Redazione_Web Online

Redazione_Web Online

Molfetta. La presentazione ufficiale della fusione tra le due scuole di calcio si terrà mercoledì 3 agosto all’interno del Poli

molfettacalcioacademymolfettacontentNasce dalla fusione tra Football Academy Molfetta e Molfetta Calcio una nuova scuola calcio. La presentazione ufficiale del nuovo progetto calcistico si terrà a partire dalle ore 20 di mercoledì 3 agosto all’interno dello stadio comunale Paolo Poli, durante un momento di festa dedicato ai bambini.

Due tra le più importanti realtà calcistiche del circondario uniscono capacità e competenze in maniera sinergica e complementare: La Football Academy Molfetta, da oltre 20 anni presente nel territorio, continuerà ad occuparsi dell’attività di base attraverso un progetto ludico ricreativo dedicato ai più piccoli (Piccoli Amici, Primi Calci, Pulcini e Esordienti primo anno) mentre la Molfetta Calcio si dedicherà al progetto rivolto a Giovanissimi, Allievi, Juniores e alla nostra amata squadra del cuore, la squadra della nostra Città.

Molfetta. I volontari della sezione molfettese dell’ENPA denunciano una situazione al limite e caldeggiano le adozioni

molfettacanilesanitarioA estate inoltrata torna puntualmente a presentarsi il problema dei cuccioli nati da cani liberi, o di proprietà, che si aggiungono ai tanti randagi presenti sul territorio e in particolare nel canile sanitario, dove vengono spesso abbandonati.

A denunciare una situazione non semplice da gestire, la sezione ENPA di Molfetta, che in un post su Facebook comunica: «Il canile sanitario di Molfetta si è riempito di cuccioli e non è certo una novità…alcuni palesemente abbandonati dopo una cucciolata indesiderata, altri figli di cani liberi sul territorio…una tragedia per loro e per noi che adesso ci dobbiamo rimboccare le maniche per trovare la giusta collocazione ad ognuno di loro e agli altri cuccioloni ormai cresciuti che si trovano in canile.. siamo stanchi. Ma non ci possiamo arrendere. Nei prossimi giorni dopo tutti gli accertamenti veterinari ve li presenteremo».

I volontari dell’ENPA operano all’interno del canile sanitario, situato nella zona artigianale di Molfetta, e chiedono ai cittadini sensibili di adottare i cani, piuttosto che acquistarli, oppure di contribuire al loro incessante lavoro diventando socio della sezione (tesseramento presso L'angolino del corredo al civico 107 di Corso Umberto), o facendo una donazione su conto corrente: IBAN IT67M032684156005286803657B e con PayPal a questo link.

Molfetta. Il fermo biologico obbligatorio per il ripopolamento dei fondali disposto dal Mipaaf è in vigore dal 29 luglio scorso

molfettapeschereccioSono circa trecento i motopescherecci delle marinerie operanti lungo la costa barese che dalla mezzanotte di venerdì 29 luglio restano ormeggiati nei porti di Molfetta, Giovinazzo, Santo Spirito, Torre a Mare, Mola di Bari e Monopoli. Le attività di pesca riprenderanno dalla mezzanotte del prossimo 12 settembre.

Questa volta non si tratta di uno stato di agitazione, come accaduto più volte da marzo scorso a causa delle mobilitazioni in atto per il caro gasolio e le istanze avanzate al Governo, ma di un fermo biologico per il ripopolamento dei fondali disposto dal Ministero per le politiche agricole, alimentari e forestali che interessa anche le marinerie del foggiano.

Stop alla pesca dunque per i motopescherecci da Manfredonia a Monopoli, mentre potranno uscire regolarmente quelli delle marinerie brindisine, salentine e tarantine, per cui il fermo scatterà il 5 settembre e si concluderà il 4 ottobre. La misura assicura l’approvvigionamento di pesce fresco in un momento di alta stagione.

Il decreto ministeriale che dispone il periodo di fermo biologico prevede lo stop obbligatorio e continuativo per le unità di pesca che utilizzano le reti a strascico a divergenti, sfogliare rapidi e reti gemelle a divergenti, prevalenti nelle marinerie baresi.

Molfetta. Dal campionamento eseguito in prossimità di Torre Calderina non è emersa la presenza di nessun tipo di inquinante

molfettagolettaverdelegambienteMare pulito a Molfetta come in tutta Puglia secondo Legambiente, che nelle scorse ore ha diffuso i dati relativi all’ultimo monitoraggio di Goletta Verde. L’imbarcazione ha sostato a Trani e monitorato la costa del nord barese tra il 28 e il 30 luglio scorsi, constatando ovunque una qualità delle acque di balneazione entro tutti i limiti di legge.

Il team di volontarie e volontari di Legambiente che in questa stagione 2022 ha monitorato lo stato di salute di mari e laghi italiani, denunciandone le criticità e promuovendo esempi virtuosi di gestione e sostenibilità, ha monitorato ungo le coste della Puglia 29 punti, di cui 6 foci e 23 punti a mare, oltre ai due campionati da Goletta dei Laghi sul Lago di Varano.

Resta però alta l’attenzione sulla depurazione delle acque reflue: infatti sono 27, secondo i dati Arpa Puglia, i presidi depurativi che nel 2021 hanno presentato una non conformità alla Direttiva comunitaria (91/271) sul trattamento delle acque reflue urbane.

Goletta Verde ha al centro la lotta alla crisi climatica, la promozione delle rinnovabili, a partire dall'eolico offshore, e la tutela della biodiversità. Scarichi non depurati e inquinanti, incuria e inquinamento da microplastiche, cementificazione e captazione delle acque sono invece i temi principali al centro di Goletta dei Laghi.

«Siamo contenti dei risultati ottenuti dalla Puglia, ma non dobbiamo abbassare la guardia - dichiara Ruggero Ronzulli, Presidente Legambiente Puglia - Se è vero che la Puglia ha fatto grandi passi avanti nel settore della depurazione, è altrettanto vero che ci sono ancora 25 agglomerati urbani in Puglia sotto infrazione per una non conformità alle direttive europee. Oggi più che mai che siamo in una grave situazione di crisi idrica è incettabile che non si riesca a riutilizzare l’acqua affinata in agricoltura o si continui a portare i fanghi di depurazione in impianti fuori regione, questa non è economia circolare.  Dal monitoraggio effettuato da Arpa Puglia nel 2021, inoltre, emerge che sono 27 i depuratori che nel 2021 hanno presentato una non conformità alla Direttiva comunitaria sul trattamento delle acque reflue urbane».

Molfetta. Per il secondo anno consecutivo Exprivia ospita l’hub pugliese del Forum “The European House Ambrosetti”

molfettaexpriviaLa Banca Popolare di Puglia e Basilicata ed Exprivia saranno ancora una volta parte attiva del Forum The European House - Ambrosetti, giunto alla 48° edizione, che si terrà dal 2 al 4 settembre prossimi.

Per il secondo anno consecutivo, sarà ospitato l’Hub regionale, a Bari presso il Circolo Unione e a Molfetta presso la sede di Exprivia, per seguire in diretta streaming i lavori del Forum, che si tiene ogni anno nella Villa d'Este di Cernobbio sul lago di Como: “Lo scenario di oggi e di domani per le strategie competitive”.

L’Hub regionale, in concomitanza con l’evento di Cernobbio, anche per il 2022, rappresenta un’occasione unica di incontro e di dialogo per gli attori del tessuto produttivo, accademico e istituzionale della Puglia, con l’obiettivo di aprire uno spiraglio di comprensione e possibili soluzioni in uno scenario che - come ammette Banca d’Italia nel rapporto “Il divario Nord-Sud: sviluppo economico e intervento pubblico” - per certi versi è più̀ preoccupante, in quanto i divari si sono allargati e la questione meridionale è diventata ancor più̀ chiaramente parte di una più̀ ampia questione nazionale.

Tema centrale di quest’anno sarà il Mediterraneo, da tempo tornato a essere crocevia di tensioni e crisi che coinvolgono direttamente l’Europa e l’Italia, così fortemente legato al nostro Mezzogiorno, e al cui ruolo verranno dedicati scenari e proposte nelle tre giornate di evento.

«Torniamo a collegarci dalla Puglia con i lavori del Forum di Cernobbio – afferma Domenico Favuzzi, Presidente e Amministratore Delegato di Exprivia – importante momento di dibattito dopo la pausa estiva. Sarà l’occasione per offrire ai nostri stakeholder un momento di confronto sulle sfide che attendono le imprese pugliesi, e non solo».

Molfetta. L’atleta indosserà la maglia biancoazzurra nel ruolo di Guardia

molfettavirtusbasketbakayokoContinua per la Virtus Basket Molfetta la campagna di rafforzamento in vista della stagione 2022/2023 che la società biancoazzurra disputerà in serie C Gold.

Molto presto i coach Gianluca Gallo e Guido Vittorio potranno contare su di un nuovo innesto. Si tratta del francese, classe 2003 Bakayoko Joris, che ricoprirà il ruolo di Guardia. Alto 1,88 centimetri Bakayoko aggiungerà ulteriore qualità al team della Virtus Basket Molfetta nonostante la sua giovane età.

Nella stagione 2020/2021 ha militato come Under 18 in Francia nel Cep Lorient, mentre la scorsa stagione ha vestito la maglia Courbevoie, sempre nel campionato francese, per la categoria U21. L’innesto di Joris Bakayoko dimostra l’importanza che la società vuol dare alla componente giovanile durante la prossima stagione.

Fondamentale, anche nel caso di Bakayoko Joris, l’apporto fornito dalla collaborazione con la Virtus Academy 2020. «Confermo l’importanza della Virtus Academy 2020 – ha affermato il Presidente Andrea Bellifeminenell’acquisto del giovane francese classe 2003 che ha collaborato in modo proficuo per portare in Italia questo promettente cestista. Siamo convinti che il ragazzo riuscirà ben ad integrarsi nel nostro progetto e per l’occasione ringrazio l’AB Sport Management per aver favorito il buon esito della trattativa».

Molfetta. La comunità cattolica si prepara a vivere la solennità dell'Assunzione della Beata Vergine Maria che quest'anno terminerà con la processione per le vie della città il prossimo 20 agosto

molfettamariassuntaLa Confraternita di Maria Santissima Assunta in Cielo, con sede all’interno della parrocchia San Gennaro in Molfetta, dà il via oggi, domenica 31 luglio, ai preparativi per i solenni festeggiamenti in onore della Titolare.

Tutto avrà inizio a partire dalle ore 18.30, con la recita quotidiana del Rosario, della Messa e dell’antica preghiera della Quindicina al cospetto del simulacro ligneo dell’Assunta, scolpito nel 1809 dallo scultore napoletano Francesco Verzella. La giornata di oggi è in particolare dedicata agli anziani e agli ammalati, con la Celebrazione Eucaristica alle ore 9.30 presso la “Casa di riposo don Grittani” di Molfetta, oltre alla Celebrazione Eucaristica delle ore 19 presso la Parrocchia San Gennaro.

Tra i principali eventi in programma:

- 2 agosto: la Celebrazione Eucaristica sarà presieduta da don Silvio Bruno, parroco della Parrocchia San Domenico di Molfetta;

- 3 agosto: vedrà la partecipazione della Pia Associazione Femminile Maria SS.ma Immacolata di Molfetta alla Santa Messa e alla Quindicina, presiedute da don Raffaele Tatulli “Vicario generale della diocesi”;

- 4 agosto: la Celebrazione Eucaristica sarà presieduta da don Nicolantonio Brattoli (già viceparroco della Parrocchia San Gennaro), parroco della Parrocchia del SS. Redentore di

Ruvo di Puglia;

- 5 agosto: si svolgerà l’Adorazione Eucaristica comunitaria, alle ore 19:30;

- 6 agosto: sarà dedicata ai giovani della Confraternita e della comunità parrocchiale. La Celebrazione Eucaristica sarà presieduta da don Luigi Ziccolella, viceparroco della

Parrocchia San Gennaro. A seguire il recital “Fantasia teatrale: 10 gemme spettacolari +5”;

- 7 agosto: si terrà il tradizionale gemellaggio con la Confraternita di Maria SS.ma del Buon Consiglio e la vestizione di nuovi confratelli e consorelle. A seguire si svolgerà un concerto lirico-sacro interpretato da: Angela Cuoccio (Soprano), Marilena Gaudio (Soprano), Gianni Leccese (Tenore), Antonio Stragapede (Basso/Baritono), Alter Chorus diretto dal Maestro Antonio Allegretta, Emanuele Petruzzella (Pianoforte);

- 8 agosto: la Celebrazione Eucaristica sarà presieduta da Mons. Sergio Vitulano (già Padre Spirituale della Confraternita), viceparroco della Parrocchia Cuore Immacolato di Maria (San Filippo Neri) di Molfetta;

- 9 agosto: la Celebrazione Eucaristica sarà presieduta da Mons. Giuseppe de Candia (già Padre Spirituale della Confraternita), viceparroco della Parrocchia San Pio X di Molfetta;

- 10 agosto: sarà consegnato al gruppo di volontariato “Marta e Maria” il ricavato dell’iniziativa “Aiutaci ad Aiutare – Terza edizione”, una raccolta alimentare che si è svolta nelle mattinate di sabato 2, 9, 16 e 23 luglio presso diversi supermercati della città;

- 11 agosto: sarà dedicata ai bambini. In tale giorno sarà premiato/a il/la bimbo/a vincitore del concorso di disegno “Vestita di rose”, concorso di disegno per bambini nati tra il 2011 e il 2016 sul tema dell’Assunzione di Maria;

- 12 agosto: la Celebrazione Eucaristica sarà presieduta da don Gennaro Bufi, parroco della Parrocchia Sacro Cuore di Gesù di Molfetta e direttore dell’Ufficio Diocesano per le Confraternite;

- 13 agosto: dedicata alla vita consacrata. La Celebrazione Eucaristica sarà animata dalla Fraternità Francescana di Betania di Terlizzi. Subito dopo saranno assegnati alcuni premi ai partecipanti alla pubblica sottoscrizione indetta in sostegno delle attività culturali e caritative del Sodalizio;

- 14 agosto: si snoderà una fiaccolata per le vie del quartiere con meditazione sui momenti della vita di Maria.

Nella notte tra il 14 e il 15 Agosto è antica usanza lasciare balconi e finestre rischiarati dalla fioca luce di un cero. La Confraternita, per rinnovare e tramandare questa antica tradizione, distribuisce annualmente dei lumini aventi l’immagine dell’Assunta del Verzella, che potranno essere ritirati presso la sede della Confraternita.

Il 15 agosto, alle ore 8.30, sarà celebrata la prima messa e supplica alla Vergine; alle ore 10:30, la seconda messa e supplica alla Vergine, officiata dal Vescovo Sua Ecc.za Rev.ma Mons. Domenico Cornacchia; alle ore 19:00 il Padre Spirituale, don Liborio Angelo Massimo, presiederà la Celebrazione Eucaristica in suffragio di confratelli e consorelle defunti. Nel corso della giornata girerà per le strade della città la bassa musica “Città di Molfetta” (responsabile Aldo Gargano).

L’apice dei festeggiamenti sarà raggiunto il 20 agosto con lo svolgimento della processione cittadina del simulacro ligneo, con uscita alle ore 18 dalla Parrocchia San Gennaro, che percorrerà le seguenti vie: Sergio Pansini, Annunziata, Crocifisso, Santa Cecilia, San Benedetto, San Domenico, C.so Dante, P.zza Garibaldi, Tenente Fiorino, Alessandro Volta, Felice Cavallotti, Respa, C.so Margherita di Savoia, P.zza Vittorio Emanuele, Sergio Pansini.

La processione sarà accompagnata dalla “Bassa Musica Città di Molfetta” e dal complesso bandistico “Santa Cecilia – Città di Molfetta”.

All’arrivo del simulacro in Piazza Vittorio Emanuele verrà lanciato un pallone aerostatico della ditta “Di Rella” di Ruvo di Puglia a devozione di confratelli e consorelle.

La Confraternita desidera vivere in piena comunione con tutta la cittadinanza i solenni festeggiamenti in onore di Maria Santissima Assunta in Cielo, perciò invita i residenti lungo il percorso della processione ad addobbare i balconi con luci e coperte secondo l’antica usanza locale.

Molfetta. I quattro neoconsiglieri all’opposizione chiedono al sindaco di sospendere la procedura di gara e affidare il servizio agli uffici comunali competenti

molfettaaereaI consiglieri di centrodestra Pietro Mastropasqua, Adamo Logrieco (Fratelli d’Italia), Ippolita Germinario (Obiettivo Molfetta) e Mauro Binetti (Molfetta Nostra) si dicono contrari alla scelta della giunta Minervini, operata lo scorso 11 maggio con la ratifica di una delibera, che approva il bando di gara per l’individuazione di una società che gestisca i servizi di riscossione stragiudiziale e coattiva dei maggiori tributi comunali (IMU e TARI).

«La società che risulterà vincitrice della procedura ad evidenza pubblica, aggiudicandosi i suddetti due servizi di riscossione – sottolineano i consiglieri d’opposizione – nonché l’ulteriore servizio di assistenza al locale Ufficio Tributi, potrà applicare un aggio del 10% sulle somme recuperate e, inoltre, potrà incassare l’ulteriore aliquota del 3% o del 6% (in base al momento in cui avviene il recupero) che sarà direttamente a carico del contribuente, ossia i cosiddetti “oneri di riscossione”.

Per semplificare al massimo, se l’agente di riscossione fosse incaricato dal Comune di recuperare € 100,00 da un cittadino o da una impresa, chiederà un pagamento di € 106,00 al contribuente; di questi € 106,00, € 90,00 andranno al Comune (che quindi sacrifica il 10%) ed € 16,00 andranno all’agente di riscossione privato, tra cui vi sono anche quei sei euro in più che paga il cittadino.

All’Amministrazione, tuttavia, deve essere sfuggito che la Legge di Bilancio 2022 (L. n. 234 del 30.12.2021) ha riformato completamente il servizio pubblico di riscossione, quello dell’Agenzia delle Entrate, per intenderci.

A seguito della recente riforma, sono stati del tutto eliminati sia l’aggio sia gli oneri di riscossione, ed è stato previsto esclusivamente il pagamento allo Stato da parte dell’ente creditore di una quota pari all’1% di quanto riscosso.

Per tornare all’esempio di prima, se il cittadino o l’impresa hanno un debito di € 100,00 verso il Comune, Agenzia delle Entrate-Riscossione recupererà solo € 100,00, di cui € 99,00 andranno al Comune e € 1,00 andrà allo Stato.

A fronte di tali costi, sia per i cittadini che per l’Ente, vi è forse la certezza che il concessionario privato realizzerà maggiori entrate? È conveniente un appalto del valore di oltre 3 milioni di euro per i prossimi cinque anni? Noi esprimiamo dubbi e perplessità in merito.

Vogliamo essere chiari: riteniamo giusto che l’amministrazione voglia tentare di migliorare l’attività di recupero dei tributi, ma non in danno dei cittadini, delle imprese e delle casse comunali. Auspichiamo, anzi, che con una azione di recupero mirata, previo rafforzamento degli uffici preposti, si permetta una diminuzione della gravosa pressione fiscale che sopportano cittadini e imprese.

Chiediamo con forza che il Sindaco e gli Uffici, per quanto di loro competenza, vogliano immediatamente annullare in autotutela la gara in corso. In queste stesse ore, abbiamo trasmesso al Sindaco e ai competenti Uffici un’istanza formale in cui abbiamo esposto nel dettaglio questi ed altri profili di non conformità della gara in corso alla normativa di settore. Ci impegniamo, inoltre, a portare la questione in una prossima seduta consiliare».

Molfetta. L’esibizione si terrà questa sera nella Chiesa del Cuore immacolato di Maria (San Filippo Neri)

molfettafondazionevalenteconcertidestateTerzo appuntamento con “Concerti d’estate”, la rassegna estiva della Fondazione Valente, che per la serata di oggi, sabato 30 luglio, invita gli appassionati di musica all’ascolto del quintetto di voci maschili degli Italian Harmonists in “Classicheggiando”. Lo spettacolo si terrà questa sera alle ore 21 presso la Chiesa del Cuore Immacolato di Maria (San Filippo Neri).

Presieduta da Marcello Carabellese, con la direzione artistica di Sara Allegretta, la Fondazione Valente ha selezionato per il cartellone della rassegna estiva un gruppo di artisti partiti dal Teatro alla Scala di Milano e ormai affermati nel panorama musicale lirico grazie alle loro reinterpretazioni di autori come Rossini, Verdi e Puccini.

Ispiratisi ai “Comedian Harmonists”, gruppo vocale berlinese di enorme successo. Gli Italian Harmonists sono una formazione unica in Italia, capace di conciliare ironia teatrale e duttilità vocale, ma anche rigore tecnico e scrupolosa preparazione. Sarà uno spettacolo da non perdere, un’occasione straordinaria per ascoltare la magia di una vera e propria “orchestra vocale”.

Per il pubblico, la possibilità di avvicinarsi al mondo dell’opera ma con uno sguardo nuovo e moderno grazie al modo con cui le voci si uniscono tra loro in un unicum che dal giorno d’oggi trasporta in suggestioni senza tempo.

info e prenotazioni

349 787 39 41!

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ticket

online sul marketplace della “Fondazione Valente”

punti vendita

InfoPoint

via Piazza 27 (centro storico)

Bar IT

Corso Umberto 2

Bar Giza

via Giovinazzo

Queens Caffè Bistrot

via Fremantle 19

Molfetta. Presentato in anteprima il 7 luglio scorso, il docufilm è da ieri disponibile sul sito di Libera

molfettagiannicarnicellaPresentato in anteprima nel giorno in cui ricorreva il trentennale dall’omicidio di Gianni Carnicella, sindaco di Molfetta ucciso dalla mafia il 7 luglio 1992, il docufilm “Trentanni” è online sul sito di Libera.

Realizzato da Girolamo Macina, con la collaborazione di Marta Maria Desirè Palombella e del Presidio di Libera Molfetta "Gianni Carnicella", il docufilm racconta attraverso ricostruzioni storiche, immagini d’archivio e testimonianze dirette la vita e la brillante carriera dell’indimenticato sindaco di Molfetta e, inevitabilmente, anche la sua ingiusta e brutale morte.

A pochi mesi dal 23 maggio e dalla “Strage di Capaci” anche a Molfetta accade qualcosa che nessuno si sarebbe mai aspettato: Gianni Carnicella, il sindaco, viene ucciso ai piedi della chiesa San Bernardino, a pochi metri da quella che all’epoca era la sede del Comune.

«"Trentanni": un titolo sbagliato, con un errore da matita blu – spiegano dal Presidio di Libera Molfetta come sbagliato è l'epilogo della vicenda politica, storica e umana di Gianni Carnicella. Uno sbaglio che ha condizionato, probabilmente, la storia della città e del quale non c'è, ancora, piena consapevolezza.

L'errore nel titolo spera di ricordare, ad ogni lettura, ad ogni visione, il disagio che si dovrebbe avvertire ogni qual volta si ricordi quel tragico 7 luglio 1992».

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino