Redazione_Online

Redazione_Online

Chi siamo

Novembre 14, 2015

GiulioCosentinoMolfetta2018Molfetta - Permettetemi di parlare un po' di me e di questi meravigliosi dieci anni. Lasciatemi un po parlare dei miei sogni, le mie delusioni e quello che mi auguro per il mio futuro e del giornale.

Nasce in me, nella primavera del 2007, l'idea di creare a Molfetta un giornale indipendente di nuova generazione. Affascinato da libri come Wikinomics e da figure come quelle di Steve Jobs, Mark Zuckerberg, Julian Assange e tanti giornalisti mi metto al lavoro per capire come crearlo da zero. Dopo diversi mesi di analisi su case history di start up, di citizen journalism (giornalismo partecipativo) in giro per il mondo, nasce la prima configurazione del progetto editoriale de Il Fatto che vedrà, negli anni successivi, numerose modifiche e miglioramenti. Coinvolto nel processo l'amico e grafico Vincenzo de Pinto, nasce la prima configurazione grafica del giornale. Il 5 dicembre 2007 vede la luce il numero zero con 24 pagine in formato piccolo tabloid che verrà distribuito, il giorno stesso, in 20.000 copie nelle cassette della posta di tutta la città.


Il primo giornale che va dritto a casa del lettore, avranno pensato i più. Scopo di questa operazione, oltre quella di farci conoscere, anche quella di far riabituare il lettore ad informarsi sulla propria città. I concorrenti dell'epoca non superavano la tiratura delle 2.000 copie e molte di queste erano dirette fuori città, mentre i giornali on line non raggiungono ancora oggi moltissime fasce di popolazione in particolare se non hanno un computer. Direttore del momento il collega Germinario, proveniente da una storica rivista cittadina. Parte da quel giorno la mia prima esperienza come editore di questo stupendo giornale. Passano gli anni e, mentre le copie stampate aumentano sempre di più, lancio quello che era un mio forte desiderio da tempo, cioè creare una web tv a Molfetta. Avevo sentito parlare di questa nuova tecnologia di trasmissione di contenuti video nei forum da me sempre frequentati. In nazioni più evolute questa tecnologia rappresentava il passato e avevo capito che, in mancanza di una emittente televisiva locale, era questa l'unica occasione per sopperire alla nostra mediatica carenza. Da li partono i progetti della web tv de Il Fatto e di Chmod.tv, uniti ai progetti musicali sul divertimento e diffusione delle culture musicali alternative come il reggae indipendente, oggi divenuto realtà in primo piano.


Grande successo di visitatori e grande soddisfazione per un progetto che finisce tra i primi sui libri che parlano di web tv. Parleranno di noi in tanti e tra questi il giornalista Gianpaolo Colletti con il libro stampato dal Sole24ore “Tv fai-da-Web. Storie italiane di micro Web Tv.”. Una piccola citazione, per noi molto importante, che ci fa rimanere nella storia di questa evoluzione mediatica. Diventiamo anche famosi perché siamo tra le prime web tv che, oltre a trasmettere il consiglio comunale, viene anche espulsa dallo stesso a causa di un nostro video servizio scomodo. Ma non ci fermiamo con le nuove iniziative e a questi due progetti se ne affiancano altri radiofonici, con le dirette radio in collaborazione con PRIMARADIO delle elezioni dal 2007 ad oggi, con numerosissimi invitati. Anche qui primissime sperimentazioni di streaming web così da dare la possibilità ai lettori di seguire le elezioni da qualsiasi parte del mondo. Basti pensare che, nelle ultime elezioni, abbiamo toccato la contemporaneità di 700 visitatori nello spesso momento. Anche qui mix di competenze molfettesi a cominciare dagli speaker del giornale e della radio che hanno retto la diretta a finire al server che ha lavorato, senza problemi, assolvendo al gravoso compito.


Questo grazie ai software open source e al server gestito in autonomia dai tecnici della redazione. Tanti anche i corsi effettuati in questi anni, a cominciare da Linux a finire a quelli di fotografia. Posso dire che, sicuramente, questi corsi hanno contribuito a portare ricchezza culturale alla città. Tutti questi progetti, mi piace evidenziare, sono stati supportati dall'editore e dalla pubblicità. Mai sono stati richiesti soldi pubblici o ai lettori. Il giornale è nato come gratuito e di massa, infatti ancora oggi le 10.000 copie mensili arrivano gratuitamente ai tantissimi lettori. Il tutto non senza diversi sacrifici da parte di tutto lo staff.


Novembre 2010, un mese da non dimenticare perché divento anche il direttore del mio giornale. Non c'è stato giorno in cui io non abbia seguito le attività dietro le quinte, ma essere contemporaneamente editore e direttore del giornale più letto della propria città è stata per me una sfida entusiasmante e molto dura. Esce il 12 novembre 2010 il primo numero con la mia firma da direttore e anche il giornale per l'occasione prende un aspetto diverso. Si tratta del numero 70. Le pagine diventano 32 e anche il formato diventa molto più grande, diventando per dimensione simile ai tabloid più noti nazionali. Molto più spazio e tantissimi contenuti in più. Rinnovata e consolidata anche tutta la redazione, perché da sempre avevo avuto nel cassetto il sogno di dirigere un giornale composto da giornalisti collaborativi. Quello che in America, il luogo dove nascono tutte le cose, prende il nome di giornale partecipativo o open source giornalistico. Il giornale arriva a contare oltre 35 collaboratori e aumentano le rubriche e le inchieste. Anche i visitatori sul web aumentano e sempre più molfettesi chiedono di collaborale con il solo gusto di aiutare la libera stampa cittadina. Nascono nuove rubriche che mi hanno dato grandi soddisfazioni, a cominciare dalla raccolta delle tantissime segnalazioni, alla storia cittadina con una proficua collaborazione con gli Eredi della storia al dialetto con il magico Pietro Capurso.


Il primo 1.000.000 di copie.

 

Nel 2013 tocchiamo il traguardo del primo milione di copie distribuite e 4.000.000 visitatori unici sul sito web di notizie. La web tv supera i 1000 video con 1.500.000 visitatori in totale. Come non essere entusiasti del traguardo ottenuto. L'anno 2013 è un ulteriore anno di miglioramenti strutturali, perché la crisi attacca tutte le attività produttive e noi viviamo solo di pubblicità privata e pulita. Anche la struttura commerciale viene migliorata e tutte le attività interne prendono una sembianza più professionale. Da giornale sperimentale ora siamo diventati più maturi e le idee sono molto più chiare. Il Giulio Cosentino editore, poi diventato direttore, ora ha ben sei anni di esperienza e, grazie ai tantissimi errori fatti, ha le idee più chiare su come funziona il mondo editoriale e giornalistico della stampa locale. C'è tantissimo ancora da imparare, ma un po più esperti lo siamo diventati tutti.


Ma arriviamo alla sfida più grande. 


Dieci anni di duro lavoro e tanti risultati ottenuti. Ora è però arrivato il momento di passare alla fase più difficile. In questi anni ho capito tante cose della comunicazione e del momento storico che stiamo vivendo. Sono cresciuto aiutando la gente a dire quello che pensa e a farlo sapere ai lettori senza filtri. Un vero e proprio percorso di vita che mi ha dato gioie e dolori, ma che mi ha fatto crescere. Come tutti i percorsi di vita si evolvono e prendono nuove strade.

Dal gennaio 2014 ho deciso di sospendere la versione cartacea del giornale e dedicarmi interamente a quella web. Ogni anno uscirà un solo numero riassuntivo a dicembre. L'utenza adulta che leggeva principalmente il cartaceo ora si è informatizzato e naviga su internet ma avrà la possibilità di avere un numero sempre gratuito a Natale con le migliori notizie dell'anno.

Grande attenzione alle nuove penne che potranno iniziare il percorso di affiancamento per prendere il desiderato tesserino da Giornalista. Tante idee da portare avanti con la passione e serietà che ci contraddistingue da sempre.

Il sito web viene sempre più letto forte degli articoli inediti che prima uscivano esclusivamente sulla versione cartacea. Le condivisioni sono la conferma del sentiment dei lettori e anche la pagina facebook raggiunge e supera i 18.000 like.

Grande attenzione alle nuove penne che potranno iniziare il percorso di affiancamento per prendere il desiderato tesserino da Giornalista. Tante idee da portare avanti con la passione e serietà che ci contraddistingue da sempre.

Giulio Cosentino

 

 

Per contattarmi:

3341758150 (solo messaggi o WhatsApp)

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

https://www.facebook.com/giulio.cosentino.58

https://it.linkedin.com/in/giuliocosentino

 

Per contattare la redazione:

https://www.facebook.com/IlFattoMolfetta/

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Contatti

Novembre 14, 2015

Per la tua pubblicità o segnalazioni su ilFatto.net:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.mockupILFATTO

novitàdecreto422019Cari amici, bentrovati.

Vediamo brevemente le novità in materia previdenziale del 2019 Partiamo dal bonus asilo nido. E’ possibile richiedere anche quest’anno la prestazione per il sostegno al pagamento della retta di asili nido pubblici e privati autorizzati. Quest’anno l’importo mensile massimo erogabile è di 136,37 euro per un totale di 1500 euro per 11 mensilità. Le fatture utilizzate per tale prestazione, non potranno essere portate in detrazione in dichiarazione.

QUOTA 100 Uno dei temi più discussi degli ultimi mesi, unitamente al reddito di cittadinanza che vedremo tra poco. Per il triennio 2019/2021 è riconosciuta ai lavoratori iscritti all’AGO, pubblici, privati o in gestione separata ex-ipost ecc, la possibilità di accedere alla pensione con 62 anni di età anagrafica e 38 di contributi, totalizzando la famosa QUOTA 100. Sono previste applicazioni di finestre mobili di 3 mesi per i dipendenti del settore privato e 6 per i pubblici. Quindi i lavoratori del settore privato che hanno raggiunto il requisito ad esempio a gennaio 2019, andranno in pensione con decorrenza 1° aprile. I dipendenti del settore pubblico invece potranno accedere alla pensione con prima decorrenza utile 1° agosto. Chi opta per QUOTA 100 non potrà cumulare la pensione con redditi di lavoro dipendente o autonomo. Fatta eccezione per redditi di lavoro occasionale sotto il limite dei 5000 euro annui.

REDDITO DI CITTADINANZA Altro tema caldo di questo inizio anno, è il RdC. Vediamo brevemente come funziona. Le domande saranno presentabili a partire da Marzo salvo nuove disposizioni. E’ prevista l’erogazione di 780 euro per 18 mensilità. Per accedervi, è necessario avere un reddito ISEE non superiore a 9.360 euro ed essere residenti in Italia da almeno 10 anni. Il patrimonio immobiliare, diverso dalla prima casa, non dovrà superare i 30.000 euro mentre il patrimonio finanziario (conti correnti libretti ecc) non dovrà superare i 6.000 euro per i single, fino a 20.000 per le famiglie. Sono previste sanzioni fino a 6 anni di carcere per chi presenta ISEE falsi o attestanti situazioni non vere. Dopo aver accertato il requisito ISEE, il decreto prevede il reinserimento nel mondo lavorativo, tramite la firma di un patto per il lavoro con i centri per l’impiego o agenzie per il lavoro. Trattasi di un percorso formativo, per accompagnare il richiedente al reinserimento nel mondo del lavoro. Saranno 3 le offerte lavorative presentate. La prima entro i 100km, la seconda entro i 250km mentre la terza può pervenire da qualsiasi parte d’ Italia. Dopo il rifiuto di tutte le offerte, il RdC decade.

Cari amici, vi invito a venire a trovarmi in ufficio, per esaminare la vostra situazione contributiva e verificare la possibilità di accedere alla nuova quota 100 o ad altre uscite pensionistiche; mentre per i genitori che hanno già ricevuto la fattura della retta dell’asilo nido relativa al mese di gennaio è già possibile presentare la domanda di bonus asilo nido.

Quanto sopra descritto relativamente al reddito di cittadinanza, è solo un breve sunto che potrebbe subire alcune variazioni durante il processo di conversione in legge.

A presto!

Per info e contatti potete chiamare allo 080/3328328 o scrivere all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Vi aspetto in ufficio, in Piazza Garibaldi 79 a Molfetta

Responsabile Sede Zonale Patronato Enapa Caf Confagricoltura 

Gianluca Silvestri

gambepesanti250618Cari amici ed amiche finalmente è arrivata l'estate..finalmente un po' di relax per tutti Noi!

Tuttavia spesso con l'Estate si manifesta un aumento dei fastidi a gambe e caviglie (ad esempio gonfiore, pesantezza, formicolio, prurito, dolore, edema e vene varicose) e non è una casualità!

Questo disturbo comune, infatti, dipende dall'aumento delle temperature che provoca una naturale vasodilatazione delle vene e del microcircolo a livello delle gambe, per favorire la dispersione del calore.

Questa vasodilatazione comporta un rallentamento del ritorno venoso del sangue dagli arti inferiori al cuore, provocando fastidi come caviglie gonfie, gambe doloranti e crampi notturni, che non sono altro che precoci e lievi manifestazioni di un'insufficienza venosa, una patologia comune per cui è importante effettuare una diagnosi precoce in modo da impostare un’efficace terapia ed evitare o ritardare la cronicizzazione della malattia.

Spesso i lievi disturbi alle gambe che si accentuano in Estate sono un campanello d'allarme da non sottovalutare!

Questi disturbi, infatti, hanno un decorso lento ed i sintomi si manifestano via via che avanzano con la complicità di alcuni stili di vita poco salutari come:

  • una dieta ricca di sale

  • il sovrappeso

  • una vita sedentaria o l'abitudine di stare sempre in piedi

  • indossare indumenti troppo stretti e scarpe con tacchi troppo alti.

Chiaramente le donne sono le persone più colpite dall'insufficienza venosa per motivi ormonali in quanto estrogeni e progesterone (alcuni degli ormoni sessuali femminili) influiscono sulla circolazione del sangue indebolendo le pareti delle vene.

A questo punto Vi chiederete: come possiamo intervenire per evitare la manifestazione di questo disturbo?

Vi diremo che è opportuno iniziare a modificare alcune abitudini poco salutari come: eliminare il fumo di sigaretta, condurre una vita meno sedentaria, eliminare il sale ed introdurre nella dieta alimenti ricchi di sostanze protettive delle vene come mirtillo, pompelmo e verdure ricche di sali minerali e potassio che aiutano ad eliminare i liquidi ed il sodio in eccesso proteggendo i capillari sanguigni.

L'ideale sarebbe anche concedersi una lunga passeggiata tutti i giorni, o quanto meno seguire una regolare e costante attività fisica (nuoto o corsetta in bici) che possa riattivare e rinforzare il microcircolo, indossare scarpe adatte, bere molta acqua (circa 2 litri al giorno) e possibilmente sottoporsi a getti di acqua fredda e calda alternati per migliorare la circolazione. L'acqua calda, infatti, dilata i vasi sanguigni ed aumenta la circolazione favorendo il drenaggio di tossine e scorie verso l’esterno, mentre l'acqua fredda contrae i vasi sanguigni e ne aumenta l’ossigenazione favorendo la depurazione. Il risultato benefico è che vene e capillari si rafforzano grazie all'alternanza di questi due getti.

Vi diremo inoltre che è possibile trarre benefici grazie all'utilizzo di creme o pomate ad azione capillaro-protettiva, antiedema e decongestionante, e soprattutto grazie ad integratori e tisane a base di piante officinali come la vite rossa, la centella asiatica, il rusco, il mirtillo e l'ippocastano.
Noi come sempre, Vi suggeriamo di partecipare alle Giornate dedicate alle Prevenzione Dell'Insufficienza Venosa che spesso organizziamo nella Nostra Farmacia e Vi aspettiamo per aiutarVi con consigli utili e con la scelta di prodotti sicuri e naturali adeguati al Benessere delle Vostre Gambe!

Per contatti: Farmacia Eredi de Trizio Snc - Via Terlizzi 2 - Molfetta (Bari) - 080/3389344

https://www.facebook.com/farmaciaErediDeTrizio/

investirediver050518Molfetta. Un importante concetto che non bisogna mai dimenticare quando si investono i propri risparmi è la DIVERSIFICAZIONE.

In questi mesi i casi di cronaca finanziaria che più ci hanno sconvolto sono piene di storie di risparmiatori di importanti istituti bancari che hanno investito i risparmi di una vita tutti in un solo contenitore/contratto. (Ovviamente mi permetto di prendere un caso estremo per far comprendere un concetto semplice ma non troppo scontato: la diversificazione).

Quei risparmiatori, ai quali esprimo la mia più solidale vicinanza, sono stati ingannati oltre che mal consigliati: ingannati in quanto le informazioni a loro fornite raccontavano di servizi finanziari sicuri e in linea con i profili di rischio (basso) che gli stessi risparmiatori esprimevano; mal consigliati in quanto, nella maggior parte dei casi, la totalità dei risparmi fu concentrata in quell’investimento che si è poi rivelato capestro.

Accertato l’inganno con i quali furono avvicinati quei risparmiatori per cui auspico che la magistratura possa fare il suo corso giungendo ad individuare i colpevoli (mediatori e mandanti), voglio porre l’attenzione sulla rischiosità del gesto di collocare il 100% dei propri risparmi in un unico strumento.

Se il sig. Bianchi Mario avesse accettato di spostare parte (e non tutta) la sua liquidità verso un investimento suggerito dal consulente Mister X avrebbe diversificato in maniera semplice ed intelligente il rischio di perdere a causa di un andamento negativo dei mercati e, nel caso di cui sopra, avrebbe, in caso di accertato illecito, perso solo una parte e non tutti i suoi risparmi.

Questo piccolo esempio vuole portare all’attenzione una regola importantissima da tenere sempre a mente quando si decide di investire delle somme (molto spesso frutto di risparmi sudati nell’arco nella vita):

DIVERSIFICATE!!!!

Solo dopo che avete ben inteso come diversificare potrete rivolgere la vostra attenzione al servizio A e/o B e/o C. E per farvi consigliare al meglio andate sempre più alla ricerca di strutture indipendenti che possono offrirvi progetti svincolati dal conflitto di interesse di vendere i prodotti delle stesse società/banca/assicurazione che rappresentano: il conflitto di interesse è una brutta bestia che fa arricchire i soliti noti a discapito dei inconsci risparmiatori.

Saverio Digioia

Seguitemi sulla pagina Facebook

https://www.facebook.com/saverio.digioia.professional/

visita il sito www.studiodigioia.eu

scrivimi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cari amici bentrovati.

Vediamo oggi quali sono i principali sussidi che possono essere richiesti all’INPS in occasione dell’arrivo in famiglia di un neonato, e come funzionano.

Partiamo dal BONUS BEBE’. Un assegno di 80 euro erogato per i primi 12 mesi di vita del bambino. La nuova legge finanziaria infatti, ha ridotto da tre ad uno, gli anni in cui è possibile fruire di tale beneficio.

Per poter fare la richiesta, è necessario compilare il modello isee ed accertarsi che lo stesso abbia un valore pari o inferiore a 25.000 euro.

Il PREMIO ALLA NASCITA invece è un assegno di 800 euro liquidato una tantum. La domanda può essere inoltrata al compimento del settimo mese di gravidanza. In questo caso il ginecologo dovrà inviare telematicamente il certificato. Sarà poi possibile venire qui in ufficio per inviare la pratica all’INPS. In alternativa tramite questo patronato, sarà possibile inviare la domanda dopo la nascita, fornendo i dati anagrafici.

Ultimo ma non per questo meno importante è il BONUS ASILO NIDO. Trattasi di un contributo di circa 91 euro mensili, a sostegno della retta per dell’asilo nido. Chi decide di usufruire di questo bonus NON potrà portare in detrazione in dichiarazione, la spesa affrontata per la retta del nido. Non è necessario compilare modello ISEE.

Bene carissimi, queste in sintesi sono le principali prestazioni dedicate a quanti nel corso del 2018 vedranno crescere la loro famiglia.

Colgo l’occasione per fare gli auguri a tutti i neo genitori, e in bocca al lupo alle nuove gestanti.

Sono a vostra disposizione per fornire GRATUITAMENTE l’assistenza sulle pratiche illustrate in questo articolo.

Ricordo che presso questa sede è possibile anche presentare domanda di PENSIONE, INVALIDITA’, INFORTUNI, PREVIDENZA MARINARA , 730, ISEE ecc … insomma tutti i servizi di Patronato e Caf di cui avete bisogno!

Ci avviciniamo al 730/2018! Contattatemi ai recapiti che troverete alla fine di questo articolo per fissare un appuntamento e iniziare a predisporre la vostra dichiarazione dei redditi!

Vi invito a mettere MI PIACE alla pagina facebook: https://it-it.facebook.com/EnapaMolfettaGaribaldi/

Non esitate a contattarmi telefonicamente o tramite la pagina facebook per chiedere informazioni o fissare appuntamenti!

Per info e contatti potete chiamare allo 080/3328328 o scrivere all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Vi aspetto in ufficio, in Piazza Garibaldi 79 a Molfetta

Responsabile Sede Zonale

Patronato Enapa

Caf Confagricoltura 

Gianluca Silvestri

IL SECOND WELFARE

Febbraio 20, 2018

1secondwelfare270218Riprende la rubrica dedicata alla materia della PROTEZIONE e RISPARMIO che tra il 2016 ed il 2017 ci ha visto affrontare tematiche importantissime, troppo spesso trascurate, in materia di Educazione Finanziaria seguite da una platea molto vasta alla quale vanno i miei più sentiti ringraziamenti per il seguito e l’affetto dimostrato.

La speranza è che in questa nuova stagione riuscirò a trasferire messaggi sempre più chiari e dettagliati in merito alla materia “finanziaria e assicurativa” troppo spesso oscurata dalle bugie commerciali offerte dai venditori dei servizi cha hanno come unico obiettivo il “budget di fine anno” e sempre meno la soddisfazione del cliente.

Riprendiamo con un argomento sempre più d’attualità “IL SECOND WALFARE”, cha sta diventando il vero attore della tutela dei cittadini italiani sempre più “abbandonati dallo STATO” che continua a ridurre i servizi al cittadino soprattutto quelli sanitari e previdenziali.

Per la Famiglia oggi diventa sempre più complicato gestire l’imprevisto e sempre meno famiglie possono far fronte a spese urgenti derivanti da malattie o infortuni. Fino ad oggi il sistema di tutela “familistico” italiano sta funzionando in qualità di ammortizzatore sociale: si, ma, a quale prezzo? Stiamo lentamente bruciando i risparmi che faticosamente le generazione precedenti hanno creato e ci anno donato (semplicemente perché passati a miglior vita). Analizziamo anche la situazione economica: da un lato aumenta il precariato lavorativo, dall’altra, chi lavora ha redditi a mala pena sufficienti per gestirsi il quotidiano.

Questa è la situazione drammatica che vive oggi la Famiglia Italiana: la più immediata medicina che possiamo somministrare al malato è la consapevolezza di come programmare al meglio le spese riuscendo a pianificare anche la voce dell’IMPREVISTO.

In questo ci vengono in aiuto le garanzie Sanitarie, vere e proprie panacee per i cittadini lavoratori e le loro famiglie (queste garanzie sono prestate sempre più sotto forma di “benefit aziendale” – che ne trae un vantaggio fiscale considerevole - verso i propri dipendenti, o sottoscritte singolarmente dai nuclei famigliari – con possibilità di detrarre le somme spese nella dichiarazione dei redditi nei limiti consentiti dalla legge). Sotto forma di società di Mutuo Soccorso o di compagnie Assicurative specializzate nella materia assicurativa Sanitaria emergono sussidi fondamentali che proteggono le economie delle Famiglie a fronte di spese mediche PRE – DURANTE – POST ricovero che altrimenti graverebbero sul reddito famigliare. Inoltre nella generalità dei casi troviamo sussidi importantissimi verso l’azione preventiva: nella maggior parte delle POLIZZE SANITARIE è possibile effettuare check-up annuali tramite strutture convenzionate che permettono di verificare e monitorare lo stato di salute dei singoli assicurati. Pertanto nelle garanzie Sanitarie potremo garantire a tutto il nucleo famigliare tutele per le spese del dentista, o ancora per accertamenti diagnostici, o per interventi chirurgici e periodi riabilitativi da consumarsi presso cliniche pubbliche o private (evitando tempi di attesa lunghi ed estenuanti presso le strutture pubbliche) in convenzione e non con le compagnie.

Una distinzione fondamentale tra le Mutue e le più blasonate compagnie di assicurazione sono da ricercarsi nei costi e, ovviamente nelle garanzie offerte. In questo le MUTUE sono decisamente più vantaggiose!!! Ma fate attenzione soprattutto verso i sistemi Liquidativi offerti dalle singole compagnie, potreste scoprire che pagare meno non sempre significa aver fatto un affare!!!

Inoltre ricordate sempre che non esiste garanzie che protegga tutto il danno subìto. Più protezione chiedete ad una polizza, più questa vi verrà a costare: nessuno regala niente!!! A tal proposito indirizzate la vostra attenzione ai rischi apicali (ovvero ai rischi che, se si dovessero verificare metterebbero veramente in ginocchio l’economia della famiglia costringendola al salasso e, peggio ancora, all’elemosina). Mettete a budget annuale una cifra da dedicare alla protezione di eventi sanitari e ricercate Consulenti Assicurativi Professionali che, a differenza dei generalisti, sono specializzati nella materia Sanitaria. Verificate le carenze a cui siete esposti (valutando stili di vita e condizione lavorativa) e fatevi elaborare una analisi opportuna sulle zone di rischio da proteggere. Solo dopo aver preso coscienza della vostra attuale situazione di rischio procedete con la ricerca delle garanzie e delle compagnie che meglio si sposano alle vostre esigenze.

Sappiate che più attenzione riporrete nella fase di analisi maggiore consapevolezza avrete nella scelta dei servizi acquistati.

Buona tutela a tutti voi

Seguitemi sulla pagina Facebook

https://www.facebook.com/saverio.digioia.professional/

scrivimi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

nocolesterolo210218Cari Amici, eccoci qui con il nostro appuntamento con la “salute”!

In questo articolo abbiamo pensato di parlarvi di COLESTEROLO e di quanto sia importante abbassare questo valore, insieme a quello della pressione arteriosa, per garantire un miglior funzionamento dell'apparato cardiovascolare.

Lo sapevate che, secondo un recente studio, le PATOLOGIE CARDIOVASCOLARI sono in netto aumento? E che per poterle PREVENIRE basta un semplice controllo in modo da evitare conseguenze disastrose?

Ebbene si, molti studi hanno dimostrato che quantità elevate di colesterolo nel sangue possono rappresentare un importante fattore di rischio per l’insorgenza di malattie cardiovascolari, come l’infarto o l’ictus. Infatti più sono bassi i livelli di colesterolo nel sangue, più è basso il rischio di contrarre patologie cardiovascolari.

Anche questa volta, adottare uno stile di vita sano, è la chiave di lettura per iniziare a risolvere il problema; infatti un'alimentazione sana ed equilibrata si rivela un'importante alleata nel ridurre l'alta pressione e il colesterolo. Il nostro consiglio è quello di consumare tanta frutta, preferibilmente di stagione, perfetta per una sana colazione o per uno spuntino anche pomeridiano. Legumi e cereali, possono andar bene sia a pranzo che a colazione, un po' meno a cena mentre la frutta secca garantisce un ottimo contributo all'innalzamento del colesterolo buono. Per questo mangiarne un po', quotidianamente, è una sana abitudine per tutti. A cena vi consigliamo piatti a base di carne o pesce ( soprattutto pesce azzurro, ricco di omega3), accompagnato da verdure crude o cotte che non possono mancare se si vuole ridurre rapidamente il colesterolo. Nello specifico, la verdura fresca a foglia verde garantisce il maggiore apporto di sali minerali e vitamine indispensabili per il corretto funzionamento di tutto l'organismo.

E' chiaro che ad un'alimentazione corretta va associata anche dell'attività fisica, prettamente di tipo aerobico, che ci aiuta a tenere sotto controllo anche il peso corporeo (l'eccesso di grasso favorisce l'aumento della colesterolemia). Ne consegue che l'azione sinergica di dieta ed attività fisica, aiuta a diminuire il colesterolo cattivo (LDL) e ad aumentare quello buono (HDL).

Di grande aiuto sono anche degli integratori alimentari a base di fibre, chitosano, beta glucani, lecitina di soia e riso rosso fermentato che contribuiscono al mantenimento dei livelli normali di colesterolo nel sangue e rappresentano un valido supporto per uno stile di vita salutare.

Ora le nostre domande sono:

  • Conosci il valore del tuo colesterolo totale, LDL e HDL?

  • Conosci il valore dei tuoi trigliceridi e della tua glicemia?

  • Da quanto non misuri la pressione arteriosa ?

  • Sai che valori alti degli elementi citati prima, ti espongono al sostanzioso rischio di andare incontro a serie patologie cardiovascolari ?

Se a queste domande pensi di non saper rispondere ma soprattutto se non misuri da tempo questi valori, Ti suggeriamo di farlo quanto prima, basta anche un semplice prelievo capillare come da Noi in Farmacia grazie alle Giornate dedicate al Controllo Gratuito del Colesterolo!

Quindi cosa aspetti..non aver paura di controllare questi valori... per Noi la Prevenzione e la Tua Salute sono la Nostra Missione!

Per questo Ti aspettiamo nella Nostra Farmacia per aiutarti con consigli utili e con la scelta di prodotti sicuri e naturali adeguati alle tue esigenze... da oggi il colesterolo deve avere i giorni contati!

 Per contatti: Farmacia Eredi de Trizio Snc - Via Terlizzi 2 - Molfetta (Bari) - 080/3389344

https://www.facebook.com/farmaciaErediDeTrizio/

farmaciadetrizio301017

Cari amici, eccoci qui per parlare di “cambio di stagione”!

Abbiamo pensato di accompagnarvi, in questi mesi autunnali/invernali, con utili consigli per non farvi trovare impreparati dinanzi al cambio di stagione e di temperature!

L'autunno e l'inverno infatti, sono spesso delle stagioni malinconiche. I colori sbiadiscono e le giornate si accorciano. La progressiva diminuzione di luce, i livelli di umidità e le temperature diverse dall’estate sono fattori che influenzano pesantemente il nostro bioritmo ed anche le nostre difese immunitarie!

Nessun panico! Ci siamo Noi a darvi una mano! Con il cambio di stagione e l'arrivo dell'autunno/inverno, in molti iniziano ad accusare sensazioni di malessere e disturbi come: emicrania, insonnia, senso di fatica, debolezza, mancanza di energia e vitalità soprattutto con l'arrivo di forme parainfluenzali.

La strategia vincente per affrontare il cambio di stagione è:

  1. Fortificare il proprio organismo con una sana alimentazione varia e naturale, ricca di frutta e verdura fresca, cereali integrali ma povera di grassi saturi e zuccheri raffinati che influiscono negativamente sull'efficienza del nostro sistema immunitario. Per il nostro corpo rimane sempre fondamentale assumere tanta ma tanta acqua in modo particolare in questo periodo perchè aumenta le nostre energie facendoci percepire meno la stanchezza e ci aiuta a mantenere idratato il nostro organismo.

  2. Proseguire con una attività fisica costante in modo da mantenere un corretto peso forma. Pertanto muovetevi! Che sia in palestra o all'aria aperta l'importante è iniziare. Una buona attività fisica fa bene al cuore, migliora il sistema cardiocircolatorio, libera dalle tossine, previene e riduce i disturbi muscolo-scheletrici (come il mal di schiena) , ma soprattutto riduce i sintomi come stress, ansia e depressione tipici del cambio di stagione. Lo sport migliora il benessere psico fisico e tiene la mente impegnata allontanando i cattivi pensieri! Il momento migliore per praticare un'attività fisica è la mattina, quando la glicemia è più bassa...ma copritevi bene!

  3. Scegliere degli integratori ad hoc capaci di aumentare le difese immunitarie in funzione delle vostre esigenze. Numerosi integratori contenenti Echinacea, Acerola, Zinco, Vitamine B e C, Uncaria, Astragalo o Sambuco supportano e sostengono le difese immunitarie del nostro organismo. Assunti regolarmente, soprattutto nei periodi di maggiore stress psicofisico, come durante il cambio di stagione, sono indicati nella profilassi delle malattie infiammatorie di tipo respiratorio o gastrointestinale poiché sono in grado di aumentare le difese immunitarie agendo sia da immunostimolanti che da immunomodulanti. Inoltre possono ridurre i sintomi della patologia in essere ma anche la durata della stessa accelerando la capacità di ripresa dell'organismo e riducendone le recidive.

    Noi cosa possiamo fare per Voi? Ma naturalmente aspettarVi con il sorriso nella Nostra Farmacia (collaborando anche con medici di famiglia e pediatri) per aiutarvi con consigli utili e con la scelta di prodotti e di integratori più adatti al vostro programma di “remiseenforme autunnale”!

    Buona stagione invernale a tutti!

Per contatti: Farmacia Eredi de Trizio Snc - Via Terlizzi 2 - Molfetta (Bari) - 080/3389344

https://www.facebook.com/farmaciaErediDeTrizio/

stanchezza150917Cari amici, eccoci qui a parlare di “rientro dalle vacanze”! Abbiamo pensato di accompagnarvi, in questi giorni da rientro, con degli utili consigli per non farvi trovare impreparati dinanzi alla stanchezza psicofisica pre-autunno!

Ebbene si, la stanchezza, in questo periodo, è un sintomo piuttosto comune di cui si lamentano molti adulti e bambini e spesso si manifesta con una sensazione di malessere generale caratterizzata anche da disturbi del sonno, mal di testa, disturbi di memoria e concentrazione, dolori muscolari, crampi addominali ed infine irritabilità, mancanza di energia e motivazione.

Insomma la classica sindrome “VOGLIO RITORNARE IN VACANZA”!

Tuttavia è opportuno ricordare che la stanchezza è una sensazione soggettiva e quindi può variare da individuo ad individuo manifestandosi anche nello stesso soggetto con intensità diverse in momenti differenti.

In questi giorni, in Farmacia, molti ci chiedono “un qualcosa” che li faccia star meglio e che li aiuti a superare questa situazione di disagio caratterizzata da una condizione di carenza generale di energie sia fisiche che psichiche.

Noi Vi diremo che per prima cosa la stanchezza si vince a tavola consumando alimenti che abbiano il massimo potere nutrizionale e che siano capaci di aumentare i livelli di energia all'interno del nostro organismo in modo da contrastare i sintomi legati alla spossatezza e quindi alla carenza di energia. Vi consigliamo quindi di scegliere cibi fondamentalmente freschi e naturali e di preferire quindi una dieta sana ricca di cereali integrali, legumi, pesce, verdura verde, frutta fresca, frutta secca e olio extravergine di oliva, alimenti ricchi di vitamine e minerali assolutamente utili per contribuire a migliorare i sintomi della stanchezza. Al contrario va sfatato il mito della carne rossa come apportatrice di energia in quanto il suo apporto energetico è intenso ma momentaneo ed è seguito successivamente da un calo energetico costante come nel caso della caffeina.

Vi diremo che è fondamentale idratare quanto più possibile il nostro corpo bevendo circa 2 litri di acqua al giorno in modo da contrastare un'eventuale disidratazione che può comportare un peggioramento dei sintomi con spossatezza e stanchezza diffusa.

Se durante questi mesi estivi vi siete un po' lasciati andare..ora è il momento di ritornare a consumare i pasti seduti a tavola ed in tranquillità (e non in piedi e di fretta) , così come è ottimale svolgere un'attività fisica moderata come una bella passeggiata o una semplice corsa in bici in modo da permettervi una ricarica energetica quotidiana.

Infine è possibile contrastare “lo stress da rientro” ricorrendo anche ad efficaci prodotti naturali le cui proprietà fitoterapiche possono essere molto utili in questo caso.

Spesso in farmacia consigliamo il Ginseng per la sua azione tonica ed energizzante combinato con l'azione tonica dell'Eleuterococco e con quella stimolante del Guaranà come nel NATURA MIX VIGORE. Questi, combinati con i succhi di Mirtillo, Sambuca e Mora favoriscono le capacità dell'organismo di adattarsi allo stress rafforzando il sistema nervoso nei periodi di intenso lavoro e sono particolarmente indicati per chi studia o per chi fa un'intensa attività sportiva.

In alternativa consigliamo anche la Pappa reale unita al succo di Acerola come nel NATURA MIX SOSTEGNO . Anche questi prodotti naturali combinati con Mirtillo e Sambuca sono molto indicati nei periodi di spossatezza e cambi di stagione ma anche nelle attività quotidiane post rientro vacanze.

Infine per supportare memoria e funzioni cognitive consigliamo combinazioni tra Rodiola e Ginkgo come nel NATURA MIX VITALITA', le cui caratteristiche sono utili nei periodi di intenso studio e lavoro..in cui l'organismo ha bisogno di adattarsi a nuovi ritmi.

Noi naturalmente Vi aspettiamo nella Nostra Farmacia per aiutarvi con consigli utili e con la scelta di prodotti sicuri e naturali adeguati alle vostre esigenze post rientro!

Non ci resta che AUGURARVI UN BUON RIENTRO A LAVORO ed UN BUON INIZIO SCOLASTICO A TUTTI..GRANDI E PICCINI!

Per contatti: Farmacia Eredi de Trizio Snc - Via Terlizzi 2 - Molfetta (Bari) - 080/3389344

https://www.facebook.com/farmaciaErediDeTrizio/

JoomBall - Cookies

© 2020 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino