Banner sfondo 2 TEAM BRILLANTE CERCA TE (6)

polivalente1MOLFETTA - E’ stato intitolato: “Dammi, Signore, una ala di riserva. Don Tonino Bello”  il Centro Sociale Polivalente per diversamente abili della città di Molfetta che, dopo una attività di riorganizzazione e ristrutturazione, ha riaperto le sue porte.

Alla cerimonia erano presenti: la dottoressa Roberta Lorusso nella duplice veste di responsabile del settore Welfare e di delegata dell’Amministrazione in rappresentanza del Commissario Straordinario Dott. M. Passerotti; il dott. Luigi Paparella, amministratore  del Consorzio Metropolis, nuovo ente gestore del Centro; Pino Amato, in qualità di coordinatore della struttura, don Pasquale Rubini, tantissimi utenti del centro con le loro famiglie e le numerose operatrici.

Il Centro socio – educativo ha in programma tante nuove attività ludiche ricreative che garantiranno agli attuali 22 utenti momenti di svago e condivisione.  In un secondo momento i fruitori  della struttura verranno portati a 50, così come prevede l’ art. 105 del regolamento regionale. I locali di via   Fremantle  saranno fruibili per otto ore al giorno, cinque la mattina e tre nel pomeriggio dal lunedì al sabato.

Per primo ha preso la parola don Pasquale il quale ha detto che il Signore è vicino soprattutto a chi ha difficoltà di ogni tipo e che queste persone hanno bisogno di una ala di riserva, richiamando proprio l’intitolazione del centro. Ha poi incoraggiato famiglie ed operatori che svolgono questa non semplice missione.

Subito dopo con la benedizione si è provveduto allo scoprimento  dell’ insegna e alla visita dei locali della struttura all’ interno della quale sono poi stati fatti i discorsi ufficiali per l’ occasione.

polivalente2Il presidente del consorzio, visibilmente emozionato, si è detto felice di aver ereditato questa grande ricchezza che prevedeva un percorso non semplice, visto le vicende che avevano interessato la struttura dal punto di vista organizzativo e lavorativo. Il Consorzio Metropolis è da venti anni attivo sul territorio e gestisce i suoi centri come fosse una famiglia. Il dottor Paparella nel ringraziare la dirigente e l’ amministrazione per la collaborazione attiva e fattiva, ha affermato che in programma ci saranno tante belle iniziative ed interessanti progetti.

La dottoressa Lorusso, che è stata vicina in questo momento di transizione, si è detta molto fiera del percorso compiuto e delle migliorie apportate, elogiando chi si dedica agli altri, avendo un valore aggiunto e una marcia in più. Molto importante è credere, investire in energie affinchè si possa migliorare e progredire. Anche nelle difficoltà Pino Amato ci ha creduto sempre e non ha mollato, garantendo alla struttura un miglio confort ed efficienza, tutto a vantaggio di operatori ed utenti. Il centro con le migliorie apportate, grazie anche alla collaborazione dell’Amministrazione, potrà rispondere meglio alle esigenze e soddisfare le richieste.

Siccome ogni inaugurazione rappresenta un nuovo inizio e una festa, non potevano mancare i balli di gruppo, il karaoke, le canzoni  eseguite con la chitarra, il taglio della torta con brindisi finale che ha visto coinvolti dirigenti, ospiti, utenti del centro,  e operatori, come una grande famiglia.

Paola Copertino

 

Aggiornamento precedente: http://www.molfetta.ilfatto.net/index.php/in-citta/7130-molfetta-il-centro-sociale-polivalente-per-diversamente-abili-della-citta-di-molfetta-riapre-le-sue-porte


polivalente1MOLFETTA - E’ stato intitolato: “Dammi, Signore, una ala di riserva. Don Tonino Bello”  il Centro Sociale Polivalente per diversamente abili della città di Molfetta che, dopo una attività di riorganizzazione e ristrutturazione, ha riaperto le sue porte.

Alla cerimonia erano presenti: la dottoressa Roberta Lorusso nella duplice veste di responsabile del settore Welfare e di delegata dell’Amministrazione in rappresentanza del Commissario Straordinario Dott. M. Passerotti; il dott. Luigi Paparella, amministratore  del Consorzio Metropolis, nuovo ente gestore del Centro; Pino Amato, in qualità di coordinatore della struttura, don Pasquale Rubini, tantissimi utenti del centro con le loro famiglie e le numerose operatrici.

Il Centro socio – educativo ha in programma tante nuove attività ludiche ricreative che garantiranno agli attuali 22 utenti momenti di svago e condivisione.  In un secondo momento i fruitori  della struttura verranno portati a 50, così come prevede l’ art. 105 del regolamento regionale. I locali di via   Fremantle  saranno fruibili per otto ore al giorno, cinque la mattina e tre nel pomeriggio dal lunedì al sabato.

Per primo ha preso la parola don Pasquale il quale ha detto che il Signore è vicino soprattutto a chi ha difficoltà di ogni tipo e che queste persone hanno bisogno di una ala di riserva, richiamando proprio l’intitolazione del centro. Ha poi incoraggiato famiglie ed operatori che svolgono questa non semplice missione.

Subito dopo con la benedizione si è provveduto allo scoprimento  dell’ insegna e alla visita dei locali della struttura all’ interno della quale sono poi stati fatti i discorsi ufficiali per l’ occasione.

polivalente2Il presidente del consorzio, visibilmente emozionato, si è detto felice di aver ereditato questa grande ricchezza che prevedeva un percorso non semplice, visto le vicende che avevano interessato la struttura dal punto di vista organizzativo e lavorativo. Il Consorzio Metropolis è da venti anni attivo sul territorio e gestisce i suoi centri come fosse una famiglia. Il dottor Paparella nel ringraziare la dirigente e l’ amministrazione per la collaborazione attiva e fattiva, ha affermato che in programma ci saranno tante belle iniziative ed interessanti progetti.

La dottoressa Lorusso, che è stata vicina in questo momento di transizione, si è detta molto fiera del percorso compiuto e delle migliorie apportate, elogiando chi si dedica agli altri, avendo un valore aggiunto e una marcia in più. Molto importante è credere, investire in energie affinchè si possa migliorare e progredire. Anche nelle difficoltà Pino Amato ci ha creduto sempre e non ha mollato, garantendo alla struttura un miglio confort ed efficienza, tutto a vantaggio di operatori ed utenti. Il centro con le migliorie apportate, grazie anche alla collaborazione dell’Amministrazione, potrà rispondere meglio alle esigenze e soddisfare le richieste.

Siccome ogni inaugurazione rappresenta un nuovo inizio e una festa, non potevano mancare i balli di gruppo, il karaoke, le canzoni  eseguite con la chitarra, il taglio della torta con brindisi finale che ha visto coinvolti dirigenti, ospiti, utenti del centro,  e operatori, come una grande famiglia.

Paola Copertino

 

Aggiornamento precedente: http://www.molfetta.ilfatto.net/index.php/in-citta/7130-molfetta-il-centro-sociale-polivalente-per-diversamente-abili-della-citta-di-molfetta-riapre-le-sue-porte

WEB TV

WEBtv