GITA AL PULO CON SUPER GREEN PASS, DUE STUDENTI RESTANO A CASA. I GENITORI: «È PARADOSSALE»

Molfetta. Due studenti non vaccinati sono costretti a rimanere a casa, perché l'ingresso al sito archeologico è consentito solo con Green Pass rafforzato

MolfettaPulo16022022La scuola organizza una visita guidata al Pulo di Molfetta, ma l'ingresso è off limits per due studenti non vaccinati. Per accedere al sito archeologico, infatti, è indispensabile essere provvisti di super Green Pass da esibire all’entrata.

In linea con le disposizioni del Governo nazionale, in vigore fino al 31 marzo prossimo, termine che segnerà, si spera, la fine dello stato d'emergenza, la direzione comunale del polo culturale ha previsto l'ingresso esclusivamente previa esibizione del Green Pass rafforzato, escludendo quindi la possibilità di accedervi con referto negativo di test rapido, antigenico o molecolare.

«Questa è vera discriminazione – denunciano i genitori dei ragazzi esclusi dall'attività didattica – soprattutto se si considera il fatto che si tratta di un luogo di cultura, che dovrebbe per definizione essere accessibile per giunta all'aperto. Fosse stata una visita all’interno del Museo del Pulo, sarebbe stato comprensibile limitare l’ingresso a chi ha il super Green Pass, ma da quasi una settimana all’aperto non è più obbligatoria nemmeno la mascherina!

Sono disposizioni che hanno poca logica e che gravano sulla serenità dei ragazzi, già fortemente penalizzati dal distanziamento sociale, dall’apprendimento a distanza e da tutte le difficoltà che la pandemia ha causato. Ci rendiamo conto che l’istituto non può farci niente e rispetta delle regole imposte a livello locale e nazionale, ma è ingiusto far subire ai ragazzi anche questo tipo di disagio. La cultura deve unire, non dividere. Poteva essere valido anche il Green Pass base per la visita al parco archeologico, ad esempio. Per questo – concludono i genitori – speriamo che almeno alcune delle regole imposte possano trovare più rispondenza con le esigenze della cittadinanza, specialmente di bambini e ragazzi, oltre che con il comune buonsenso».

Per inviare una segnalazione a Il Fatto Molfetta, è possibile contattare come in maniera anonima la Redazione cliccando su questo link, oppure rivolgendosi al direttore Giulio Cosentino via WhatsApp al 334 175 81 50 e tramite mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Last modified on Mercoledì, 16 Febbraio 2022 17:54

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino