Redazione_Online

Redazione_Online

MOLFETTA. Collabora a conservare e proteggere gli ecosistemi e le bellezze di questo paesaggio”. È l’incipit di un messaggio che campeggia su quattro pannelli installati dall’Amministrazione comunale all’interno di Lama Martina in collaborazione con l'associazione Terrae. Nei giorni scorsi – afferma l’assessore all’Ambiente Maridda Poli – si è discusso molto di Lama Martina e del suo utilizzo. E da questo dibattito cittadino, emerso dai siti di informazione, vogliamo prendere gli spunti e i suggerimenti migliori. È chiaro che Lama Martina è un bene pubblico, appartiene a tutti, e allo stesso tempo tutti i molfettesi devono preservare e proteggere questo straordinario esempio di natura. Per questo abbiamo realizzato un piccolo manifesto con l’obiettivo di vivere al meglio la lama nel pieno rispetto delle regole e del buon senso”. "Finalmente Molfetta – afferma il sindaco Tommaso Minervini – ha per la prima volta un grande polmone verde. Un parco dove fare una bella passeggiata, leggere un libro, assaporare il silenzio e i suoni della natura. Abbiamo tutti il dovere morale di difendere questo luogo di comunità". Lo scopo del parco, si legge nei pannelli, non è proibire ogni attività umana, ma dimostrare che l’uomo può vivere il parco in maniera sostenibile senza danneggiare il delicato equilibrio dell’ecosistema. Quindi senza abbandonare rifiuti, bivaccare e danneggiare la vegetazione, tutti i cittadini possono passeggiare lungo i sentieri, andare in bicicletta a velocità moderata, seguendo i percorsi, e camminare con il proprio cane al guinzaglio, pronti a raccogliere le eventuali deiezioni canine.

 

MOLFETTA. Alla luce della scadenza temporale dell’ordinanza regionale, torna in vigore il decreto legge del 1° aprile 2021 n. 44. Essendo la Puglia in zona rossa, restano aperte solo le seguenti attività inerenti i servizi alla persona: lavanderia e pulitura di articoli tessili e pelliccia; attività delle lavanderie industriali; altre lavanderie, tintorie; servizi di pompe funebri e attività connesse. I bar ed altri esercizi simili senza cucina con codice ATECO 56.3 analogamente ai distributori automatici H24 chiudono alle ore 18. È consentito alle attività di ristorazione (pizzerie, pub, ristoranti, etc.) solo il domicilio e l’asporto dalle ore 18 alle 22. Le scuole sono aperte: in presenza per infanzia, elementari e prima media inferiore; garantita la didattica a distanza per seconda e terza media inferiore e per gli istituti superiori. Sono sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari, le enoteche, le edicole, i tabaccai, le farmacie e le parafarmacie e quelle considerate di prima necessità, che possono rimanere aperte fino alle 22:

  1. Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati con prevalenza di prodotti alimentari e bevande (ipermercati, supermercati, discount di alimentari, minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimenti vari);

  2. Commercio al dettaglio di prodotti surgelati;

  3. Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati di computer, periferiche, attrezzature per le telecomunicazioni, elettronica di consumo audio e video, elettrodomestici;

  4. Commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati (codici ateco: 47.2), ivi inclusi gli esercizi specializzati nella vendita di sigarette elettroniche e liquidi da inalazione;

  5. Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati;

  6. Commercio al dettaglio di apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni (ICT) in esercizi specializzati (codice ateco: 47.4);

  7. Commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano e materiali da costruzione (incluse ceramiche e piastrelle) in esercizi specializzati;

  8. Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari; Commercio al dettaglio di attrezzature e prodotti per l’agricoltura per il giardinaggio;

  9. Commercio al dettaglio di articoli per l’illuminazione e sistemi di sicurezza in esercizi specializzati;

  10. Commercio al dettaglio di libri in esercizi specializzati;

  11. Commercio al dettaglio di giornali, riviste e periodici

  12. Commercio al dettaglio di articoli di cartoleria e forniture per ufficio

  13. Commercio al dettaglio di confezioni e calzature per bambini e neonati

  14. Commercio al dettaglio di biancheria personale

  15. Commercio al dettaglio di articoli sportivi, biciclette e articoli per il tempo libero in esercizi specializzati

  16. Commercio di autoveicoli, motocicli e relative parti ed accessori

  17. Commercio al dettaglio di giochi e giocattoli in esercizi specializzati

  18. Commercio al dettaglio di medicinali in esercizi specializzati (farmacie e altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica)

  19. Commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati

  20. Commercio al dettaglio di cosmetici, di articoli di profumeria e di erboristeria in esercizi specializzati

  21. Commercio al dettaglio di fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti

  22. Commercio al dettaglio di animali domestici e alimenti per animali domestici in esercizi specializzati

  23. Commercio al dettaglio di materiale per ottica e fotografia

  24. Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento

  25. Commercio al dettaglio di saponi, detersivi, prodotti per la lucidatura e affini

  26. Commercio al dettaglio di articoli funerari e cimiteriali

  27. Commercio al dettaglio ambulante di: prodotti alimentari e bevande; ortofrutticoli; ittici; carne; fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti; profumi e cosmetici; saponi, detersivi ed altri detergenti; biancheria; confezioni e calzature per bambini e neonati;

  28. Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet, per televisione, per corrispondenza, radio, telefono

  29. Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici sia negli esercizi di vicinato sia nelle medie e grandi strutture di vendita, anche ricompresi nei centri commerciali, purché sia consentito l'accesso alle sole predette attività e ferme restando le chiusure nei giorni festivi e prefestivi di cui all'articolo 26, comma 2, DPCM del 2 marzo 2021.

Restano aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti in aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade e negli ospedali. Sono sospese le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere e centri termali È consentito lo svolgimento individuale di attività motoria all’aperto e in prossimità della propria abitazione, rispettando obbligatoriamente la distanza di almeno un metro da ogni altra persona e indossando dispositivi di protezione individuale fermo restando il divieto di assembramento. Restano sospesi gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, live-club e in altri locali o spazi anche all'aperto. Per quanto riguarda i luoghi di culto, è possibile raggiungere quello più vicino a casa purché si evitino assembramenti e si assicuri tra i frequentatori la distanza non inferiore a un metro. È altresì consentito partecipare alle funzioni religiose, nei limiti e nel rispetto degli specifici protocolli.

 

MOLFETTA. Riprenderà ufficialmente il 2 maggio 2021 la stagione 2020/2021 dell'ASD Nox Molfetta, sospesa a ottobre dopo appena due giornate del campionato di calcio a 5 femminile di serie C. Le biancorosse del presidente Luciano Savi affronteranno in un torneo di sei giornate Soccer Altamura, Città di Mola e Massafra, le altre realtà che hanno espresso parere positivo per la ripartenza. Il torneo si disputerà fino al 6 giugno 2021 con un unico girone con gara di andata e ritorno. La prima classificata verrà promossa in serie A2. La Lega Nazionale Dilettanti ha così accolto la richiesta della LND Puglia che andrà a diramare il calendario nelle prossime ore. Resta una competizione di altissimo livello: Mola e Altamura sono, fin da inizio stagione, le pretendenti al titolo finale, il Massafra una matricola che vola sull'entusiasmo.

Foto di Cosmo de Pinto

MOLFETTA. Amara sconfitta per i biancorossi che al D’Angelo di Altamura passano in vantaggio con Strambelli, reggono sul pareggio siglato da Spano sino al 73’ per poi subire le reti su rigore di Bozzi e Lorenzo nell’ultimo quarto d’ora di gara. I biancorossi, nonostante gli stop delle ultime settimane, conservano un buon margine di vantaggio sulla zona play-out e attendono con ansia i match contro Puteolana e Real Aversa, in programma nei prossimi sette giorni, per invertire il trend. Con l’Altamura è Strambelli a sbloccare il match già al 6’ con un gran sinistro a giro da fuori area che lascia impietrito l’estremo ospite Donini: 11° rete in stagione e sesta nelle ultime sette partite. All'undicesimo minuto si verifica una grande occasione per il raddoppio: Strambelli inventa in profondità per Ventura che mette dentro rasoterra ma né Lavopa né Lacarra riescono a ribadire in rete. Il 3-5-2 biancorosso, a specchio con il modulo dei padroni di casa, sembra funzionare con Tucci tra i pali, Kaleba e Conteh titolari e Strambelli alle spalle di Ventura e Lacarra. La Team però si riorganizza subito e al 13’ trova un gran destro da fuori di Spano che si insacca all’angolino. Nella prima frazione da annotare anche un sinistro da fuori di Lacarra e una buona occasione per i padroni di casa calciata a lato da Croce. Nella ripresa è ancora Lacarra a provarci da fuori ma la sua conclusione è centrale. Con il passare dei minuti cresce la pressione dei padroni di casa che, al 73’, trovano il punto del vantaggio grazie al calcio di rigore messo a segno da Bozzi dopo fallo subito da Casiello sulla sinistra. Doccia fredda per i biancorossi e nuove occasioni per l’Altamura ancora con Bozzi al 78’, bravo Tucci con i piedi, e con la traversa scheggiata dal neo-entrato Lorenzo che, nel finale, siglerà il punto del definitivo 3-1 ancora dal dischetto per un fallo subito da Tucci in uscita bassa.

 Foto di Sergio Porcelli

 

MOLFETTA. Turno infrasettimanale per la Pavimaro Pallacanestro Molfetta, che mercoledì 7 Aprile alle ore 18.30 , affronterà in trasferta la Luiss Roma nel recupero della prima giornata della seconda fase del campionato di Serie B. La gara, inizialmente in programma per sabato 20 Marzo, era stata rinviata a causa di alcune positività al Covid nel gruppo squadra della formazione capitolina, i biancorossi arrivano all’impegno di mercoledì dopo aver conquistato due importanti successi nella seconda fase contro Sant’Antimo e Avellino che hanno proiettato la squadra di Coach Carolillo in settima posizione a quota sedici punti; dall’altra parte la Luiss con dodici gare giocate e dodici punti era in piena corsa playoff al momento dell’interruzione. La squadra allenata da Coach Andrea Paccariè può contare in cabina di regia su Marco Pasqualin, particolar attenzione all’esperienza degli esterni Sanna e Tredici rispettivamente 10 e 7 punti di media, e al miglior realizzatore della squadra il lungo Francesco Infante. Pronti a dare il loro contributo dalla panchina il playmaker d’Argenzio, le guardie Murri e Bonaccorso e i due lunghi Martino e Gellera. Appuntamento per la palla a due mercoledì alle ore 18.30 al PalaLuiss di Roma, dirigeranno l’incontro i Signori Scarfò Giuseppe di Palmi e Riggio Samuele di Siderno; la gara si disputerà a porte chiuse ma sarà possibile seguire la diretta dell’incontro su LNP Pass al costo di 3.45€.

 

MOLFETTA. Dopo la pausa per le festività pasquali, la Molfetta Calcio ritorna in campo per il recupero del match non disputato nei mesi scorsi con la Team Altamura. Si gioca questo pomeriggio alle ore 15:00 al Tonino D’Angelo contro una Team reduce dalla vittoria di prestigio per 1-0 con il Casarano ed ancora attardata rispetto alle concorrenti in merito alle partite giocate. A causa, infatti, di diversi casi Covid in rosa, la Team Altamura è stata costretta a non disputare diversi match: attualmente i murgiani hanno totalizzato 31 punti nelle 19 partite disputate sin qui, ben quattro match in meno rispetto a quelli totalizzati dai biancorossi, a quota 34 in graduatoria. I ragazzi di mister Bartoli vogliono dar seguito al pareggio ottenuto in casa con il Brindisi. Si tratta del primo di quattro match ravvicinati: dopo la trasferta di Altamura, i biancorossi se la verranno con Puteolana, R. Aversa e Casarano in sole due settimane.  Arbitrerà l'incontro con l'Altamura il sig. Drigo di Portogruaro coadiuvato dagli assistenti Cozzuto di Formia e Donati di Macerata. 

 

 

MOLFETTA. Nei giorni di Pasqua e Pasquetta, presso l’hub vaccinale di Molfetta, in Via Salvo D’Acquisto, saranno vaccinati esclusivamente i caregiver dei bambini e dei ragazzi under 16. La decisione è stata assunta dalla Regione Puglia con il Dgr 472/2021. I caregiver dei bambini e dei ragazzi under 16, e solo loro, potranno recarsi al punto vaccinale della pista di atletica Cozzoli, a partire dalle 9 di domenica 4 e lunedì 5 aprile, muniti di documento d’identità, tessera sanitaria, copia del certificato attestante la 104 art. 3 comma 3 del minore o autodichiarazione. Si invitano, pertanto, i caregiver degli anziani o di altri pazienti con patologia a non recarsi presso l’hub.

Foto di Hakan German da Pixabay

MOLFETTA. Il campionato di serie D per la Molfetta Calcio si ferma per le festività pasquali; per poi riprendere già martedì 6 aprile per il recupero in trasferta con l’Altamura. C’è davvero tanto da festeggiare in casa biancorossa: i biancorossi sono attualmente settimi in classifica e imbattuti in casa in stagione (da due anni se contiamo anche la passata stagione). Alla salvezza aritmetica non manca molto, ma mai come adesso abbiamo bisogno di sentire la vicinanza e il calore di ciascuno di voi tifosi molfettesi! Sarebbe, per noi tutti, un grande risultato, forse non del tutto compreso e sottolineato. L’assenza del pubblico al Poli ha privato Molfetta e la Molfetta Calcio di quella passione travolgente che solo la gente del Poli sa regalare, ma questo non deve far assopire il tifo in città; anzi. Tutto ciò deve rendere i molfettesi orgogliosi dei propri beniamini e della propria squadra del cuore perché, con l’attuale gestione tecnica e societaria, il bene del Molfetta sarà sempre messo al primo posto rispetto a qualsiasi altra cosa.  Ora è tempo, però, di prendersi una piccola pausa domenicale: la Pasqua è un “impegno” di una valenza maggiore rispetto ad una partita di calcio. A voi tutti molfettesi, e non solo, vanno quindi i migliori auguri di buone festività pasquali e di serenità in questo periodo di persistente difficoltà sociale ed economica.

Foto di Sergio Porcelli

MOLFETTA. Il nostro Comune, in vista delle vaccinazioni di massa, è stato confermato nella Rete Asl Bari dei Punti vaccinali territoriali. Lo ha comunicato, con una lettera, pubblicata sul sito del Comune, il Direttore generale della Asl, Antonio Sanguedolce. Infatti l’hub vaccinale della pista di atletica “Cozzoli” è stato giudicato oltre modo idoneo, oltre che sul piano strutturale, per la buona organizzazione che i tanti volontari, organizzati dal dott. Ottavio Balducci assicurano ogni giorno. Questo consentirà di entrare nel vivo delle vaccinazioni di massa, mentre proseguono le vaccinazioni per completare gli over 80 e le altre categorie indicate dai protocolli ASL. «E’ un risultato importante - il commento del Sindaco, Tommaso Minervini – che premia il lavoro costante effettuato in questi mesi. Ringrazio i vertici Asl, tutti gli operatori del Dipartimento di prevenzione di Molfetta che ogni giorno 12 ore la giorno sono impegnati nelle vaccinazioni, tamponi insieme alle altre loro incombenze. Tutti i volontari e Ottavio Balducci, tutte le forze dell’ordine che ci sono vicini in quella che è stata definita la più grave pandemia del secolo. Un ringraziamento speciale – continua il Sindaco - a tutto il personale del nostro ospedale, ai reparti ai servizi, al 118 e al pronto soccorso che stanno reggendo il massimo urto di questa pandemia. Noi tutti singolarmente siamo chiamati alla responsabilità individuale davanti a questa pandemia, ai morti e alle tante privazioni. Ciascuno di noi – conclude - ha la responsabilità col proprio comportamento a determinare una uscita, la più rapida possibile per tornare, quanto prima, alla normalità. Senza nascondersi dietro l’alibi dei controlli. In una situazione di massa come questa il primo controllo è della nostra coscienza e responsabilità verso noi stessi».

MOLFETTA. “Con la scomparsa di Giovanni Guarino se ne va un altro pezzo della cultura molfettese”. Lo afferma il sindaco di Molfetta a seguito della dipartita del baritono di fama internazionale. “Come molti talenti musicali della nostra città – continua il primo cittadino - Giovanni si era formato alla Scuola Dvorak di don Salvatore Pappagallo, prima di intraprendere una carriera straordinaria, cantando nei migliori teatri del mondo e insegnando in prestigiosi conservatori. È sempre stato legato alle sue radici, orgoglioso di essere molfettese, e ha portato a testa il nome della nostra città in giro per il mondo. Porgo a lui un commosso saluto e a nome di tutta la città le più sentite condoglianze a tutti i suoi cari”.

 

JoomBall - Cookies

© 2020 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino