Banner sfondo 2 TEAM BRILLANTE CERCA TE (6)

papaMOLFETTA - Il 31 agosto 2016 la Rete Regionale A.Ma.Re Puglia (Rete di Associazioni di Malati Rari della Puglia) è stata ricevuta in udienza generale dal Santo Padre grazie alla disponibilità di Don Dino Cimadomo della parrocchia San Magno di Trani. Insieme con Domenico Porcelli (referente pugliese di Mitocon Onlus)e Italia Agresta (referente A.p.ma.r. Onlus)hanno rappresentato tutti i malati rari pugliesi afferenti alle Associazioni della Rete. 120 persone in tutto sono partite con due pullman, uno da Lecce e l'altro da Molfetta, mentre altri hanno raggiunto Roma per proprio conto. Nella propria mente erano ben chiari tutti i pensieri, le idee, le tensioni di cui giornalmente ci carichiamo per essere condivise, e perché no, anche alleggerite con una parola di conforto da parte del Papa ma qualcosa di alchemico è accaduto quando il Santo Padre è stato innanzi a loro. Il suo sorriso, il suo sguardo carico di bontà, l'aurea di pace e serenità ha cancellato ogni tentativo di ragionamento della mente lasciando spazio solo alle emozioni di quell'istante lasciando che l'anima di ognuno di loro venisse fuori, messa a nudo ma allo stesso tempo protetta dal suo sguardo caritatevole. Papa Francesco non segue rigidi protocolli che lo imbrogliano in inutili ossequievoli riverenze, ama il contatto fisico e la spontaneità ed è ciò che e' accaduto. Uno scambio di doni con qualcuno, parole di conforto per altri, tutto in un atteggiamento di estrema delicatezza da parte del Papa come a non voler disturbare ciò che ognuno di noi ha dentro. Una richiesta ha rivolto ai più: di pregare per Lui. Tanti i messaggi privati condivisi nella Rete, tanta l'emozione scaturita da questa esperienza che ha permesso ad alcuni di noi di vivere una giornata indimenticabile di fronte ad un uomo toccato dallo Spirito Santo.


papaMOLFETTA - Il 31 agosto 2016 la Rete Regionale A.Ma.Re Puglia (Rete di Associazioni di Malati Rari della Puglia) è stata ricevuta in udienza generale dal Santo Padre grazie alla disponibilità di Don Dino Cimadomo della parrocchia San Magno di Trani. Insieme con Domenico Porcelli (referente pugliese di Mitocon Onlus)e Italia Agresta (referente A.p.ma.r. Onlus)hanno rappresentato tutti i malati rari pugliesi afferenti alle Associazioni della Rete. 120 persone in tutto sono partite con due pullman, uno da Lecce e l'altro da Molfetta, mentre altri hanno raggiunto Roma per proprio conto. Nella propria mente erano ben chiari tutti i pensieri, le idee, le tensioni di cui giornalmente ci carichiamo per essere condivise, e perché no, anche alleggerite con una parola di conforto da parte del Papa ma qualcosa di alchemico è accaduto quando il Santo Padre è stato innanzi a loro. Il suo sorriso, il suo sguardo carico di bontà, l'aurea di pace e serenità ha cancellato ogni tentativo di ragionamento della mente lasciando spazio solo alle emozioni di quell'istante lasciando che l'anima di ognuno di loro venisse fuori, messa a nudo ma allo stesso tempo protetta dal suo sguardo caritatevole. Papa Francesco non segue rigidi protocolli che lo imbrogliano in inutili ossequievoli riverenze, ama il contatto fisico e la spontaneità ed è ciò che e' accaduto. Uno scambio di doni con qualcuno, parole di conforto per altri, tutto in un atteggiamento di estrema delicatezza da parte del Papa come a non voler disturbare ciò che ognuno di noi ha dentro. Una richiesta ha rivolto ai più: di pregare per Lui. Tanti i messaggi privati condivisi nella Rete, tanta l'emozione scaturita da questa esperienza che ha permesso ad alcuni di noi di vivere una giornata indimenticabile di fronte ad un uomo toccato dallo Spirito Santo.

WEB TV

WEBtv