Redazione_Online

Redazione_Online

MOLFETTA. A una settimana dall’ultimo aggiornamento, il Sindaco nel consueto video messaggio ha annunciato che il numero dei positivi nella nostra città è pari a 472. In una settimana il numero dei contagi è aumentato di dieci unità, dato positivo, sottolinea il Sindaco, se paragonato alle settimane passate in cui l’incremento dei contagi toccava le 30/40 unità. “Registriamo per la prima volta una flessione importante di questi incrementi. Faccio gli auguri a chi è ancora in ospedale, e a chi è uscito dall’isolamento e a chi è ancora in isolamento, ma sta attendendo il risultato dei tamponi”. Minervini ha poi ringraziato i donatori dei mille tamponi che saranno usati per il personale scolastico al ritorno dalle vacanze natalizie e tutti i protagonisti delle attività benefiche che si sono svolte per i concittadini meno abbienti. Il Primo cittadino ha concluso il suo discorso con le seguenti parole: “L’autodeterminazione e la responsabilità di ognuno di noi sono fondamentali per fare in modo che l’andamento della diffusione del Covid-19 rallenti, per questo ricordo l’importanza del rispetto delle regole di base: uso della mascherina ed evitare assembramenti”.

 

MOLFETTA. Quando gli agenti della Polizia locale hanno invitato, il protagonista di questa vicenda a indossare la mascherina, si è rifiutato e dato alla fuga. Il soggetto è stato bloccato dopo un breve inseguimento, ed è stato denunciato per essersi rifiutato di fornire le proprie generalità e per oltraggio a resistenza a pubblico ufficiale, oltra alla sanzione per non aver rispettato le normative anti-Covid. Protagonista della vicenda un giovane, che alle 9 di questa mattina è stato fermato dagli agenti della Polizia locale in piazza Vittorio Emanuele. Il suo tentativo di fuga però si è concluso dopo qualche minuto in via Bufi.

MOLFETTA. Nella terza giornata del campionato di Serie B, la Pavimaro Pallacanestro Molfetta viene sconfitta sul parquet del Cus Jonico Taranto con il punteggio di 83-81, al termine di una partita condotta dai padroni di casa e recuperata dai biancorossi negli ultimi dieci minuti, prima della prodezza decisiva sulla sirena di Stanic. Coach Carolillo inizia la partita con Dell’Uomo, De Ninno, Gambarota, Bini e Visentin; Coach Olive risponde con: Stanic, Morici, Duranti, Azzaro e Matrone; partono subito forte i padroni di casa con le triple di Duranti e i canestri di Matrone costringendo la panchina molfettese a chiamare time-out (13-0), al rientro in campo i biancorossi si sbloccano con il canestro di De Ninno ma non riescono a contenere la squadra di casa che ancora con Duranti sulla sirena fissa il punteggio alla fine del primo quarto sul 25-9.
Nel secondo periodo Taranto raggiunge anche il più venti prima della reazione dei biancorossi affidata a Bini e Dell’Uomo che riportano Molfetta fino al meno nove (32-23), prima del nuovo strappo della formazione tarantina con Morici che chiude il primo tempo sul 40-25.
Nel terzo quarto la Pavimaro Molfetta ci prova a rientrare in partita ma Matrone, Morici e  Azzaro regalano nuovamente il più venti ai padroni di casa (57-37), Calisi ci prova a suonare la carica con la tripla ma le due squadre vanno all’ultimo mini riposo sul 65-49 per i padroni di casa.
Negli ultimi dieci minuti di gioco dopo la tripla di Longobardi, i canestri di Serino e Bini e le  tre triple  consecutive di Dell’Uomo riportano Molfetta a contatto (73-66), Taranto prova a chiudere la partita con Stanic ma Bini dall’altra parte risponde con cinque punti in fila (77-73), dopo il canestro di Azzaro è Gambarota da oltre i sei e settantacinque a riportare i suoi a un solo possesso di distanza (79-76) e nel momento del bisogno ancora Daniele Dell’Uomo con la tripla a quattro secondi dalla fine impatta il punteggio a quota 81. Dopo il time out chiamato da Coach Olive il canestro di Stanic in penetrazione sulla sirena regala la vittoria al Cus Jonico Taranto. Nonostante la sconfitta buona prestazione della Pavimaro Pallacanestro Molfetta che nonostante un avvio difficile è riuscita a recuperare, grazie a un grande ultimo quarto, e giocare un finale punto a punto; prossimo impegno per i biancorossi domenica 20 Gennaio al Pala Poli contro Nardò.

Cus Jonico Taranto: Morici 18, Matrone 17, Duranti 17, Azzaro 10, Stanic 9, Longobardi 5, Pellecchia 3, Fiusco 3, Agbortabi 1,Manisi, Bruno. Coach Olive.
Pavimaro Pallacanestro Molfetta: Bini 20, Dell’Uomo 20, Gambarota 13, De Ninno 11, Visentin 8, Calisi 5, Serino 4, Azzollini, Kodra, Sasso, Totagiancaspro, Mezzina. Coach Carolillo.

MOLFETTA. «Anche in tempo di Covid-19 la Scuola non si ferma». È questo uno slogan che abbiamo sentito più volte in questi mesi nei programmi televisivi dedicati alla Scuola e alle sue attività di didattica a distanza. Ed è ciò che si sperimenterà nella settimana dal 15 al 21 dicembre p. v. presso il Liceo Scientifico “A. Einstein” di Molfetta e presso tutta la comunità dei due Licei cittadini (A. Einstein e L. da Vinci) con la celebrazione della Settimana della Cultura Scientifica, giunta alla seconda edizione, dedicata alla pandemia da coronavirus che sta attanagliando il mondo intero da ormai un anno. Ai più sembrerebbe una tematica ormai scontata e ridondante, visti i palinsesti televisivi e lo spazio che i social dedicano all’argomento, ma come Scuola siamo convinti che parlare in termini appropriati del tema potrebbe ricalcare l’assunto psicologico sostanziato nell’affermazione secondo cui “la paura del noto è più gestibile della paura dell’ignoto e del non conoscibile”,  considerato che sull’argomento non sempre i mezzi di comunicazione fanno una buona e attendibile formazione, limitandosi ad una semplice informazione, a volte anche discutibile. Senza contare che la Scuola non potrà mai derogare ad altri le sue peculiari funzioni pedagogiche e formative, specie se i destinatari sono i giovani e i futuri professionisti di domani. Proprio sul punto di vista formativo saranno centrate le giornate dedicate alla Settimana della Cultura Scientifica, articolate in momenti curricolari, durante i quali gli studenti, guidati dai docenti, approfondiranno alcuni temi con la modalità laboratoriale, e incontri pomeridiani, durante i quali la parola passa ad esperti e medici in prima linea. Il tutto sempre e rigorosamente in Didattica Digitale Integrata e attraverso i collegamenti a distanza. Ma c’è un altro aspetto che vogliamo sottolineare ed è la trattazione degli argomenti anche dal punto di vista storico-letterario, attraverso la presentazione di volumi e studi storici curati da docenti universitari e docenti interni a dimostrazione che parlare di pandemia significa, in fondo, parlare dell’uomo di ieri e di oggi, di come ha reagito alla minaccia virologica e di come anche la letteratura sa essere, oltre che la scienza, una compagna importante e utile dell’uomo nei momenti di difficoltà.

Questo il programma della Settimana i cui incontri si svolgeranno sulla piattaforma Cisco Webex:

  • 15 dicembre 2020: ore 17,00, interventi del dott. Sergio Fontana, presidente Confindustria Puglia, e del dott. Massimo Salomone, coordinatore Turismo Confindustria Puglia, su “Economia e Pandemia”;
  • 16 dicembre 2020: ore 17,00, tavola rotonda con i proff. Altamura Alberto, De Pasquale Mario, Maiale Alberto, Mercante Annamaria, Tenerelli Nicola, autori del volume “Filosofia nella pandemia. L’altro vaccino”;
  • 17 dicembre 2020: ore 16,00, intervento del prof. Francesco Paolo de Ceglia, Uniba “Aldo Moro”, su “Pandemia e Vampirismo”;
  • 18 dicembre 2020: ore 9,00-11,00 (alunni del biennio), intervento del dott. Pietro Drago, medico della ASL BAT, su “Riflessioni di un medico in prima linea”; ore 11,00-13,00 (alunni del secondo biennio), intervento del dott. Felice Spaccavento, anestesista ospedale di Corato, su “Io medico… storie di ordinaria sanità”;
  • 18 dicembre 2020: ore 17,00, prof. Gino Cingolani, docente di biochimica e biologia molecolare presso la Thomas Jefferson University di Philadelphia (USA), su “Atomi, virus e vaccini. Quo vadis?”;
  • 21 dicembre 2020: ore 17,00: intervento dei proff. Daniele Maria Pegorari e Valeria Teraversa, Uniba “Aldo Moro”, su “Il futuro in una stanza”, dialogo letterario dentro e oltre la pandemia.

Il ringraziamento va alla Dirigente Scolastica, prof.ssa Giuseppina Bassi, che ha sempre supportato l’iniziativa e creduto fermamente nelle finalità educative dell’evento e a tutti i relatori ed esperti per la disponibilità e per il forte impatto educativo che sicuramente avranno le loro testimonianze.

MOLFETTA. Dopo due settimane di stop, le biancorosse riprendono il proprio percorso nel girone D di serie A2 con una vittoria: sul parquet del PalaPoli, infatti, il team del direttore generale Saverio Foti si impone per 5-1 sulle siciliane del Team Scaletta. Mister Diego Iessi deve rinunciare a Mangafas, Pedace, Tricarico, Mezzatesta e Minafra, mentre recupera in extremis De Marco e Napoli, con le neo-arrivate Lacirignola e Gelsomino subito a disposizione. Graditissimo ritorno in campo per Barbara Mazzuoccolo che, dopo nove mesi, torna finalmente a calcare il parquet del PalaPoli. L’avvio di gara è tutto biancorosso, con Arrigo superlativa prima su Barile, poi su Gariuolo e Castro. Le occasioni da gol si susseguono, ma al Molfetta manca sempre la giusta precisione per sbloccare il punteggio e deve pensarci Ellen Castro al 18’30’’ con un siluro dalla lunghissima distanza che non lascia scampo al portiere siciliano. La ripresa si apre sulla falsariga del primo tempo, ma le biancorosse trovano subito il raddoppio con una bella combinazione tra Barile e Mazzuccolo, con il capitano biancorosso che di suole serve l’accorrente Castro che deposita in rete per il 2-0. Al 4’59’’ uno schema da calcio di punizione libera Giovanna Barile al tiro: 3-0 e prima gioia stagionale per la laterale mancina. Il Team Scaletta prova a reagire e Primavera in contropiede fulmina Liuzzo, ma al tredicesimo è Laura Gelsomino con un comodo tap-in sul secondo palo a ristabilire il triplo vantaggio biancorosso. Nel finale c’è spazio anche per la rete di capitan Mazzuoccolo che festeggia nel migliore dei modi il suo rientro in campo. Con la vittoria in questione la Femminile Molfetta si porta a 16 punti in classifica; nel prossimo turno il roster di mister Iessi si recherà in Calabria per la sfida alla Sangiovannese.

FEMMINILE MOLFETTA – TEAM SCALETTA 5-1 (1-0 pt)

FEMMINILE MOLFETTA: Liuzzo, Lacirignola, Napoli, Castro, Gariuolo, Gelsomino, Tempesta, Barile, Mazzuoccolo, Mezzatesta, De Marco, Sciannamea. All. Iessi

TEAM SCALETTA: Arrigo, M. Rizzo, G. Rizzo, Oliva, Primavera, Pensabene, La Falce, Corrao, Segreto, Luttino, Fedele. All. Cernuto

ARBITRI: Diego Ramires e Dario Pezzuto di Lecce. CRONO: Stefano Prisco di Lecce

MARCATRICI: 18’30’’ Castro (M), pt; 1’03’’ Castro, 4’59’’ Barile (M), 5’45’’ Primavera (S), 13’32’’ Gelsomino, 16’50’’ Mazzuccolo (M), st.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MOLFETTA. Dopo due settimane di stop forzato, la Femminile biancorossa si prepara a scendere in campo per la nona giornata di campionato. Tante le assenze con cui deve fare i conti mister Diego Iessi: mancheranno, infatti, le indisponibili Tricarico, Pedace, Mangafas e Minafra mentre sono in forte dubbio Mezzatesta e De Marco. La nota certamente più lieta è rappresentata dal rientro tra le convocate di capitan Barbara Mazzuoccolo che, due mesi dopo il terribile incidente, è pronta a dare il suo contributo alla causa biancorossa. Avversario di giornata saranno le siciliane del Team Scaletta, formazione fortemente penalizzata dal Covid-19 che è riuscita a disputare soltanto due match in tutta la stagione. In casa Femminile Molfetta, c’è grande attesa per il debutto delle ultime due arrivate, Valeria Lacirignola e Laura Gelsomino. La sfida tra Femminile Molfetta e Team Scaletta è in programma domani, con fischio d’inizio alle ore 16.00. La gara sarà trasmessa in diretta streaming su questa pagina Facebook.

MOLFETTA. Dopo la sofferta vittoria conquistata la scorsa settimana sul parquet del PalaPoli contro la Viola Reggio Calabria, la Pavimaro Pallacanestro Molfetta si prepara ad affrontare la difficile trasferta sul campo del Cus Jonico Taranto. I biancorossi arrivano alla gara di domenica con molta fiducia dopo il primo successo stagionale, dall’altra parte la formazione tarantina dopo il rinvio della prima giornata con Monopoli, nella seconda gara ha espugnato il parquet di Nardò con una convincente prestazione. La formazione guidata da Coach Davide Olive può contare in cabina di regia sull’esperienza di Nicolas Stanic, particolare attenzione alle due guardie Morici, miglior realizzatore con 18 punti, e Bruno, completano il quintetto i due lunghi Azzaro e Matrone. Pronti a dare il loro contributo dalla panchina i giovanissimi Pellecchia e Fiusco e gli esterni Duranti e Longobardi. Nella terza giornata del Girone D2, Ruvo cerca di mantenere l’imbattibilità contro Bisceglie, Nardò a Reggio Calabria per i primi due punti stagionali ed esordio per Monopoli contro Catanzaro. Appuntamento per la palla a due domenica alle ore 18.00 al PalaFiom di Taranto, dirigeranno l’incontro i Signori Rodia Pietro di Avellino e Correale Danilo di Atripalda.

MOLFETTA. Diecimila mascherine chirurgiche e mille tamponi antigenici sono stati donati, nel corso di una breve cerimonia, al Comune di Molfetta. Presenti il consigliere comunale delegato del Sindaco per l’emergenza Covid, Pasquale Mancini, l’assessore all’igiene e vice presidente della rete italiana Città Sane, Ottavio Balducci, la titolare dell’azienda Consfru, che ha effettuato la donazione, Anna Introna, a cui vanno i ringraziamenti del Sindaco e di tutta l’Amministrazione. «Ora, grazie a questa donazione, dobbiamo partire con uno screening mirato», il commento di Mancini, a margine dell’incontro. Sarà l’assessore Balducci, anche in qualità di medico, a coordinare lo screening con personale medico e paramedico volontario. «Ho sentito i dirigenti scolastici e – conferma il sindaco, Tommaso Minervini - abbiamo concordato di sottoporre, ovviamente, su base volontaria, tutto il personale scolastico ai tamponi prima della riapertura delle scuole dopo le vacanze. Così da avere massima protezione per il personale e per gli alunni. Ringrazio l’azienda che ha donato i tamponi».

 

 

MOLFETTA. Riprendono gli appuntamenti letterari della libreria Il Ghigno che vi aspetta tutti i sabati all’ora del tè dalle 17.00 alle 18.00 con “Filosofia e scienza con tè”. In questi appuntamenti il prof. Alberto Altamura presenterà una serie di volumi il cui sapere filosofico si confronta con il sapere fisico, matematico, biologico e medico. In ogni incontro saranno presentati, nella modalità di rapide recensioni, quattro volumi. Data l’emergenza Covid-19 Le presentazioni avranno luogo dalla libreria Il Ghigno di Molfetta su piattaforma Skype. Il link da cliccare sarà reso disponibile su pagina Facebook della libreria a partire dalle ore 16.40. https://www.facebook.com/events/869283480528385/

Per ulteriori info e approfondimenti https://www.instagram.com/il_ghigno_libreria/

https://ilghignolibreria.wordpress.com/

MOLFETTA. Raccoglie consensi il format social proposto dal Servizio di Pastorale Giovanile della Diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi. Nella giornata di ieri, 9 dicembre, sul noto quotidiano ecclesiastico “Avvenire”, sono state pubblicate diverse iniziative, messe in atto nei primi giorni di questo “strano” Avvento. Tra queste, ha trovato spazio la proposta diocesana “Parola ai Giovani”. Nata sullo scadere dello scorso anno liturgico, la rubrica social “Parola ai Giovani”, voluta dai membri della Consulta di Pastorale Giovanile e dalla Redazione Giovani di “Luce & Vita”, ha ben presto catturato l’attenzione delle diverse realtà del territorio. Didattica a distanza, smart working, lauree online, contributi per trasmettere in diretta Facebook le Messe parrocchiali. Sono stati tanti i contributi provenienti dal mondo giovanile servendosi della tecnologia e dei social. E un esempio virtuoso dell’utilizzo di questi mezzi è proprio il progetto “Parola ai Giovani”. Con le maiuscole in bella vista, a ricordare la provenienza e la paternità del progetto. Sin dai primi di novembre, alcuni giovani hanno sperimentato la bellezza di commentare la Parola domenicale sulla “pubblica piazza”, quali sono le pagine ufficiali Facebook e Instagram della PG Diocesana. Un esperimento riuscito, dato che sempre più giovani si sono affacciati ai commenti, interagendo e condividendoli con i loro compagni parrocchiali e nei gruppi WhatsApp dove spesso ci sono ragazzi che magari non andranno in Chiesa ma si sono incuriositi nel leggere diversamente il “solito” Vangelo. Tutto ciò ha scaturito l’interesse del quotidiano “Avvenire” che ha sposato il progetto diocesano, pubblicandolo tra le novità di questo “strano” Avvento. Un’iniziativa voluta per restituire la parola ai giovani. Quei giovani che, come tutte le fasce della popolazione, hanno subito le restrizioni e si sono rifugiati nel mondo in cui potrebbero fare da insegnanti ai grandi, quel mondo in cui il virus ci ha catapultato ancor di più di prima: i social e la rete internet. Per l’Avvento e il Tempo di Natale sino al 10 gennaio prossimo, i membri della Consulta di Pastorale Giovanile, della Redazione Giovani di “Luce & Vita” insieme ad alcuni esponenti delle diverse associazioni diocesane, hanno ideato alcuni post con l’obiettivo di commentare quotidianamente il Vangelo. Tante teste diverse, tanti commenti laici al Vangelo. Tutte le associazioni giovanili diocesane rappresentate da almeno un post della rubrica social. Un’iniziativa giovane e natalizia, a portata di tutti, in un momento storico complicato. Essere Pastorale Giovanile, attraverso questa rubrica social, significa far abitare e coesistere tante realtà giovanili diocesane verso l’unica meta. Come un piccolo presepe dove i ricchi Re Magi, i propositivi commercianti, i vivaci uomini della locanda, gli umili pastori e i festosi zampognari si dirigono verso la grotta. Essere Pastorale Giovanile significa abbracciare tutti. Come dopo la vittoria di un estenuante – ma pur sempre allegro - gioco di tombola natalizio. Essere Pastorale Giovanile accende una luce sui giovani di Molfetta, Ruvo, Giovinazzo e Terlizzi. Come le bellissime luminarie natalizie la cui luce anima la vista e scalda il cuore di chi le contempla. Sarà certamente un Avvento diverso per i giovani. Ci saranno, probabilmente, case meno luminose, meno confusionarie con il via vai di parenti e lo shopping sarà meno frenetico. Magari la tombola converrà organizzarla su qualche piattaforma online, mentre i canti di Natale saranno sparati nelle cuffie. Ritroveremo nel silenzio, allora, l’essenzialità che contraddistinse la nascita di Gesù. Un silenzio contempl-attivo, per dirla con un’espressione al tanto caro don Tonino Bello, carico di speranza e con giovani in cammino desiderosi di vivere a pieno il periodo forte prenatalizio. Un cammino che non si potrà fare in piazza. Ma è contagioso ciò che è stato creato sulla “pubblica piazza” dei social dai giovani.

JoomBall - Cookies

© 2020 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino