MOLFETTA. Lo spettacolo “Robin Hood” riapre la rassegna “La Scuola va a teatro”

La Scuola va a Teatro

Molfetta - Torna a marzo l’appuntamento con la rassegna “La Scuola va a teatro”, stagione di matinée riservata agli alunni delle scuole dell’obbligo promossa dal Centro CIPS di Molfetta per il secondo anno consecutivo presso il Cine Teatro Odeon di Molfetta. In programmazione il 6 marzo lo spettacolo “Robin Hood: la storia di Roberto di Legno che colpiva sempre nel segno” della compagnia Armamaxa Teatro, coop. Archelia e Teatri Abitati, Residenza Teatrale di Ceglie Messapica del Teatro Pubblico Pugliese.

Shares

Molfetta – Torna a marzo l’appuntamento con la rassegna “La Scuola va a teatro”, stagione di matinée riservata agli alunni delle scuole dell’obbligo promossa dal Centro CIPS di Molfetta per il secondo anno consecutivo presso il Cine Teatro Odeon di Molfetta. In programmazione il 6 marzo lo spettacolo “Robin Hood: la storia di Roberto di Legno che colpiva sempre nel segno” della compagnia Armamaxa Teatro, coop. Archelia e Teatri Abitati, Residenza Teatrale di Ceglie Messapica del Teatro Pubblico Pugliese.

Lo Spettacolo è stato selezionato per l’edizione 2010 del Festival “Festebà” di Ferrara e segnalato dalla Giuria Popolare per “l’efficacia della semplice scenografia e l’attualità del messaggio di giustizia e libertà di Robin Hood”.

Inoltre è stato selezionato dall’Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia – anno 2013 – per il Progetto “Insieme per la Legalità” indirizzato a tutte le scuole elementari e medie inferiori del territorio pugliese.

In scena gli attori Giuseppe Ciciriello ed Enrico Messina. La regia è di Micaela Sapienza.

Lo spettacolo “Robin Hood: la storia di Roberto di Legno che colpiva sempre nel segno” si muove intorno a tematiche assai vicine all’età dei ragazzi delle scuole elementari e medie inferiori: la giustizia, la prepotenza e l’ingiustizia, il sopruso, il coraggio, l’amore. Come ci si pone davanti all’ingiustizia e alla prepotenza di qualcuno più grande e più forte di noi? E’ lecito decidere di uscire dalle regole se le regole sono palesemente ingiuste e chi le regole decide lo fa senza pensare al bene comune, ma solo per aumentare la propria ricchezza e il proprio potere? È nell’amicizia e nella lealtà, nella condivisione di un valore e di una fetta di torta e nell’amore che si può trovare il coraggio di opporsi alle ingiustizie e di provare a cambiare e migliorare il mondo. In parallelo il lavoro sviluppa il tema dell’importanza di raccontare e ascoltare storie e di farlo insieme ad altri. Attraverso i linguaggi e le tecniche utilizzate nella composizione dello spettacolo – dalla narrazione vera e propria al teatro d’attore, dal movimento alla musica – e per mezzo di una scrittura semplice