MOLFETTA. I reperti archeologici del Pulo tornano a casa: Mancini ringrazia l’assessore Petruzzella

museo del pulo ex casina cappellutiMolfetta - Riceviamo e pubblichiamo:
I reperti archeologici del Pulo di Molfetta sono tornati a casa, a Molfetta, in un luogo carico di suggestioni e storia qual è l’ex Casina “Cappelluti”, un’antica casa di campagna adibita un tempo a Lazzaretto e oggi divenuta Museo Civico Archeologico del Pulo dopo decenni di abbandono. Domenica prossima, 25 novembre, il Museo Civico Archeologico del Pulo sarà inaugurato alla presenza del Ministro per i Beni e le Attività Culturali, Lorenzo Ornaghi.

Si tratta di un evento ricco di molteplici significati storici. Perché coincide con la nascita di quello che è il primo museo civico nella nostra città; perché segna il ritorno nella loro terra d’origine (proprio a due passi dal Pulo) di antiche testimonianze appartenenti alla nostra dolina carsica e alla nostra storia; perché apre prospettive nuove nello sviluppo di questo territorio, un territorio che negli ultimi anni si è affacciato seriamente al turismo e alla valorizzazione della cultura; infine, perché restituisce un futuro nuovo a un immobile che è patrimonio di tutti i cittadini.

Per questo il recupero architettonico e funzionale dell’ex Lazzaretto, insieme con la destinazione a Museo e il ritorno a casa dei reperti archeologici, rappresenta il sunto migliore di quella che è stata l’Amministrazione Azzollini: la firma di una stagione politica straordinaria che ha reso questa città, una città migliore.

La riapertura di “Casina Cappelluti” vuol dire saper ripartire dal passato, ripercorrere le orme della nostra cultura e su quelle costruire un cammino che porta a un futuro migliore.

Last modified on Giovedì, 03 Dicembre 2020 10:32

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino