MIRAGICA, DOMANI L'ASTA PER LA VENDITA. «STRUTTURA DAL GRANDE POTENZIALE»

Molfetta. Alla vigilia della procedura di gara per la vendita del parco divertimenti, Roberto Maggialetti si dice disponibile a collaborare con una nuova ipotetica proprietà

molfettaastamiragica03022022È iniziato il conto alla rovescia per la vendita all’asta di Miragica, il parco divertimenti di Molfetta che giace in stato di totale abbandono dal 2018. Mancano infatti poco più di 24 ore all’inizio della procedura di vendita, previsto per le ore 14.30 di domani, venerdì 18 febbraio, mentre il termine ultimo per la presentazione delle istanze di partecipazione alla gara, qualora ce ne siano state, è fissato per le ore 12 di oggi. Per poter partecipare all’asta bisognava versare una cauzione di circa 490mila euro, ovvero il 10% del prezzo di partenza, che sfiora i 4 milioni e 9cento mila euro, oneri inclusi.

A tanto ammonta la stima eseguita sulla “Gardaland del Sud” dagli esperti della Avacos Srl, società incaricata dal Tribunale lombardo per effettuare la perizia sui beni mobili e immobili provenienti dal fallimento della società bresciana Miragica Spa.

Il parco tematico si estende su una superficie di oltre 100mila metri quadrati su un terreno a base regolare, in una posizione logisticamente strategica, a poco più di un chilometro dalla costa. All’interno, quello che resta delle 17 attrazioni dedicate ai bambini e a tutta la famiglia, un teatro all’aperto da 700 posti dotato di sala prove, camerini, spogliatoi e un deposito attrezzato, chioschetti per la vendita di pizza o gelato, un angolo fast food, un ristorante con 300 posti a sedere, un cinema 4D, fontane danzanti, un’autopista per macchinine a gettone, un ampio parco attrezzato con panche e tavolini annesso al castello incantato e molto altro, considerando anche gli ampi spazi dedicati esclusivamente al personale in servizio.

A esprimersi su un’ipotetica nuova vita per Miragica, Roberto Maggialetti, imprenditore molfettese gestore della storica DF Disco e attivo nel campo nella ristorazione, che avevamo sentito tempo fa sulla riapertura delle discoteche. Come per quel settore, anche per Miragica Maggialetti intravede soluzioni simili: «Bisognerebbe rimodulare l’offerta d’intrattenimento che la struttura offre e convertirla in qualcos’altro. A due passi dal mare, da un villaggio dello shopping e pressoché nient’altro, io ci vedrei un parco acquatico per diversi target, dalla famiglia alle coppie, dalle comitive di ragazzi in vacanza a chi pratica sport acquatici. Manterrei invece a grandi linee intatto il paradigma dei servizi già presenti.

Sarebbe bello se Miragica fosse rilevato da una società del posto, magari da una cordata d’imprenditori molfettesi – continua Maggialettiin questo caso sarei pronto a dare il mio contributo al nuovo progetto in maniera fattiva. In tanti vorremmo che quella struttura tornasse a funzionare, temo però che anche questa asta andrà deserta, affinché venga ulteriormente ridotto il prezzo di base. E nel frattempo la struttura continuerà inevitabilmente a perdere valore».

La gara di domani si svolgerà nella modalità telematica sincrona mista, cioè in via telematica e “in presenza”, innanzi al referente della procedura. Gli offerenti telematici che saranno ammessi alla gara parteciperanno attraverso il sito fallcoaste.it, mentre gli offerenti che partecipano in maniera tradizionale dovranno presentarsi presso lo studio del Curatore Fallimentare in Via Moretto n. 84 a Brescia.  

Last modified on Giovedì, 17 Febbraio 2022 09:38

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino