Banner sfondo 2 TEAM BRILLANTE CERCA TE (6)

Banner 728x90

santodomingo1552019Santo Domingo, capitale della Repubblicana Dominicana, primo centro abitato di fattura europea nonché prima colonia spagnola nel nuovo mondo.

Affacciata sul Mare dei Caraibi alla foce del fiume Ozama. Baciata dal sole tutto l’anno (in ogni caso, i mesi migliori per visitarla vanno da dicembre ad aprile, quando le temperature sono meno elevate e le piogge sporadiche). Meta scelta dagli europei per godersi il mare cristallino, musica e relax. Meraviglioso mix di passato e presente, comprende una zona antica e coloniale, che racchiude pezzi di storia di Cristoforo Colombo, e una moderna e spumeggiante. È di certo una delle isole più belle dei Caraibi.

È bello percorrerla a piedi, passeggiando tra cortili curati, portoni socchiusi e profumi di spezie. Il Mercado Modelo è ricco di prodotti tipici dalla Mama Juana ai cappelli coloniali realizzati con foglie di palma.

Una visita da non perdere nel cuore della zona coloniale è la Catedral Primanda de America, è la più antica cattedrale del Nuovo Mondo eretta tra il 1514 e il 1540. Dalle linee semplici ed eleganti, in stile gotico, è costruita in pietra calcarea e ancora oggi si riescono a vedere le strutture dei coralli che hanno dato origine alla roccia.

Un tempo custodiva le presunte spoglie di Cristoforo Colombo. Di fianco alla Cattedrale, troverete al centro della piazza Parque Colon la grande statua in bronzo a lui dedicata, circondata da palazzi dell’epoca coloniale, grandi alberi, panchine, negozi e bar.

Il Monastero di San Francisco, invece, è il più antico monastero costruito nel Continente Americano nel 1512 dai primi monaci francescani arrivati sull’isola.

In parte distrutto, oggi le sue rovine attirano i turisti, soprattutto al tramonto, forse per la luce aranciata che cade sugli ampi spazi verdi, che circondano i resti, e che accolgono concerti e manifestazioni culturali. Restano intatti l’antico pozzo e un serbatoio che conserva l’acqua destinata agli abitanti della capitale.

Interessante, per esplorare la memoria storica del posto è la Fortezza Ozama, il primo edificio militare dell’America. Un ampio giardino vi porterà ad una torre massiccia di pietra corallina a forma quadrata e alta circa 18 metri. La sua funzione era di proteggere la città dagli attacchi dei pirati.

Il Museo della Casa Reale, è il primo tribunale del Nuovo Mondo formato da due edifici in pietra. Si chiama così perché all’interno di uno dei due palazzi si teneva l’Udienza Reale. È stata, anche, dimora di Bartolomeo Colombo, fratello di Cristoforo. All’interno, visibili, sono: la sala dell’estrado, il gran salone, il salone familiare, la sale delle armi, la sale delle ceramiche, la sala della legislazione, la sala dell’incontro tra due mondi, la sala dell’economia, la sala della Cancelleria.

Costruito per Diego, il figlio di Cristoforo Colombo, l’Alcazar de Colon, in Plaza de España, la zona più affascinante di Santo Domingo. Uno splendido palazzo d’epoca che conserva al suo interno gli arredi dell’epoca coloniale. Un tuffo nella storia medioevale e rinascimentale unico ed emozionante.

Uccelli, grande varietà di piante acquatiche, felci, erbai di piante medicinali e aromatiche, diverse palme, cactus esotici, orchidee e bonsai: tutto racchiuso in due km quadrati all’interno del Giardino Botanico di Santo Domingo, il più grande e completo orto botanico dei Caraibi e del Centro America. La visita completa del giardino si può fare a bordo di un trenino, ma per i più avventurosi il consiglio è di gustarsi a piedi tutto lo spazio.

Nella zona moderna di Santo Domingo, al centro del parco Mirador del Este, sorge il Faro di Colon, un imponente monumento dedicato, anche questo, a Cristoforo Colombo. Lungo 230 metri e largo 70 metri a forma di croce. Realizzato nel 1992, contiene al suo interno, in un mausoleo ottocentesco in marmo e bronzo, i resti di Cristoforo Colombo. Un altro favoloso panorama sulla città, sul fiume e sul mare da non perdere.

A pochi minuti dalla capitale, passate dal magnifico ParcoLos Tres Ojos formato da tre caverne naturali circondati da una fitta e stupenda vegetazione tropicale, stalagmiti e stalattiti. Grazie a una scaletta si accede a circa 15 metri di profondità dove potrete ammirare tre laghetti con acque chiare cristalline che cambiano colore. I laghi sono collegati tra loro da ponticelli e con piccole imbarcazioni è possibile raggiungere il quarto lago all’aperto.

Oltre al caffè di Santo Domingo, al liquore tradizione afrodisiaco Mama Juana (mix di rum scuro, vino rosso, miele ed erbe aromatiche e radici messe a macerare in una bottiglia), un must da non perdere sono i sigari.

 

Leggi l'articolo su iviaggidiagata.it e visita la pagina Facebook.

I Viaggi di Agata
080.3354478 - info@iviaggidiagata.it
3341758150 (solo WhatsApp)
via G.Marconi, 26 - Molfetta (BA)
Apri la mappa: https://goo.gl/maps/jjXGwTPv4K12

WEB TV

WEBtv