Banner sfondo 2 I VIAGGI DI AGATA - 060917

isabellaragno762019Molfetta. Con sentenza del 31 maggio scorso, una giovane di Molfetta poco più che ventenne è stata condannata dal Giudice di Pace di Trani per aver provocato lesioni volontarie all’attrice molfettese Isabella Ragno (nella foto).

I fatti risalgono al novembre 2016, quando la Ragno, all’una di notte circa, aveva raggiunto il gruppetto di giovani, che stazionavano nella villetta antistante la scuola elementare Rosaria Scardigno, chiedendo loro di fare silenzio onde consentire il riposo notturno. La richiesta ha costituito l’input per l’aggressione, sfociata con ematomi e contusioni multiple ai danni della Ragno, tratta in salvo da due passanti che ne avevano udito le urla di aiuto. Intervenuti i Carabinieri e trasportata all’Ospedale di Molfetta nel corso della stessa notte, le venivano diagnosticate lesioni plurime con una prognosi di dodici giorni.

La vittima ha così chiosato il triste evento: “Di quella notte ricordo tutto, mentre venivo presa a botte .. mi sentivo un pupazzo e mi chiedevo se stesse davvero succedendo a me. E’ passato un pò di tempo, provi a dimenticare ma non te lo scordi più. Quella della violenza giovanile è una piaga che può essere sconfitta solo se si comprende da dove arrivi quella rabbia, se si interviene sul delirio di onnipotenza che hanno oggi alcuni ragazzi, spesso anche minorenni, e ci si adoperi affinché si sviluppi il senso di rispetto dell’essere umano”.

Anche l’assessore alle politiche giovanili, avv. Angela Panunzio, ha commentato l’episodio: “Si tratta di un fatto gravissimo di aggressione e di violenza per fortuna sfociato in giustizia. Ciò non toglie che bisogna agire sulle cause e sugli attori con un efficace intervento educativo alla non violenza e al rispetto altrui”.

L’avv. Annalisa Nanna del foro di Bari, costituitasi parte civile in giudizio per conto della sig.ra Ragno: “La violenza giovanile è oramai sessualmente trasversale e l’aggressività, al di là dell’espisodio specifico, non è più una prerogativa esclusivamente maschile. Là dove non riescono ad intervenire le famiglie, è assolutamente necessario che lo facciano le scuole e le istituzioni tutte, con una collaborazione sinergica che punti allo sradicamento dei fenomeni di emulazione di massa ed al rispetto delle regole del vivere civile relegate a mero optional”.


isabellaragno762019Molfetta. Con sentenza del 31 maggio scorso, una giovane di Molfetta poco più che ventenne è stata condannata dal Giudice di Pace di Trani per aver provocato lesioni volontarie all’attrice molfettese Isabella Ragno (nella foto).

I fatti risalgono al novembre 2016, quando la Ragno, all’una di notte circa, aveva raggiunto il gruppetto di giovani, che stazionavano nella villetta antistante la scuola elementare Rosaria Scardigno, chiedendo loro di fare silenzio onde consentire il riposo notturno. La richiesta ha costituito l’input per l’aggressione, sfociata con ematomi e contusioni multiple ai danni della Ragno, tratta in salvo da due passanti che ne avevano udito le urla di aiuto. Intervenuti i Carabinieri e trasportata all’Ospedale di Molfetta nel corso della stessa notte, le venivano diagnosticate lesioni plurime con una prognosi di dodici giorni.

La vittima ha così chiosato il triste evento: “Di quella notte ricordo tutto, mentre venivo presa a botte .. mi sentivo un pupazzo e mi chiedevo se stesse davvero succedendo a me. E’ passato un pò di tempo, provi a dimenticare ma non te lo scordi più. Quella della violenza giovanile è una piaga che può essere sconfitta solo se si comprende da dove arrivi quella rabbia, se si interviene sul delirio di onnipotenza che hanno oggi alcuni ragazzi, spesso anche minorenni, e ci si adoperi affinché si sviluppi il senso di rispetto dell’essere umano”.

Anche l’assessore alle politiche giovanili, avv. Angela Panunzio, ha commentato l’episodio: “Si tratta di un fatto gravissimo di aggressione e di violenza per fortuna sfociato in giustizia. Ciò non toglie che bisogna agire sulle cause e sugli attori con un efficace intervento educativo alla non violenza e al rispetto altrui”.

L’avv. Annalisa Nanna del foro di Bari, costituitasi parte civile in giudizio per conto della sig.ra Ragno: “La violenza giovanile è oramai sessualmente trasversale e l’aggressività, al di là dell’espisodio specifico, non è più una prerogativa esclusivamente maschile. Là dove non riescono ad intervenire le famiglie, è assolutamente necessario che lo facciano le scuole e le istituzioni tutte, con una collaborazione sinergica che punti allo sradicamento dei fenomeni di emulazione di massa ed al rispetto delle regole del vivere civile relegate a mero optional”.

WEB TV

WEBtv