Print this page

MOLFETTA.DIGRESSIONE MUSIC PRESENTA: “IL RITORNO DEL MAESTRO”. LA PUGLIA RISCOPRE ANTONIO GIDIULI ILLUSTRE PROTAGONISTA DELLA GRANDE TRADIZIONE BANDISTICA MERDIONALE

By Marzo 20, 2021

MOLFETTA. Da domani domenica 21 marzo è disponibile online il progetto vincitore del bando Puglia Sounds Producers che celebra Antonio Gidiuli (1869-1941), uno dei protagonisti assoluti della tradizione bandistica pugliese. La pièce teatrale «Il ritorno del maestro» dedicata al direttore e compositore di Fasano, verrà trasmessa sul canale youtube dell'etichetta Digressione Music, la casa discografica di Molfetta fondata da Don Gino Samarelli cui si deve la produzione dell'opera, ispirata all'omonimo romanzo di Gabriele Longo. La voce recitante è di Valerio Bianco, accompagnato dalle musiche originali di Silvestro Sabatelli, che dirige la banda Città di Fasano «Ignazio Ciaia». Le riprese sono state effettuate il 7 e 20 dicembre 2020 a Fasano, nel Teatro Sociale e nella Sala Ulisse di Palazzo Bianco, da Giampiero D'Agostino (presa del suono e missaggio di Giovanni Chiapparino, scenografie di Giovanni Angelini). Con «Il ritorno del maestro» si aggiunge un nuovo importante tassello nella ricostruzione della storia delle bande pugliesi e dei suoi protagonisti attraverso l'epopea di un illustre esponente, punto di congiunzione tra la vecchia scuola ottocentesca e quella sviluppatasi a cavallo tra fine del XIX e inizio del XX secolo in Italia e, in particolar modo, nelle regioni meridionali. Un progetto, dunque, in linea con gli obiettivi di Puglia Sounds, agenzia impegnata a sostenere la riscoperta, valorizzazione, conservazione e divulgazione del patrimonio culturale della regione. Nipote di un autorevole direttore di banda che porta il suo stesso nome, Antonio Gidiuli si afferma sulle orme del nonno prima come flicornista, poi alla guida delle più importanti formazioni pugliesi. Inoltre, arricchisce il repertorio con nuove musiche, tra cui un brano scritto come regalo di nozze per il matrimonio tra Vittorio Emanuele ed Elena Petrovich, celebrato a Bari, nella Basilica di San Nicola, il 24 ottobre 1896, e per l'impresa di Fiume compiuta dal poeta Gabriele D'Annunzio. Gidiuli debutta giovanissimo, a soli nove anni, come flicornista, in occasione di un concerto della Banda di Fasano a Bari, accompagnato dal nonno, che fa conoscere al nipote i migliori maestri della regione, da Vincenzo Calella a Vincenzo Canale e Nicola Paternò, direttori che operano tra Fasano, Locorotondo e Montemesola, località della regione tutte con una consolidata tradizione bandistica. Antonio ha diciassette anni quando muore il nonno, dal quale erediterà l'arte della direzione. E nel 1887 viene arruolato dal Regio Esercito nel 16° Reggimento Fanteria. Nella banda militare entra in contatto con Alessandro Vessella, il futuro docente di composizione al Conservatorio Santa Cecilia del quale qualche anno dopo il musicista pugliese diventerà allievo. L'occasione gliela dà il brano «Le nozze» scritto per il matrimonio di Vittorio Emanuele. Gidiuli non riesce a consegnarlo di persona ai sovrani, per cui spedisce la partitura alla regina, la quale lo ringrazia offrendogli una borsa di studio per studiare proprio con Vessella al Conservatorio di Santa Cecilia. Intanto, nel 1894 Gidiuli inizia a dirigere la Banda di Locorotondo, con la quale va in tournée all'estero, in Svevia, a Praga, a Monaco, quindi, a Trieste, all'epoca occupata dagli austriaci. Nel 1906 prende in mano la banda di Casamassima impegnandosi per la costituzione di una Federazione Musicale finalizzata alla tutela dei musicisti di banda. Quindi, il ritorno a Locorotondo, la celebrazione delle imprese di D'Annunzio con la composizione «Fiume», l'esperienza con la Banda di Bitritto e, nel 1928, la vittoria con la Banda di Corato del primo premio al nascente Concorso bandistico internazionale di Roma presieduto da Pietro Mascagni, affermazione che consente al musicista di incidere due brani per la Columbia Graphophone, la futura etichetta discografica Emi.

 

 

Last modified on Sabato, 20 Marzo 2021 12:20