Banner sfondo 2 NEW OPTIC - OK nuovo 2017-2019

Sende_Chinne_a_la_PenneiereMolfetta - La tradizione popolare è ricca di modi dire. Ogni avvenimento è accompagnato da una frase, da una espressione proverbiale o da una locuzione idiomatica che spesso utilizziamo nel linguaggio comune o che sentiamo pronunciare nel linguaggio colto.

GUARDA IL VIDEO...

Anche nel nostro dialetto ne troviamo diversi e si può forse affermare che non ci sia episodio o situazione che non ne abbia uno specifico, basti guardare il volume “Mille e un proverbio” di Rosaria Scardigno,  per averne certezza. Uno tra i modi di dire più diffusi riguarda un santo che va bene per tutte le occasioni. Un santo che, come “sénde Alò” citato nel canto dell’altalena, non esiste, o meglio non esiste  nel significato che noi molfettesi gli attribuiamo, perché è il santo di tutti i giorni, il santo al quale facciamo riferimento  quando ignoriamo il martirologio romano che organizza l’anno liturgico associando ad ogni giorno dell’anno uno o più santi. È un santo che ti togli da ogni imbarazzo e ti  permette di rispondere con sicumera a chiunque ti chieda «che santo si festeggia oggi?»

Ménghe u pape ca fasce le sénde,
sape u nome de tutte quènde,
e u callénnéreie ca teiene o couste,
mè mette u sènde o poste giuste.
Saine, u 13 sciugne è Sénde Endònie,
e, ci nen u sape, se ne vergogne.
Sénda Lecì è a dicembre,
la Madonne l’outte settembre.
Mè, ci sape quenn’è Sénde Calliste,
ca eiere nu moneche trappiste?
E, ci nen fasce né brutta fegauere,
ca nen sape quenn’è Sénde Fletauere?
Ci tenda sénde stonnne in paravaiese,
ca pe la feiete onne morte acciaiese,
ce colpe teiene nu povere Criste,
ci nen sape quenn’è Sénde Evariste?
A ci nen ha mè capetate,
inde a né bella serate d’estate,
assaiese o cafè, la demèneche a sère,
u figghie a nu couste, o alte la megghière,
sendenne passà do vurghe u temmurre,
nen l’è sciauete de traverse u sussurre,
quenne u meninne l’ave addemennète:
“Tatà, cè dè ca stè a secceiete?
Percè u temmurre stè a passà?
Tatà, alloere, mu vu spiegà?”
E cusse omene tenda secauere,
pe nen fa né brutta fegauere,
nu scherzàle dritte dritte,
emmène o figghie decénne:”Citte!
Nen vaiete ca stoieche concentrate,
soepe o frescechétte ca stè scherdate?”
Le sénde ‘ngiele se sape so’ assè,
e la feste de tutte nen se poete sapè,
mè ne stè auene addaveiere speciale,
ca pe neue melfettaiese, assè vale.
E’ nu sénde ca du calennèrie se ne freieche,
e all’alte sénde, menghe le veiete.
