Banner sfondo 2 I VIAGGI DI AGATA - 060917

Molfetta. Si terrà il 9 dicembre il primo spettacvocedimadrespettacolo8122018olo della rassegna Il Fuoco Centrale. Dopo l’apertura con Ivano Marescotti, attore e regista del panorama televisivo nazionale seguirà alle ore 20.30 lo spettacolo Voce di Madre diretto da Francesco Tammacco, con Rosa Tarantino, Pantaleo Annese e Nico Ciccolella con musiche tratte da La buona novella di Francesco De Andrè.

Il canto del Getsemani è un reading teatrale nel quale i linguaggi artistici s’intrecciano “tingendo” la nascita di Gesù di poesia, di musica, di melodie. Si è immaginato di udire il logos Profetico nel vento del Verbo, del Ritorno e dello Spazio Evangelico racchiuso nel perimetro dell’Orto degli Ulivi, il Getsemani per l’appunto.

Le composizioni musicali, i canti del Getsemani vividamente espressi dal Laudario di Cortona si aggrovigliano per esempio al Logos Evangelico, alle testimonianze poetiche più recenti come quelle di Alda Merini, Pasternak, Erri de Luca, Mariangela Gualtieri. Questo a significare una reinterpretazione del dolore che attraversando l’Essere dell’uomo nei secoli, si manifesta nel tempo dell’uomo di oggi, con i suoi lati fragili; quando ancora l’uomo soccombe all’eruttazione del potere, all’abuso, alla prevaricazione del più forte.

Nel Getsemani Gesù invita i suoi discepoli a vegliare per non cedere alle lusinghe del potere: VIGILATE ET ORATE UT NON INTRETIS IN TENTATIONEM, è quanto di più moderno e tremebondo un messaggio Cristiano possa dare, soprattutto ai giovani: non assopirsi mai. Il Getsemani inoltre è il luogo del silenzio, della preghiera, del pentimento. È anche la quiete che prelude al tradimento, è lo specchio della terra di Puglia che vede nell’ulivo il simbolo archetipico del riscatto attraverso l’olio, il crisma delle benedizioni. Tutto ciò è un inno alla vita, un canto alla pre-esistenza. Un concerto curato ed arricchito dalle bellissime composizioni di Fabrizio De Andrè nella rilettura che ne fa Pantaleo Annese.

Gli spettacoli si terranno a Molfetta nel Teatro del Carro di Molfetta in via G.M.Giovene 23. Porta 20.30/ Sipario 21.00. Per info e prenotazioni: 3397758173-3492308203. Email: ilcarrodeicomicimolfetta@gmail.com


Molfetta. Si terrà il 9 dicembre il primo spettacvocedimadrespettacolo8122018olo della rassegna Il Fuoco Centrale. Dopo l’apertura con Ivano Marescotti, attore e regista del panorama televisivo nazionale seguirà alle ore 20.30 lo spettacolo Voce di Madre diretto da Francesco Tammacco, con Rosa Tarantino, Pantaleo Annese e Nico Ciccolella con musiche tratte da La buona novella di Francesco De Andrè.

Il canto del Getsemani è un reading teatrale nel quale i linguaggi artistici s’intrecciano “tingendo” la nascita di Gesù di poesia, di musica, di melodie. Si è immaginato di udire il logos Profetico nel vento del Verbo, del Ritorno e dello Spazio Evangelico racchiuso nel perimetro dell’Orto degli Ulivi, il Getsemani per l’appunto.

Le composizioni musicali, i canti del Getsemani vividamente espressi dal Laudario di Cortona si aggrovigliano per esempio al Logos Evangelico, alle testimonianze poetiche più recenti come quelle di Alda Merini, Pasternak, Erri de Luca, Mariangela Gualtieri. Questo a significare una reinterpretazione del dolore che attraversando l’Essere dell’uomo nei secoli, si manifesta nel tempo dell’uomo di oggi, con i suoi lati fragili; quando ancora l’uomo soccombe all’eruttazione del potere, all’abuso, alla prevaricazione del più forte.

Nel Getsemani Gesù invita i suoi discepoli a vegliare per non cedere alle lusinghe del potere: VIGILATE ET ORATE UT NON INTRETIS IN TENTATIONEM, è quanto di più moderno e tremebondo un messaggio Cristiano possa dare, soprattutto ai giovani: non assopirsi mai. Il Getsemani inoltre è il luogo del silenzio, della preghiera, del pentimento. È anche la quiete che prelude al tradimento, è lo specchio della terra di Puglia che vede nell’ulivo il simbolo archetipico del riscatto attraverso l’olio, il crisma delle benedizioni. Tutto ciò è un inno alla vita, un canto alla pre-esistenza. Un concerto curato ed arricchito dalle bellissime composizioni di Fabrizio De Andrè nella rilettura che ne fa Pantaleo Annese.

Gli spettacoli si terranno a Molfetta nel Teatro del Carro di Molfetta in via G.M.Giovene 23. Porta 20.30/ Sipario 21.00. Per info e prenotazioni: 3397758173-3492308203. Email: ilcarrodeicomicimolfetta@gmail.com

WEB TV

WEBtv