Banner sfondo 2 AFFAREFATTO

VIDEO_-_cantastorie_nataleMolfetta - La poesia religiosa di origine popolare ci ha lasciato diversi testi che raccontano la nascita del Bambino. Quello che racconto mi è stato raccontato da “zi menonne” o zia Angelina, la zia di mio padre che viveva con noi e alla quale debbo gran parte delle mie conoscenze di storie e cultura popolare molfettese.

GUARDA IL VIDEO...

Nel periodo che precedeva il Natale “zi menonne” amava raccontare ai nipoti le storie di Gesù bambino seduta accanto al braciere e noi stavamo a sentirla perché ci piaceva e perché la cucina era l’unica stanza dove c’era un po’ di tepore. La storia di Natale inizia dall’Annunciazione e dalla sorpresa della Madonna all’arrivo dell’angelo che le impone la maternità. In maniera semplice la poesia ci rivela non solo le perplessità di Maria e Giuseppe, ma anche del parentado che non vede di buon occhio questa unione. Emblematica è la frase “Tu mègare si, mè stu vecchie cè veiene a fa?”. Il racconto si conclude con l’invocazione di Giuseppe al figlio perché lo protegga dopo la morte e il messaggio di pace per tutto il mondo.

Il cantastorie era una figura molto popolare fino secondo dopoguerra. Andava in giro per le strade e, servendosi di un cartellone istoriato, raccontava delle storie che lui elaborava e, spesso, metteva in rima. Riproporre il cantastorie nell’epoca di internet e dei satelliti, vuole essere un modo per riallacciare i fili della storia e della tradizione locale molto spesso dimenticata.

U Patretèrne do cìele nu belle desègne volse fà
volse mennè Marie ad ennenzià.
Grabièle fò u archèngele ambasciatoere
ca parlaie a Mèrìe che véiere coere:
“Die te salve, o gran signora mia,
a dà gènerà u Patretèrne Die”.
Nu scechénde a chère paroele avì Mèrie
e disse: “ Dimme ne picche, tu ci sie?”
“Ie sò u éngele sènde
e a dà respettà cusse coménde.”
“Nen poete l’esse, éngele mie,
vérgene sò néte e vérgene a da merì.
Nen so’ fèmmene d’accasà,
so’ fatte u voete de castetà“.
“Tu vérgene si néte e vérgene a da meràie,
mè u patrùne du munne a da parteràie.”
U Patretèrne do ciele nu alte desègne volse fà,
volse mennè Geseppe ad avvesà.
“ Oh, Geseppe, tu a da stà all’ordene mie
e, pe chèsse, m’ad’acchembègné Mèrie”.
Da re vènne de Mèrie se ne sciaie Geseppe
e le disse:” Oh vèrgene benedètte,
u Patretèrne m’ha mennète pe chessa via
e a da stà che tè in combagnìa”.
Marie da Nazarèt volse partì
che fridde, acque è nèieve pe la vìe.
Quènne a Betlemme Mèrie arrevaie
né chémere o nu albèrghe nen acchiaie,
alloere né chenzepràiene sciaie a salutà
“Tu mègàre si, mè stù vecchie cè veiene a fa?”
nu deloere ‘mbiette sendaie Mèrie,
abbasciaie re d’occhiere ‘ndèrre e se ne scie.
Dà, a Bètelémme, ‘nge stave sènda Dolètte
ca u èngele già ngiù aveieve ditte:
“Da do avà venie Mérìe
e tu la da ‘nzegné la vie”.
Da Merie se ne sciaie sènda Dolètte:
“Pe tèieche do nen ge sté reggètte,
inde a né grotte a da sciaie a sgravà
e assoele nu liette de pagghie poute acchià.”
A la vie de la grotte se ne scèrene
e a la rescàuere totte l’acchièrene.
Disse Gesèppe: “ Date ca m’acchie inde a chessa frettàuene,
voeche ad acchià almèiene nu làueme”.
Nu pastòere Gesèppe sciaie cerchènne
e u acchiàie ca dremmèieve inde a né capènne:
“ Die te salve oh buenòmene,
a la rescàuere nen pòete stà la Médònne,
dèmme almèieve né lusce
ca inde a la grotte fasce lume”.
U pastoere le dette né chénnèiele chiatte e tonne
ca avèda fa lusce a la Médònne.
Vedaie Gesèppe la grotta reschiaràte,
nu èngele da ciele aveieve calàte,
né voesce gendìle sendaie chiènge
e u coere se sendàie tutte strènge.
Corse, e u figghie abbrazzàie forte:
“Figghie, te racchemmènne la mia morte”.
Tutte chéndèrene l’ave Mérìe,
glorie e pasce in terra sie.


VIDEO_-_cantastorie_nataleMolfetta - La poesia religiosa di origine popolare ci ha lasciato diversi testi che raccontano la nascita del Bambino. Quello che racconto mi è stato raccontato da “zi menonne” o zia Angelina, la zia di mio padre che viveva con noi e alla quale debbo gran parte delle mie conoscenze di storie e cultura popolare molfettese.

GUARDA IL VIDEO...

Nel periodo che precedeva il Natale “zi menonne” amava raccontare ai nipoti le storie di Gesù bambino seduta accanto al braciere e noi stavamo a sentirla perché ci piaceva e perché la cucina era l’unica stanza dove c’era un po’ di tepore. La storia di Natale inizia dall’Annunciazione e dalla sorpresa della Madonna all’arrivo dell’angelo che le impone la maternità. In maniera semplice la poesia ci rivela non solo le perplessità di Maria e Giuseppe, ma anche del parentado che non vede di buon occhio questa unione. Emblematica è la frase “Tu mègare si, mè stu vecchie cè veiene a fa?”. Il racconto si conclude con l’invocazione di Giuseppe al figlio perché lo protegga dopo la morte e il messaggio di pace per tutto il mondo.

Il cantastorie era una figura molto popolare fino secondo dopoguerra. Andava in giro per le strade e, servendosi di un cartellone istoriato, raccontava delle storie che lui elaborava e, spesso, metteva in rima. Riproporre il cantastorie nell’epoca di internet e dei satelliti, vuole essere un modo per riallacciare i fili della storia e della tradizione locale molto spesso dimenticata.

U Patretèrne do cìele nu belle desègne volse fà
volse mennè Marie ad ennenzià.
Grabièle fò u archèngele ambasciatoere
ca parlaie a Mèrìe che véiere coere:
“Die te salve, o gran signora mia,
a dà gènerà u Patretèrne Die”.
Nu scechénde a chère paroele avì Mèrie
e disse: “ Dimme ne picche, tu ci sie?”
“Ie sò u éngele sènde
e a dà respettà cusse coménde.”
“Nen poete l’esse, éngele mie,
vérgene sò néte e vérgene a da merì.
Nen so’ fèmmene d’accasà,
so’ fatte u voete de castetà“.
“Tu vérgene si néte e vérgene a da meràie,
mè u patrùne du munne a da parteràie.”
U Patretèrne do ciele nu alte desègne volse fà,
volse mennè Geseppe ad avvesà.
“ Oh, Geseppe, tu a da stà all’ordene mie
e, pe chèsse, m’ad’acchembègné Mèrie”.
Da re vènne de Mèrie se ne sciaie Geseppe
e le disse:” Oh vèrgene benedètte,
u Patretèrne m’ha mennète pe chessa via
e a da stà che tè in combagnìa”.
Marie da Nazarèt volse partì
che fridde, acque è nèieve pe la vìe.
Quènne a Betlemme Mèrie arrevaie
né chémere o nu albèrghe nen acchiaie,
alloere né chenzepràiene sciaie a salutà
“Tu mègàre si, mè stù vecchie cè veiene a fa?”
nu deloere ‘mbiette sendaie Mèrie,
abbasciaie re d’occhiere ‘ndèrre e se ne scie.
Dà, a Bètelémme, ‘nge stave sènda Dolètte
ca u èngele già ngiù aveieve ditte:
“Da do avà venie Mérìe
e tu la da ‘nzegné la vie”.
Da Merie se ne sciaie sènda Dolètte:
“Pe tèieche do nen ge sté reggètte,
inde a né grotte a da sciaie a sgravà
e assoele nu liette de pagghie poute acchià.”
A la vie de la grotte se ne scèrene
e a la rescàuere totte l’acchièrene.
Disse Gesèppe: “ Date ca m’acchie inde a chessa frettàuene,
voeche ad acchià almèiene nu làueme”.
Nu pastòere Gesèppe sciaie cerchènne
e u acchiàie ca dremmèieve inde a né capènne:
“ Die te salve oh buenòmene,
a la rescàuere nen pòete stà la Médònne,
dèmme almèieve né lusce
ca inde a la grotte fasce lume”.
U pastoere le dette né chénnèiele chiatte e tonne
ca avèda fa lusce a la Médònne.
Vedaie Gesèppe la grotta reschiaràte,
nu èngele da ciele aveieve calàte,
né voesce gendìle sendaie chiènge
e u coere se sendàie tutte strènge.
Corse, e u figghie abbrazzàie forte:
“Figghie, te racchemmènne la mia morte”.
Tutte chéndèrene l’ave Mérìe,
glorie e pasce in terra sie.

WEB TV

WEBtv