Banner sfondo 2 NEW OPTIC - OK nuovo 2017-2019

lesperienza110218Molfetta. Lo studente Ruggiero Lombardi dell’Istituto Vespucci racconta emozioni e sensazioni provate durante il suo imbarco sulla nave Pogoria.

L'esperienza che ho fatto durante la settimana di fine gennaio e inizio febbraio è stata molto utile in tutti i punti di vista.

La partenza e l'ora di imbarco è stata alle 14 del giorno 27 gennaio.

Essendo di Barletta ho preso il treno per arrivare al posto puntuale. L'ora di arrivo è stato alle 9 e nel frattempo ho avuto l'occasione di visitare un po' la città di Genova come ad esempio l'acquario.

Alle 13 ci siamo imbarcati in cui l'ufficiale ci ha spiegato in inglese tutto quello che dovevamo fare e il tragitto.

Il primo giorno è stato difficoltoso per me sopratutto nel parlare la lingua inglese perché non avevo mai avuto un'opportunità di essere su una nave e parlare la lingua per tutta la settimana. Ciò è stato un incentivo per me a perfezionare la lingua.

Il secondo giorno l'ufficiale ci spiegò i vari compiti che dovevamo svolgere durante i giorni della settimana. L'equipaggio era diviso in turni in cui io facevo parte del terzo turno con i rispettivi compiti che dovevo svolgere. Durante quei giorni il tempo era molto nuvoloso ma il mare era molto calmo.

Il terzo giorno ho fatto la guardia di notte con 4 ore consecutive e durante queste ore provai il timone e capì i vari errori che subiva la nave durante la navigazione. I giorni sono stati abbastanza monotoni ma utili perché mi fecero capire la navigazione e i rispettivi compiti che dovevo compiere. Personalmente ho avuto un'esperienza positiva perché ho avuto modo di conoscere direttamente la navigazione.

Durante il tempo ho visitato alcune città. La prima tappa è stata porquerolles in Francia, visitandola ho apprezzato la bellezza del posto come ad esempio la costa.

La seconda tappa è stata Capraia un'isola dell'Italia ricca di vegetazione.

La terza tappa è stata isola d'Elba per la precisione Portoferraio dove il tempo non è stato dei migliori e perciò ho potuto visitare poco.

Durante gli ultimi giorni il tempo è stato nuvoloso con pioggia perciò durante la navigazione abbiamo avuto tante difficoltà, infatti siamo andati fuori rotta e perciò abbiamo avuto un ritardo all'arrivo di Civitavecchia. La quarta tappa è stata Civitavecchia con un ritardo di quattro ore.

L'ora di sbarco è stato alle 10 della mattina in cui ho preso il treno per il ritorno”.


lesperienza110218Molfetta. Lo studente Ruggiero Lombardi dell’Istituto Vespucci racconta emozioni e sensazioni provate durante il suo imbarco sulla nave Pogoria.

L'esperienza che ho fatto durante la settimana di fine gennaio e inizio febbraio è stata molto utile in tutti i punti di vista.

La partenza e l'ora di imbarco è stata alle 14 del giorno 27 gennaio.

Essendo di Barletta ho preso il treno per arrivare al posto puntuale. L'ora di arrivo è stato alle 9 e nel frattempo ho avuto l'occasione di visitare un po' la città di Genova come ad esempio l'acquario.

Alle 13 ci siamo imbarcati in cui l'ufficiale ci ha spiegato in inglese tutto quello che dovevamo fare e il tragitto.

Il primo giorno è stato difficoltoso per me sopratutto nel parlare la lingua inglese perché non avevo mai avuto un'opportunità di essere su una nave e parlare la lingua per tutta la settimana. Ciò è stato un incentivo per me a perfezionare la lingua.

Il secondo giorno l'ufficiale ci spiegò i vari compiti che dovevamo svolgere durante i giorni della settimana. L'equipaggio era diviso in turni in cui io facevo parte del terzo turno con i rispettivi compiti che dovevo svolgere. Durante quei giorni il tempo era molto nuvoloso ma il mare era molto calmo.

Il terzo giorno ho fatto la guardia di notte con 4 ore consecutive e durante queste ore provai il timone e capì i vari errori che subiva la nave durante la navigazione. I giorni sono stati abbastanza monotoni ma utili perché mi fecero capire la navigazione e i rispettivi compiti che dovevo compiere. Personalmente ho avuto un'esperienza positiva perché ho avuto modo di conoscere direttamente la navigazione.

Durante il tempo ho visitato alcune città. La prima tappa è stata porquerolles in Francia, visitandola ho apprezzato la bellezza del posto come ad esempio la costa.

La seconda tappa è stata Capraia un'isola dell'Italia ricca di vegetazione.

La terza tappa è stata isola d'Elba per la precisione Portoferraio dove il tempo non è stato dei migliori e perciò ho potuto visitare poco.

Durante gli ultimi giorni il tempo è stato nuvoloso con pioggia perciò durante la navigazione abbiamo avuto tante difficoltà, infatti siamo andati fuori rotta e perciò abbiamo avuto un ritardo all'arrivo di Civitavecchia. La quarta tappa è stata Civitavecchia con un ritardo di quattro ore.

L'ora di sbarco è stato alle 10 della mattina in cui ho preso il treno per il ritorno”.

WEB TV

WEBtv