo scorso 20 luglio e attende ora l’approvazione del Nucleo di Valutazione degli Investimenti del Ministero della Sanità.

Dopo il commento del sindaco Minervini, entra nel merito dei contenuti di progetto e cronoprogramma, il consigliere regionale Saverio Tammacco, che in una nota stampa dichiara: «Ringrazio i Sindaci Tommaso Minervini e Angelantonio Angarano delle città di Molfetta e Bisceglie, sulle quali ricadrà l’ospedale per aver lavorato con spirito collaborativo e di massima condivisione, dimostrando di avere a cuore gli interessi di un territorio che da troppo tempo aspetta risposte in merito alla salute dei cittadini. Ora la cosa importante è far conoscere ai cittadini quali caratteristiche avrà l’ospedale del nord barese e quali sono i suoi punti di forza.

Si tratterà di un ospedale di primo livello con 250 posti letto: due posti letto per stanza, con schermature flessibili per garantire la privacy nonché l’inserimento di “family zone” per i parenti che assistono i pazienti. Sarà, inoltre, dotato di un’area Emergenza-Urgenza, organizzata in tre aree distinte ma funzionalmente connesse tra loro quali il Pronto Soccorso e l’area di Osservazione Breve Intensiva per adulti; il Pronto Soccorso e l’area di Osservazione Breve Intensiva Materno – Infantile; l’area di diagnostica dedicata. Tutte e tre le aree, potranno contare su strumentazioni di ultima generazione.

Il blocco operatorio prevede 5 sale operatorie, di cui 1 per interventi ad alta complessità, 1 per ortopedia, 2 per chirurgia di base e otorinolaringoiatria e 1 per la gestione delle emergenze; il blocco operatorio comprende anche 1 sala ibrida e 2 sale di Day Surgery. Grazie alle attrezzature di ultima generazione, il chirurgo potrà essere guidato durante gli interventi in scopia radiologica; si potrà preparare l’intervento chirurgico attraverso l’interfacciamento delle immagini morfologiche e funzionali e i modelli integrati 3D, con i “punti di repere” dei sistemi di navigazione installati sul paziente posto sul letto operatorio; si potrà verificare il corretto esisto degli interventi effettuati sul paziente (impianti di protesi, sonde, cateteri, ecc.).

Altro blocco del nuovo ospedale sarà il Blocco Parto. Il punto nascita di I livello permetterà di effettuare fino a 1.200 parti annui. Sarà costituito da 3 sale travaglio/parto; 1 sala per tagli cesarei; 1 sala per parto in acqua. Il piano di fattibilità prevede anche un efficiente servizio di Diagnostica per immagini con

prestazioni specialistiche per pazienti interni ricoverati e per pazienti ambulatoriali esterni. Previste le prestazioni di radiologia convenzionale, Ecografia diagnostica pediatrica e dell'adulto (ECT); TAC, Risonanza magnetica, Ortopantomografia, Diagnostica senologica mammografica.

Un ospedale all’avanguardia degno di questo nome, che secondo i tempi previsti dallo studio di fattibilità seguirà un cronoprogramma di realizzazione di sei anni. Una tempistica da sogno, ma chi non spera che i sogni si avverino? Nelle more della costruzione, continuo a lavorare affinché l’attuale ospedale Don Tonino Bello, in decadenza, possa essere riqualificato sia sotto l’aspetto strutturale che con l’assunzione delle risorse umane necessarie. Saranno questi interventi a traghettare i territori verso l’ospedale del futuro».

Molfetta. Classe 2003, l’atleta irlandese rafforza il roster della Virtus in vista dell’inizio della nuova stagione in Serie C Gold

molfettavirtusCillianOConnellcontentPuntare sui giovani per dare al basket un futuro reale e concreto. È proprio in questo scenario che si inserisce il nuovo colpo di mercato messo a segno dalla Virtus Basket Molfetta. La società biancoazzurra è ben lieta di ufficializzare l’acquisto Cillian O’Connell, irlandese, classe 2003, che andrà a rafforzare il roster della Virtus Basket Molfetta in vista dell’inizio della prossima stagione in serie C Gold.

Cillian O’Connell è un altro importante tassello di spessore, per esperienza e qualità tecniche in grado di esprimere sul campo. L’irlandese, alto 186 centimetri, giocherà nel ruolo di playmaker, sfruttando le sue buone doti atletiche. È un giocatore molto rapido e dalle grandi doti balistiche.

Nonostante sia un atleta molto giovane, O’Connell può vantare esperienze importanti maturate proprio in Irlanda: nella scorsa stagione ha vestito la maglia dei “Tradehouse Central Ballincolig” nella massima categoria irlandese e, durante la sua carriera, ha avuto modo di rappresentare la sua nazionale nelle categorie giovanili U17 e U18.

La volontà della società, presieduta da Andrea Bellifemine, di puntare sui giovani per rinforzare il proprio roster è stata, ancora una volta, confermata dal Direttore Sportivo Mauro Lot, che in merito all’acquisto di Cillian O’Connell ha affermato: «È nostra ferma volontà puntare su atleti molto giovani proprio come Cillian, giunto da noi in collaborazione con la Virtus Academy 2020. O’Connell, infatti, non sarà l’unico giovane ad entrare a far parte del nostro roster, perché sono in arrivo altri atleti, giovani e dal futuro promettente».

Molfetta. L’evento, a ingresso gratuito, si terrà sabato prossimo presso l’Auditorium San Domenico

molfettaformazionesuiteconcertocontentL’incanto della musica classica torna a incantare l’estate molfettese con i Concerti da Camera della Formazione Suite. Il trio formato dal Flautista Alessio Bellarte, dall' Oboista Luciana Visaggio e dal Pianista Daniele de Palma si esibirà per il pubblico di Molfetta sabato prossimo, 30 luglio, all’interno dell’Auditorium San Domenico in occasione dell’evento “Notte di mezza estate”.

I tre musicisti della Formazione Suite interpreteranno alcune tra le più amabili e suggestive pagine musicali di Granados, Schumann, Donizetti, Saint Saens, Ravel e Mouquet. A condurre gli spettatori tra i brani selezionati per la serata, la dott.ssa Erika Caputi, che guiderà il pubblico durante l’ascolto.

La Formazione Suite, appena insignita del terzo premio nel Concorso Internazionale di Clavicembalo Wanda Landowska - esecuzione e composizione - categoria Musica da Camera, aspetta il pubblico molfettese sabato 30 luglio presso l'Auditorium S. Domenico con ingresso a partire dalle ore 19.30 e inizio alle ore 20 per una serata tra sogno e realtà tipica di una "Notte di mezza estate".

L'ingresso è gratuito. Per rimanere informati su tutti gli aggiornamenti, è possibile seguire la pagina ufficiale Facebook "Formazione da Camera Suite" o sul sito internet

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino