MOLFETTA. Facce... di bronzo per il CTT Molfetta

riccione ctt molfetta lug2012 1Molfetta - Un bilancio più che decoroso e per certi versi entusiasmante quello che ha accompagnato per tutta la durata della manifestazione la società del CTT Molfetta ai Campionati Italiani Assoluti di Categoria in programma a Riccione dal 9 al 26 giugno; tanti piazzamenti e ben due medaglie di bronzo a suggellare un torneo da protagonisti, ricalcando l’onda delle performance regionali.

Un esodo di massa quello della società pugliese, che ha potuto vantare la presenza di ben 10 atleti impegnati sui tavoli da gioco nelle rispettive categorie (singolo maschile/femminile seconda categoria, doppio femminile seconda categoria, singolo maschile/femminile terza categoria, doppio maschile/femminile/misto terza categoria, singolo maschile/femminile quarta categoria, doppio maschile/femminile quarta categoria).

A brillare ci ha pensato il solito Paolo Incardona, tornato con prepotenza nell’elite del tennistavolo nazionale, che è riuscito a conquistare un’inaspettata medaglia di bronzo nella gara di singolare maschile terza categoria, prevalendo durante il cammino su pongisti del calibro di Zakaryan, Carboni e Papa ed arrendendosi solo alla testa di serie n.1, Guerrini, in semifinale. Peccato per il suo stop nella gara più attesa, quegli ottavi di finale al quarta categoria, dove probabilmente la stanchezza e lo scarico nervoso hanno prevalso sull’atleta.

Restando in tema, per la serie “a volte ritornano”, cerchietto rosso per l’impresa di Valentina Racanati, al rientro dopo anni di inattività, con la sorella minore Viviana, caparbie nel conquistare il gradino più basso del podio nel doppio femminile terza categoria. sfoderando grinta e tenacia da vendere sin dal primo turno, quando lo spettro dell’eliminazione incombeva salvando due match-point. Ma il duo coriaceo al femminile non si è mai disunito e, trovandosi in svantaggio in più di una circostanza nel corso dei turni eliminatori, è sempre riuscito a rimontare finchè ha dovuto alzare bandiera bianca al quinto set alla coppia Nevola-Mauriello.

Arrivare a medaglia su oltre 1000 atleti che hanno preso parte alla spedizione romagnola è certamente motivo di orgoglio, ma anche chi non è riuscito in questo privilegio merita la propria degna citazione.

Citazione onorevole per il talento di casa Ignazio Mongelli, impegnato addirittura su cinque fronti e messosi in luce nelle gare di terza categoria ed in particolare in quella di quarta categoria, vincendo il proprio girone e piazzandosi nei primi 128; altrettanto dicasi per il cammino del campione regionale Ruggiero Rutigliano, capace di superare girone e due turni eliminatori chiudendo la propria corsa nei sessantaquattresimi di finale.

L’astro nascente Christian Lotito avrà modo di ricordarsi a lungo dei suoi primi Campionati Italiani, essendo stato capace di passare il proprio girone eliminatorio ed il primo turno nella gara di doppio in coppia con Michele de Trizio, il quale invece non è riuscito ad andare oltre la terza piazza del proprio girone nel 4^ Cat.; stessa sorte per il giovanissimo Mimì Germinario che ha dovuto accettare l’amaro verdetto pur avendo alla portata il passaggio del turno. Destino avverso anche per Luciano Bellapianta trovatosi dinanzi ad un girone decisamente ostico di fronte al quale nulla ha potuto.

In campo femminile nelle prove di singolare seconda categoria le sorelle Racanati non riescono a qualificarsi per il tabellone principale; marcia stoppata ai piedi del podio nel terza categoria per Valentina, arresasi alla più esperta Gambacorta nei quarti di finale, mentre la soddisfazione di strappare un set nei sedicesimi di finale alla finalista Sattler per Viviana è comunque monito di un cammino ed un gioco nel complesso positivo.

A chiudere il gruppetto delle donne in gara la giovane Francesca Bufi impegnata nel doppio femminile quarta categoria e nei singolai di terza e quarta categoria; prestazioni avare dal punto di vista dei risultati, ma incoraggianti sotto l’aspetto del gioco, nello specifico nella gara di quarta categoria dove ha sfiorato di un nonnulla la singola vittoria nel girone.

Infine non può mancare una menzione speciale all’atleta molfettese più rappresentativa, Rossella Scardigno, divisa nella circostanza solamente dai colori (TT Zeus Cagliari) ma non dinanzi al cuore ed al gruppo: un plauso sentito per l’oro nella categoria doppio femminile seconda e per l’argento nel doppio assoluto in coppia con Ileana Irrera (ex TT Respa), nonchè per l’argento nel doppio misto seconda categoria con Alessandro Di Marino.

A margine di una dieci giorni targata CTT Molfetta si chiude una stagione che ha regalato sorrisi e gratificazioni a dismisura, con le promozioni in Serie C1 e D1 ed i titoli regionali ad inficiare un’annata super. Ma di davvero super questo sodalizio non ha scoperto di avere certo qualche riconoscimento personale, bensì uno spirito di gruppo davvero unico nel suo genere.

riccione ctt molfetta lug2012 2

riccione ctt molfetta lug2012 3

riccione ctt molfetta lug2012 4

Last modified on Giovedì, 03 Dicembre 2020 14:40

JoomBall - Cookies

© 2020 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino