Banner sfondo 1600 AGATA

linea77salmo1572019Molfetta. Grande partecipazione di pubblico ieri sera per il concerto di Salmo, al secolo Maurizio Pisciottu, tenutosi presso la Banchina San Domenico del porto di Molfetta. Il pubblico di giovani e giovanissimi non ha fatto mancare il suo entusiasmo per quello che può essere considerato il primo grande evento musicale dell'estate molfettese.

A scaldare la piazza ci ha pensato anzitutto un'energica esibizione dei Linea 77. La band torinese, con alle spalle 25 anni di attività, ha aperto la serata con alcuni dei suoi pezzi più conosciuti, portando sul palco anche il featuring con Salmo dal titolo “AK 77”.

Appena salito sul palco, l'artista della serata ha messo in scena un vero e proprio show nonostante fosse costretto su una sedia a rotelle a causa di un infortunio avvenuto proprio nel corso di un live a Bologna.

Salmo e la sua ottima band hanno suonato uno dopo l'altro i vecchi brani e quelli nuovi dell'album”Playlist”, uscito quest'anno e già doppio disco di platino. Rap e hip-hop, ma anche molta elettronica, hardcore e tanto rock negli arrangiamenti live dei brani. Un'esibizione davvero adrenalinica quella del cantante di Olbia.

Presente, in zona mixer, anche il “nostro” Caparezza, che ha tuttavia dovuto trascorrere una discreta parte del concerto ad assecondare le richieste di “selfie” con il pubblico.

Il danneggiamento di una transenna antipanico, durante la serata, ha causato una brusca interruzione della scaletta e ha comportato diversi minuti di attesa. Tra il pubblico c'è stato qualche malore e Salmo ha voluto interrompere l'esibizione anche per far sì che alcuni ragazzi fossero “soccorsi”. Niente di serio ed eclatante - sia chiaro - anzi, qualcosa di assolutamente ordinario in concerti di questo tipo. C'è da dire anche che alcuni fans erano in fila già dalla tarda mattinata e che il caldo e la stanchezza dell'attesa possono sicuramente aver contribuito a qualche calo di pressione.

In attesa della sostituzione della transenna, Salmo ha preso la chitarra e improvvisato qualche riff, poi il concerto è potuto finalmente riprendere e avviarsi alla conclusione.

Ancora qualche pezzo – più soft dei precedenti – poi la band si è defilata per lasciare il palco al solo Salmo, che ha concluso il concerto cantando alcuni brani di “Machete Mixtape 4”.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna


linea77salmo1572019Molfetta. Grande partecipazione di pubblico ieri sera per il concerto di Salmo, al secolo Maurizio Pisciottu, tenutosi presso la Banchina San Domenico del porto di Molfetta. Il pubblico di giovani e giovanissimi non ha fatto mancare il suo entusiasmo per quello che può essere considerato il primo grande evento musicale dell'estate molfettese.

A scaldare la piazza ci ha pensato anzitutto un'energica esibizione dei Linea 77. La band torinese, con alle spalle 25 anni di attività, ha aperto la serata con alcuni dei suoi pezzi più conosciuti, portando sul palco anche il featuring con Salmo dal titolo “AK 77”.

Appena salito sul palco, l'artista della serata ha messo in scena un vero e proprio show nonostante fosse costretto su una sedia a rotelle a causa di un infortunio avvenuto proprio nel corso di un live a Bologna.

Salmo e la sua ottima band hanno suonato uno dopo l'altro i vecchi brani e quelli nuovi dell'album”Playlist”, uscito quest'anno e già doppio disco di platino. Rap e hip-hop, ma anche molta elettronica, hardcore e tanto rock negli arrangiamenti live dei brani. Un'esibizione davvero adrenalinica quella del cantante di Olbia.

Presente, in zona mixer, anche il “nostro” Caparezza, che ha tuttavia dovuto trascorrere una discreta parte del concerto ad assecondare le richieste di “selfie” con il pubblico.

Il danneggiamento di una transenna antipanico, durante la serata, ha causato una brusca interruzione della scaletta e ha comportato diversi minuti di attesa. Tra il pubblico c'è stato qualche malore e Salmo ha voluto interrompere l'esibizione anche per far sì che alcuni ragazzi fossero “soccorsi”. Niente di serio ed eclatante - sia chiaro - anzi, qualcosa di assolutamente ordinario in concerti di questo tipo. C'è da dire anche che alcuni fans erano in fila già dalla tarda mattinata e che il caldo e la stanchezza dell'attesa possono sicuramente aver contribuito a qualche calo di pressione.

In attesa della sostituzione della transenna, Salmo ha preso la chitarra e improvvisato qualche riff, poi il concerto è potuto finalmente riprendere e avviarsi alla conclusione.

Ancora qualche pezzo – più soft dei precedenti – poi la band si è defilata per lasciare il palco al solo Salmo, che ha concluso il concerto cantando alcuni brani di “Machete Mixtape 4”.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

WEB TV

WEBtv