E’ nu sénde ca te leieve da ogne ‘mbarazze,
percè nen fasce nesciuna grazie,
nen teiene chièse, statue o novéiene,
e, a l’esse pregate, nen ge téiene.
A l’alte sénde menghe le pénze,
è auene ca se stè che re mène nnénze,
ténde sape ca preste praieme,
nu ruzzulène o n’omene faiene,
u noeme so avà nemenè,
pe levasse dé mezze a le uè.
Idde te leieve da ogne ‘mbarazze,
percè, ci auene te rombe u cazze,
decénne “U mè, cè sénde è staséiere?”
poute responne “SENDE CHINNE A LA PENNEIERE”
Ci vaue credaiete ca cusse sénde,
u so ‘nvendate a cusse memènde,
ve sbagliaiete proprie, m’avida crèiete,
e, a chère ca ve conde, avid’avè fèiete.
U vère nòeme de cusse viàte,
nen è cure ca ve so chendàte,
percè crediteme, u nome oveiere,
nen è SENDE CHINNE A LA PENNEIERE,
mè nu nòeme chiù delecàte,
e pe nu sènde chiù appropriate.
U nòeme oveiere de cusse sènde,
è SENDE CHIRECHE U PENITENDE.
A Mlefètte, ci u velaiete sapè,
cusse nòeme nen se sénde mè,
eppure né nicchie chire de foere,
l’avèvene fatte che tutte u coere,
e, né statue ca eiere né bellezze,
stave inde a la chièsa vecchie,
arrecquate inde a né cappelle,
mezze a tre o quatte stasciédde.
Chessa statue, aie la so viste,
assemegghieieve a nu belle Criste,
che la varve e capidde o viende,
e la chireche d’argiende.
Teneieve o couste né pennéiere,
ca o viende svolazzéieve,
e attourne o vènde teneieve nu pénne,
pe nen fa vedè u dénne.
Cure ca l’ha fatte, pe fa vedè,
ca u viende ammeneieve assè,
le capidde aveieve tutte alzàte,
come a nu pulepe arrezzàte,
però nu ciuffe  stave chiù dritte,
come nu meràle soepe a nu titte.
Cusse ciuffe tise taiese,
a le crestiéne ca stavene assaiese,
faceieve né impressione stréne,
come u gatte a nu chéne.
Nen pareieve proprie nu courne,
percè teneieve le paile attourne,
tende eiere dritte, grousse e tunne,
ca faceieve levà u sounne,
specialmente a re spredeuale,
ca u sennèvene speciale.
Insomme, pure a nu meninne,
u ciuffe pareieve né grossa chinne.
E allorere….?
Già u noeme fo streppiàte,
come a Mlefètte simme abituàte,
po a chésse, a dè mette pe scionde,
cure ciuffe ca teneieve ‘mbronde,
e u fatte ca nesciauene sapeieve,
ci eiere cusse sènde che la pennéiere.
E, dalle oesce, dalle crè,
nen sacce come né precè,
u noeme oveiere fo scherdàte,
e cure nouve fo allassàte.
La statue ci sa addò l’onne prettate,
e le nicchie ha scechefalate,
mè, engoere mò, ci te mitte affètte,
quenne u temmurre passe pe Mlefètte,
ci addemènne cè sénde è staséire,
te siende responne: “SENDE CHINNE A LA PENNEIERE”.


Sende_Chinne_a_la_PenneiereMolfetta - La tradizione popolare è ricca di modi dire. Ogni avvenimento è accompagnato da una frase, da una espressione proverbiale o da una locuzione idiomatica che spesso utilizziamo nel linguaggio comune o che sentiamo pronunciare nel linguaggio colto.

GUARDA IL VIDEO...

Anche nel nostro dialetto ne troviamo diversi e si può forse affermare che non ci sia episodio o situazione che non ne abbia uno specifico, basti guardare il volume “Mille e un proverbio” di Rosaria Scardigno,  per averne certezza. Uno tra i modi di dire più diffusi riguarda un santo che va bene per tutte le occasioni. Un santo che, come “sénde Alò” citato nel canto dell’altalena, non esiste, o meglio non esiste  nel significato che noi molfettesi gli attribuiamo, perché è il santo di tutti i giorni, il santo al quale facciamo riferimento  quando ignoriamo il martirologio romano che organizza l’anno liturgico associando ad ogni giorno dell’anno uno o più santi. È un santo che ti togli da ogni imbarazzo e ti  permette di rispondere con sicumera a chiunque ti chieda «che santo si festeggia oggi?»

Ménghe u pape ca fasce le sénde,
sape u nome de tutte quènde,
e u callénnéreie ca teiene o couste,
mè mette u sènde o poste giuste.
Saine, u 13 sciugne è Sénde Endònie,
e, ci nen u sape, se ne vergogne.
Sénda Lecì è a dicembre,
la Madonne l’outte settembre.
Mè, ci sape quenn’è Sénde Calliste,
ca eiere nu moneche trappiste?
E, ci nen fasce né brutta fegauere,
ca nen sape quenn’è Sénde Fletauere?
Ci tenda sénde stonnne in paravaiese,
ca pe la feiete onne morte acciaiese,
ce colpe teiene nu povere Criste,
ci nen sape quenn’è Sénde Evariste?
A ci nen ha mè capetate,
inde a né bella serate d’estate,
assaiese o cafè, la demèneche a sère,
u figghie a nu couste, o alte la megghière,
sendenne passà do vurghe u temmurre,
nen l’è sciauete de traverse u sussurre,
quenne u meninne l’ave addemennète:
“Tatà, cè dè ca stè a secceiete?
Percè u temmurre stè a passà?
Tatà, alloere, mu vu spiegà?”
E cusse omene tenda secauere,
pe nen fa né brutta fegauere,
nu scherzàle dritte dritte,
emmène o figghie decénne:”Citte!
Nen vaiete ca stoieche concentrate,
soepe o frescechétte ca stè scherdate?”
Le sénde ‘ngiele se sape so’ assè,
e la feste de tutte nen se poete sapè,
mè ne stè auene addaveiere speciale,
ca pe neue melfettaiese, assè vale.
E’ nu sénde ca du calennèrie se ne freieche,
e all’alte sénde, menghe le veiete.
E’ nu sénde ca te leieve da ogne ‘mbarazze,
percè nen fasce nesciuna grazie,
nen teiene chièse, statue o novéiene,
e, a l’esse pregate, nen ge téiene.
A l’alte sénde menghe le pénze,
è auene ca se stè che re mène nnénze,
ténde sape ca preste praieme,
nu ruzzulène o n’omene faiene,
u noeme so avà nemenè,
pe levasse dé mezze a le uè.
Idde te leieve da ogne ‘mbarazze,
percè, ci auene te rombe u cazze,
decénne “U mè, cè sénde è staséiere?”
poute responne “SENDE CHINNE A LA PENNEIERE”
Ci vaue credaiete ca cusse sénde,
u so ‘nvendate a cusse memènde,
ve sbagliaiete proprie, m’avida crèiete,
e, a chère ca ve conde, avid’avè fèiete.
U vère nòeme de cusse viàte,
nen è cure ca ve so chendàte,
percè crediteme, u nome oveiere,
nen è SENDE CHINNE A LA PENNEIERE,
mè nu nòeme chiù delecàte,
e pe nu sènde chiù appropriate.
U nòeme oveiere de cusse sènde,
è SENDE CHIRECHE U PENITENDE.
A Mlefètte, ci u velaiete sapè,
cusse nòeme nen se sénde mè,
eppure né nicchie chire de foere,
l’avèvene fatte che tutte u coere,
e, né statue ca eiere né bellezze,
stave inde a la chièsa vecchie,
arrecquate inde a né cappelle,
mezze a tre o quatte stasciédde.
Chessa statue, aie la so viste,
assemegghieieve a nu belle Criste,
che la varve e capidde o viende,
e la chireche d’argiende.
Teneieve o couste né pennéiere,
ca o viende svolazzéieve,
e attourne o vènde teneieve nu pénne,
pe nen fa vedè u dénne.
Cure ca l’ha fatte, pe fa vedè,
ca u viende ammeneieve assè,
le capidde aveieve tutte alzàte,
come a nu pulepe arrezzàte,
però nu ciuffe  stave chiù dritte,
come nu meràle soepe a nu titte.
Cusse ciuffe tise taiese,
a le crestiéne ca stavene assaiese,
faceieve né impressione stréne,
come u gatte a nu chéne.
Nen pareieve proprie nu courne,
percè teneieve le paile attourne,
tende eiere dritte, grousse e tunne,
ca faceieve levà u sounne,
specialmente a re spredeuale,
ca u sennèvene speciale.
Insomme, pure a nu meninne,
u ciuffe pareieve né grossa chinne.
E allorere….?
Già u noeme fo streppiàte,
come a Mlefètte simme abituàte,
po a chésse, a dè mette pe scionde,
cure ciuffe ca teneieve ‘mbronde,
e u fatte ca nesciauene sapeieve,
ci eiere cusse sènde che la pennéiere.
E, dalle oesce, dalle crè,
nen sacce come né precè,
u noeme oveiere fo scherdàte,
e cure nouve fo allassàte.
La statue ci sa addò l’onne prettate,
e le nicchie ha scechefalate,
mè, engoere mò, ci te mitte affètte,
quenne u temmurre passe pe Mlefètte,
ci addemènne cè sénde è staséire,
te siende responne: “SENDE CHINNE A LA PENNEIERE”.

WEB TV

WEBtv