MOLFETTA. PIU’ GENERAZIONI UNITE NELL’AMORE PER BATTISTI. INCANTA LA VOCE DELLA MOLFETTESE VALENTINA SIGRISI

incantalavoce080518Molfetta. Molti non l’hanno nemmeno conosciuto, vista la giovane età, ma Battisti rappresenta una pietra miliare della musica anche per i suoi testi che in tanti, se non tantissimi conoscono a memoria.

Il Centro di Musica Contemporanea ha voluto ricordarlo presso il teatro Garibaldi di Bisceglie con lo spettacolo “Canto libero - omaggio a Lucio Battisti”.

Nonostante siano passati venti anni dalla scomparsa di Lucio Battisti, avvenuta il 9 settembre 1998, il ricordo del cantautore reatino è sempre vivo e scolpito nella memoria di tutti gli italiani, essendo stato fautore di una svolta non solo a livello musicale ma anche per quanto attiene la moda, le tendenze e i modi di pensare.

Ha infatti segnato un’epoca e, per dimostrare quanto era amato, è bastato ascoltare il numeroso pubblico che ha cantato insieme ai protagonisti sul palco tutti i suoi successi.

La Fondazione musicale Biagio Abbate ha voluto omaggiare Lucio con uno spettacolo molto piacevole che ha preso il nome dal titolo di una delle sue più celebri canzoni, "Il mio canto libero", scritta a quattro mani con l'amico di sempre Mogol ed incisa nel 1972.

A presentare la serata e ad introdurre gli ospiti la brava e bella attrice molfettese Isabella Ragno, che ha scherzato con gli artisti coinvolgendo il pubblico in sala.

Sul palco si è susseguito un ricco cast di band musicali e duetti (fra i partecipanti Ondasonora, Theorema, i Deca e la partecipazione straordinaria di Natale e Maurizio Buonarota, ndr) che hanno riprodotto l'intero percorso musicale del compianto Battisti: da "Emozioni" a "Fiori rosa fiori di pesco" passando a "I giardini di Marzo" per poi toccare il periodo introspettivo anni ottanta con le collaborazioni di Pasquale Panella. I brani dell'artista di Poggio Bustone hanno fatto da cornice ad una grande serata di spettacolo e riflessione.

Infatti ad inizio serata vi è stata una parte recitata in cui sono state declamate proprio le parole di Lucio, un concentrato di poesia infinita.

Fra le interpretazioni proposte una nota di merito particolare va all’artista molfettese Valentina Sigrisi che con la sua voce ha incantato il pubblico, fra cui lo stesso sindaco Vittorio Fata, presente in sala, per l’intensità emotiva trasmessa.

La giovanissima artista che, nonostante l’età ha un lungo curriculum con al suo attivo diverse incisioni, ha appena lanciato il nuovo singolo “Così” a cui seguirà il video clip.

Ancora uno spettacolo godibilissimo a cura della Fondazione Musicale Biagio Abbate, che sta proponendo musica di classe nelle varie versioni, da quella classica con il concerto evento con Catia Ricciarelli, al repertorio bandistico, per concludere con gli eventi dedicati alla musica leggera.

Paola Copertino

Last modified on Giovedì, 03 Dicembre 2020 22:35

JoomBall - Cookies

© 2020 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino