Redazione_Online

Redazione_Online

MOLFETTA. Venerdì 30 aprile alle ore 20.30, presso la libreria Il Ghigno, in diretta streaming, lo scrittore Maurizio di Giovanni presenterà il suo ultimo romanzo "Gli occhi di Sara". Fresco di stampa il nuovo libro di Maurizio di Giovanni, scrittore, sceneggiatore e drammaturgo partenopeo, si preannuncia essere un grande successo letterario. È il quarto romanzo della serie che ha riscritto le regole del noir femminile. "Gli occhi di Sara", edito Rizzoli, è l'ultima fatica dell'autore del Commissario Ricciardi, Mina Settembre e de I bastardi di Pizzofalcone. La protagonista del romanzo, Sara Morozzi è un personaggio particolarmente affascinante nella sua semplice bellezza..."un solo sguardo riporta a galla i segreti più oscuri".  Sarà possibile seguire l'evento sul sito della libreria https://ilghignolibreria.wordpress.com/ e sulla pagina Facebook al seguente indirizzo https://www.facebook.com/il.molfetta/

 

MOLFETTA. La prima edizione del Certame Filosofico Nazionale Carabellesiano è stata un gran successo per il Liceo Classico “Leonardo da Vinci”. Primo premio a Maria Chiara de Candia, classe IIIA, con il lavoro intitolato “Il principio dalla fine” e, per la sezione dedicata agli studenti universitari, secondo premio per Luca Petruzzella, ex alunno, diplomato lo scorso anno, con il saggio “La persona politica italica carabellesiana”. Il lavoro di Maria Chiara è stato definito un “gioiello di argomentazione”; quello di Luca “pregevole” e capace di “calare “il messaggio etico-politico carabellesiano non solo nel dibattito filosofico contemporaneo, ma anche nel contesto storico”. La competizione di filosofia ha impegnato duramente gli alunni. Una preparazione durata mesi sui testi ostici del pensatore molfettese e sugli studi che del suo pensiero fece Giuseppe Semerari, fino alla prova di venerdì mattina. Ai 55 partecipanti da scuole superiori di tutta Italia è stata assegnata la traccia: tre brani, a partire dai quali hanno sviluppato un saggio breve sul tema Pantaleo Carabellese e l’idea politica d’Italia. Stessa cosa per gli universitari, con la richiesta di una maggiore contestualizzazione storica e la scelta fra due tracce. Per la vincitrice le giuste citazioni, molti riferimenti ad autori della contemporaneità e questa conclusione, tutta calata nel presente: «La politica non ci è estranea, è protagonista di una storia di cui noi siamo, dobbiamo essere, partecipi. In questo periodo storico in particolare, ritengo che spesso siano più diffusi scontri e lamentele rispetto ad idee e cambiamenti. È arrivato il momento di renderci conto che nessun mutamento arriverà, fino a che non saremo i primi a renderci protagonisti. Se abbiamo bisogno di rinascita, e mi sento di affermare che, oggi più che mai, sia proprio così, prima dobbiamo imparare ad essere noi rinascita. Nella fine vi è il nostro principio». Tutti i compiti sono stati valutati in anonimo, consegnati alla commissione con un numero d’ordine e solo a graduatoria decisa è stato chiesto ai docenti delle classi di rivelare l’abbinamento del numero con l’alunno, in modo da assicurare la massima trasparenza. Commissione valutatrice composta da docenti del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Bari, del Dipartimento di “Filosofia, scienze sociali, umane e della formazione” dell’Università di Perugia e della Società Filosofica Italiana – Sezione di Bari. Ad attribuire i premi l’ing. Sergio de Ceglia, presidente dall’Opera Pia Monte di Pietà e Confidenze di Molfetta, che ha promosso il Certame assieme ai Licei “Einstein-Da Vinci” di Molfetta, Dirigente scolastico la dott.ssa Giuseppina Bassi, con il patrocinio dell’Università degli Studi di Bari, dell’Università degli Studi di Perugia e della sezione barese della Società Filosofica Italiana, con l’approvazione dell’USR Puglia. Alla vincitrice una borsa di studio di 1000 euro ed altrettanto a Luca Petruzzella. Per Maria Chiara e Luca grande emozione e gioia; soddisfazione per la docente di Filosofia, la prof.ssa Maddalena Salvemini, che ha sottolineato i voti altissimi conseguiti anche dagli altri alunni di III A partecipanti, a dimostrare la validità della loro preparazione. La giornata di successi è stata completata dal terzo posto di Emanuela Grilli della VB del Liceo Scientifico “Einstein”. Il prof. Alberto Altamura, organizzatore del Certame, che ha condotto la premiazione assieme alla prof.ssa Rossana de Gennaro, ha dato a tutti appuntamento per il prossimo anno.

MOLFETTA. Sconfitta in trasferta per la Pavimaro Pallacanestro che si arrende a Pozzuoli con il punteggio di 76-68, al termine di una partita iniziata male per i biancorossi poi ripresa e decisa negli ultimi minuti di gioco. Coach Carolillo inizia la partita con: Dell’Uomo, Mazic, Gambarota, Bini e Visentin; Coach Gentile risponde con: Savoldelli, Bordi, Gueye, Gaye e Mehmedoviq; avvio di partita favorevole ai padroni di casa che con i canestri di Gueye e Mehmedoviq si portano in vantaggio 16-0 costringendo la panchina molfettese a chiamare time-out, al rientro in campo Gambarota e Dell’Uomo accorciano le distanze con il primo quarto che si chiude sul 20-11.
Nel secondo periodo Pozzuoli prova a scappare di nuovo nel punteggio con la tripla di Forte (30-17) ma i biancorossi reagiscono e con Calisi, Visentin e Serino si rifanno sotto e vanno all’intervallo lungo sul 34-28. Inizio di terzo quarto di nuovo favorevole a Pozzuoli con Gueye e Bordi (39-28), ma la Pavimaro Molfetta torna in partita con Bini e Visentin (39-37), i biancorossi trovano il primo vantaggio di serata sul 45-46 ma le triple di Savoldelli e Balic permettono alla squadra di Coach Gentile di andare all’ultimo mini riposo avanti 56-51, dopo il canestro sulla sirena di Serino.
Negli ultimi dieci minuti di gioco Calisi e la tripla di De Ninno riportano Molfetta avanti (57-58), ma Savoldelli e Gaye riportano i padroni di casa avanti (64-60), Pozzuoli arriva anche sul più nove con Gueye ma due triple di Mazic riaprono la partita (69-66) e a poco più di un minuto dalla fine Calisi sbaglia la tripla del pareggio e Balic e Savoldelli chiudono la partita, il finale è 76-68 per Pozzuoli. Nonostante la sconfitta la Pavimaro Pallacanestro Molfetta mantiene un ampio vantaggio nel quoziente canestri nei confronti di Pozzuoli, che significa salvezza diretta senza passare dai playout; prossimo impegno per i biancorossi domenica alle ore 18.00 al Pala Poli contro Salerno.

Virtus Pozzuoli: Savoldelli 16, Gaye 14, Balic 12, Gueye 9, Mehemedoviq 8, Bordi 5, Forte 5, Caresta 4, Kuschev 2, Mavric 1, Birra, Spinelli. Coach Gentile.
Pavimaro Molfetta: Visentin 13, Bini 10, Dell’Uomo 9, Serino 9, Mazic 8, Calisi 7, Gambarota 6, De Ninno 6, Azzollini, Sasso, Caniglia, Mezzina.

MOLFETTA. Torna al successo la Dai Optical Virtus Molfetta che batte 65-66 la Gmc Adria Bari al termine di un incontro tiratissimo e incerto fino agli ultimi secondi di gioco.
Nonostante i soli 8 giocatori a referto la squadra biancoazzurra è rimasta concentrata e in partita per tutto il match, piazzando la zampata vincente proprio negli ultimi due minuti di gioco. Parte subito forte la squadra di casa che con i canestri di Dimitrov e le due bombe consecutive di Lupo si porta subito in vantaggio. FiuscoMusci Macernis realizzano per la Dai Optical che però è disattenta soprattutto sui loro tiratori. Calò realizza per i biancoazzurri mentre Dimitrov e De Leo, lasciati liberi, possono tranquillamente realizzare da tre punti con il primo quarto che termina 24-18. Nel secondo quarto sale l’intensità di gioco. Le percentuali al tiro dei baresi calano vistosamente e ne approfitta la Dai Optical Virtus Molfetta. Il duo Musci/Calò riduce a sole 4 lunghezze lo svantaggio e si va al riposo lungo sul 39-35. Al rientro dagli spogliatoi l’Adria raggiunge il suo massimo vantaggio grazie alle triple di Rodriguez, Perrelli e ancora Lupo. La Dai Optical però resta in partita: Macernis è il solito lottatore sotto canestro, Calò invece risponde colpo su colpo realizzando da tre punti e in contropiede e il terzo quarto termina 55-52. Come all’andata tutto si risolve nell’ultima frazione di gioco. La tripla di Perrelli e il canestro da sotto di Meystas illudono i padroni di casa. Per Molfetta realizzano prima Musci, poi le due triple del tuttofare Calò e di Samenas segnano il + 3 Dai Optical. Perrelli realizza ancora da 2 punti ma i canestri di Musci Macernis portano la Dai Optical sul + 1 a pochi secondi dal termine. L’Adria sbaglia il tiro finale e l’incontro termina 65-66 . Importantissima vittoria per la Dai Optical Virtus Molfetta che pure in condizioni di emergenza riesce ad espugnare il difficile campo barese. Buona la prova dei nuovi arrivati e di tutto il collettivo. Da segnalare l'ottima prestazione del duo Musci/Calò con quest’ultimo giustamente premiato dal dott. Massimo Tavolaro, Ceo di Apulia Logistics (sponsor dell’Adria Bari), MVP del match.

GMC Adria Bari – Dai Optical Virtus Molfetta 65-66
GMC Adria Bari: Lupo 12, Perrelli 10, Dimitrov 10, De Leo 8, Rodriguez 6, Ravelli 6, Abrescia 5, Boyanov 4, Vytautas 4. All: Cazzorla
Dai Optical Molfetta: Samenas 14, Aizupietis, Orlando 2, Calò 18, Fiusco 6, Macernis 10, Lasorsa ne, Musci 16.
All: De Bellis - Delli Carri
Arbitri: Procacci Aldo di Corato e Mossuto Gianpio di San Severo

MOLFETTA. Ritorna finalmente in campo la Dai Optical Virtus che domenica 25 Aprile, alle ore 18.00, affronterà in trasferta la GMC Adria Bari. All’andata la squadra di coach Cazzorla si impose 74-76 al termine di un incontro rocambolesco e deciso negli ultimi secondi del match.
La formazione barese si è dimostrata fino ad ora un avversario ostico, con un roster completo capace di mettere in difficoltà tutte le squadre affrontate. La 
Dai Optical Virtus Molfetta invece arriva al match di domenica contro l’Adria Bari dopo 20 giorni di stop forzato e con alcune importanti defezioni dovute al covid. Tutta da valutare la condizione fisica che andrà testata effettivamente sul parquet di gioco. L’incontro in programma domenica 25 Aprile , alle ore 18.00,si giocherà presso il Pala Balestrazzi di Bari e sarà diretto dai signori Aldo Procacci di Corato (BA) e Mossuto Gianpio di San Severo (FG). Il match sarà trasmesso in diretta sulla pagina facebook Virtus Basket Molfetta a partire dalle ore 17.45.

 

MOLFETTA. Si è conclusa la seconda settimana di allenamenti di gruppo per la Nox Molfetta a cui mancano solo setti giorni per scendere di nuovo in campo nella prima gara ufficiale della ripresa della stagione 2020/2021. Agli ordini di Mister Alessandra de Bari e di Nico Spadavecchia, preparatore dei portieri, oltre che di Porzia Marino, preparatrice atletica, la Nox Molfetta si è ritrovata al PalaFiorentini per tornare alle sedute collettive dopo mesi di allenamenti individuali e domestici. «Gli allenamenti delle ultime due settimane sono stati intensi», racconta Mariangela Vino, da due anni in maglia biancorossa. «Stiamo accusando maggiormente la stanchezza perchè siamo ferme da tanti mesi e non è facile riprendere a giocare insieme ma nonostante questo non ci arrendiamo perché c'è molta voglia e determinazione», continua il pivot. «Continuiamo a portare avanti il nostro progetto di crescita in vista dell'inizio del campionato», ha proseguito Vino: domenica 2 maggio alle ore 16, infatti, la Nox Molfetta attende la Soccer Altamura per la prima delle sei giornate calendarizzate. Se non ci fosse stata la sospensione a ottobre le due squadre si sarebbero incontrate alla terza giornata.  

 

Foto di Cosmo de Pinto

MOLFETTA. Dalla Prefettura comunicano che gli attualmente positivi complessivamente in città sono 324, con due decessi. Nella scorsa settimana erano 268, con un incremento di 56. Il rapporto ASL riporta i dati delle vaccinazioni effettuate. Molfetta si conferma, con 14.499 (10.499 con una dose e 4.000 con due) la seconda città dopo Bari, Altamura con 14.358 e Monopoli con 14.001. "Chiedo a tutti i molfettesi - afferma il sindaco Tommaso Minervini – senso civile. Non è il momento delle facili polemiche ora è il tempo in cui dobbiamo tutti sentirci responsabili. Dobbiamo continuare a rispettare le normative anti-Covid ed evitare assembramenti con amici e parenti e curare l’igiene personale. Le vaccinazioni proseguono serrate, si raccomanda di andare alle vaccinazioni con le anamnesi già compilate. Abbiamo sollecitato la ASL per far arrivare maggiori vaccini soprattutto ai medici di famiglia per vaccinare le persone allettate che non possono recarsi di persona a vaccinarsi".

Foto di Gerd Altmann da Pixabay

MOLFETTA. «Anche quest’anno, a causa dell’emergenza sanitaria, non potremo fare alcun corteo e i festeggiamenti per ricordare il 25 aprile e il sacrificio di coloro che hanno donato la loro vita per donare a noi la libertà, si svolgeranno senza la partecipazione popolare ma non per questo saranno meno sentiti». Così il Sindaco, Tommaso Minervini, alla vigilia dell’anniversario della festa della Liberazione dell’Italia. «Sono trascorsi 76 anni – continua il Sindaco - dal giorno in cui l'Italia è stata liberata dall'oppressione nazi fascista. Ed è importante che questo giorno venga celebrato ogni anno perché non venga dato mai per scontato il significato più autentico della libertà. Ebbene – aggiunge il Primo cittadino - come ho avuto modo di ricordare in altre circostanze se quella generazione ha combattuto per la Libertà e la Democrazia la nostra generazione deve saperla custodire e oggi combattere per la salute collettiva. Perché non bisogna dimenticare mai che la libertà di ciascuno di noi ha per limite la libertà degli altri. Oggi il richiamo alla responsabilità è d’obbligo. Oggi – continua il Sindaco Minervini - più che mai il rispetto dell’uomo verso l’altro uomo è fondamentale per la libertà e la salute di tutti. Libertà da ogni infezione. Ringrazio l’Anpi, l’associazione Eredi della Storia, tutte le Associazioni combattentistiche e d’armi, le Forze dell’Ordine e tutti coloro che, con il loro impegno constante, contribuiscono a rimarcare i valori di libertà e democrazia. Nel 2020 e nel 2021 abbiamo toccato con mano il prezioso ruolo del meraviglioso mondo del Volontariato a qualunque livello. Senza di loro non avremmo potuto resistere alla Pandemia e voglio ringraziarli tutti e tutti dobbiamo esserne grati per questo – conclude il Primo cittadino - chiedo che siano presenti con una loro rappresentanza». Domenica 25 aprile, alle ore 11, in Villa comunale, il Sindaco deporrà una corona d’alloro al Monumento dei caduti di tutte le guerre. A seguire sosterà di fronte al busto di Gaetano Salvemini.



MOLFETTA. Non riesce a tornare alla vittoria la Pavimaro Pallacanestro che, nel turno infrasettimanale valido per la sesta giornata della seconda fase, viene sconfitta dalla Virtus Cassino per 75-78 al termine di una partita equilibrata e decisa solo negli ultimi secondi. Coach Carolillo inizia la partita con: Dell’Uomo, Mazic, Gambarota, Bini e Visentin; Coach Vettese risponde con Teghini, Grilli, Lestini, Cusenza e Visnjic; avvio di partita favorevole ai biancorossi che con Dell’Uomo e Gambarota si portano sul 13-6, gli ospiti ci provano con Visnjic e Grilli ma i biancorossi ancora con uno scatenato Gambarota riescono a chiudere il primo periodo avanti 26-22.
Nel secondo quarto Fioravanti e Lestini da tre punti impattano a quota 36, Visentin ci prova sotto canestro ma Grilli e ancora Fioravanti da tre punti fissano il punteggio sul 40-44 al termine del primo tempo. Nel terzo quarto la Pavimaro Molfetta con la tripla di Mazic arriva fino al meno uno ( 45-46), ma Grilli e Visnjic portano Cassino sul più nove ( 49-58), ancora una volta dell’Uomo e Visentin provano a ricucire il gap ma la tripla di Teghini riporta i suoi sul 56-65 all’ultimo mini riposo.Negli ultimi dieci minuti Cassino raggiunge il massimo vantaggio di serata sul più dodici, ma i biancorossi non mollano e con le triple di Bini e Calisi tornano a un solo possesso di distanza (68-70), ma nel momento di maggior fiducia per i padroni di casa le triple di Rischia e Teghini sembrano poter chiudere l’incontro (68-76), Molfetta però ha la forza per rientrare e con Gambarota e Mazic arriva fino al tre e nei secondi finali i tentativi di portare la partita all’overtime si spengono sul ferro e si impone Cassino con il punteggio di 75-78. Tra tre giorni torna si torna in campo in una vera e propria sfida per evitare i playout, domenica la Pavimaro Pallacanestro Molfetta sarà impegnata alle ore 18.00 sul parquet di Pozzuoli.

Pavimaro Pallacanestro Molfetta: Gambarota 26, Mazic 13, Bini 10, Visentin 10, Dell’Uomo 8, Calisi 6, Serino 2, De Ninno, Azzollini, Sasso, Caniglia, Kodra. Coach Carolillo.
Virtus Cassino: Fioravanti 15, Rischia 14, Grilli 13, Teghini 12,Lestini 11, Visnjic 8, Cusenza 5, Rubinetti, Rinalid, Policari, Manojlovic, Gambelli. Coach Vettese.

 

MOLFETTA. A pochi giorni dalla sconfitta con Formia, torna in campo la Pavimaro Pallacanestro che questo pomeriggio alle ore 18.00 al Pala Poli affronta la Virtus Cassino, nella sesta giornata del girone di ritorno del campionato di Serie B. I biancorossi sono reduci da tre sconfitte consecutive, fermi a quota sedici punti e alla ricerca di un successo per allontanarsi dalla zona playout, dall’altra parte Cassino arriva a questo turno infrasettimanale da tre vittorie consecutive con Taranto, Reggio Calabria e Catanzaro e con 20 punti in classifica è in piena lotta per raggiungere i playoff. La formazione guidata da Coach Vettese può contare in cabina di regia sull’esperienza di Simone Rischia, particolare attenzione alle guardie Teghini e Grilli, completano il quintetto Lestini e il centro Visnjic rispettivamente 18 e 12 punti di media in questa seconda fase. Pronti a dare il loro contributo dalla panchina Fioravanti e Cusenza. Appuntamento per la palla a due questo pomeriggio alle ore 18.00 al Pala Poli, dirigeranno l’incontro i Signori Di Franco Mirko Moreno di Bergamo e Di Pilato Fulvio di Paderno Dugnano, la gara si disputerà a porte chiuse ma sarà possibile seguire la diretta su LNP Pass al costo di 3.45€.

Foto di Isabella di Stefano

JoomBall - Cookies

© 2020 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino