MOLFETTA. IL SINDACO TOMMASO MINERVINI RICORDA GRAZIANO FIORE

MOLFETTA. Domani, 28 luglio, corre il 78esimo anniversario della morte di Graziano Fiore, giovane liceale molfettese caduto nel 1943 a Bari durante una manifestazione per mano dei fascisti, a tre giorni dalla caduta del regime e della deposizione di Benito Mussolini. “Graziano Fiore – ricorda il sindaco Tommaso Minervini – morì nella strage di via Niccolò dell’Arca assieme ad altre 19 persone: due ragazzi di appena 13 anni, alcuni insegnanti, studenti liceali e universitari. Graziano ha fatto parte di quella generazione di ragazzi che si sono formati al liceo classico di Molfetta nel segno del pensiero libero e critico. E tra quei maestri, che spronavano i più giovani alla libertà e alla presa di coscienza contro il fascismo, c’era suo padre Tommaso Fiore, dal quale non poteva che ereditarne gli ideali”. “Ricordare il sacrificio di quella generazione di ragazzi – conclude il primo cittadino – è il dovere, morale e civile, della memoria. La memoria è composta da eventi decisivi della nostra storia, che formano l’identità della nostra comunità, da cui non si può prescindere oggi e per il futuro”.



Last modified on Martedì, 27 Luglio 2021 09:37

JoomBall - Cookies

© 2020 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino