Banner sfondo 2 TEAM BRILLANTE CERCA TE (4)

leparole200118Molfetta. Racconti, storia, musica e testimonianze dai campi di concentramento, si terrà a Molfetta il 27 gennaio 2018, alle ore 9.15 nella Sala Beniamino Finocchiaro (Fabbrica di San Domenico) l’evento storico musicale “Le parole ritrovate.”

L’evento è organizzato dall’associazione Artemia, con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura e Turismo del Comune di Molfetta e in collaborazione con: Ipsaic, Istituto Pugliese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea, IISS Liceo Classico Leonardo da Vinci di Molfetta, IISS G. Ferraris – Montalcini di Molfetta, il Circolo dei Lettori G. Ferraris e il gruppo di musica ebraica Luna, Croce e Stella.   

Dopo i saluti istituzionali di Tommaso Minervini Sindaco del Comune di Molfetta e di Sara Allegretta, assessore alla Cultura e Turismo del Comune di Molfetta, seguirà l’introduzione storica del prof. Vito Antonio Leuzzi, direttore Ipsaic, di Pasquale Gallo docente dell’Università degli studi “Aldo Moro” di Bari e autore del volume “Profughi Austriaci nella Bari del 1944”, Edizioni Dal Sud; concluderà la sessione storica la prof.ssa Maria Teresa Santacroce, ricercatrice Ipsaic.

Alla lezione storica, seguirà il reading teatrale tratto da “Anna Frank. Diario”, "L’amico Ritrovato” di Fred Uhlman, "Il Bambino con il pigiama a righe" di John Boyne e "Bambino n. 30529" di Felix Weinberg con gli studenti: Claudia de Palma, Ombretta Giancaspro, Sabrina de Nichilo, Miriana Tambone, Martina Valente e Nadia Altomare dell’IISS G. Ferraris – Montalcini di Molfetta e dagli studenti: Davide Sasso, Claudia Gadaleta, Paola Corrieri, Emanuela Mazzilli, Aurora Morgigno dell’IISS Liceo Classico Leonardo Da Vinci di Molfetta.

Le letture saranno accompagnate dal gruppo di musica ebraica Luna, Croce e Stella composto da: Francesco Attolini, Stefano Attolini, Lillo Gabriele e Pierfrancesco Serpenti che eseguiranno brani di musica ebraica  non solo sotto l’aspetto meramente ripropositivo di musiche tradizionali e strettamente legate alla tradizione, ma si giungerà nel campo improvvisativo e rielaborativo ottenendo così una miscellanea molto più viva e simile filologicamente alla tradizione orale che caratterizza tutte le musiche etniche- popolari del mondo. Il gruppo si avvale di strumenti acustici della tradizione dalla chitarra al violino, dall’ud (Liuto Arabo) al sassofono soprano, dalla darabuka ai cimbali.

In questo giorno – che coincide con l’arrivo nel gennaio del ’45 delle truppe sovietiche nel campo di Auschwitz – dichiara Giulia Murolo – presidente dell’Associazione Artemia - si ricordano le vittime del nazismo, lo sterminio degli ebrei (“Shoah”) e, nello specifico italiano, le leggi razziali del 1938 e il dramma dei deportati nei lager, pertanto abbiamo pensato di organizzare la Giornata della Memoria con i giovani e per i giovani della nostra città. Li abbiamo coinvolti nelle letture, nelle testimonianze e nei racconti dai campi di concentramento per proporre loro un momento di conoscenza e riflessione su una storia che ci riguarda da molto vicino. "Le parole ritrovate", nasce come progetto multidisciplinare di lettura e musica all’interno della rassegna Conversazioni dal Mare, infatti - alle scuole partecipanti – conclude il presidente di Artemia - sarà donata anche una dotazione di libri su tema."

L’evento è gratuito e aperto al pubblico. Per info 349.52.83.664  email: conversazionidalmare@gmail.com 


leparole200118Molfetta. Racconti, storia, musica e testimonianze dai campi di concentramento, si terrà a Molfetta il 27 gennaio 2018, alle ore 9.15 nella Sala Beniamino Finocchiaro (Fabbrica di San Domenico) l’evento storico musicale “Le parole ritrovate.”

L’evento è organizzato dall’associazione Artemia, con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura e Turismo del Comune di Molfetta e in collaborazione con: Ipsaic, Istituto Pugliese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea, IISS Liceo Classico Leonardo da Vinci di Molfetta, IISS G. Ferraris – Montalcini di Molfetta, il Circolo dei Lettori G. Ferraris e il gruppo di musica ebraica Luna, Croce e Stella.   

Dopo i saluti istituzionali di Tommaso Minervini Sindaco del Comune di Molfetta e di Sara Allegretta, assessore alla Cultura e Turismo del Comune di Molfetta, seguirà l’introduzione storica del prof. Vito Antonio Leuzzi, direttore Ipsaic, di Pasquale Gallo docente dell’Università degli studi “Aldo Moro” di Bari e autore del volume “Profughi Austriaci nella Bari del 1944”, Edizioni Dal Sud; concluderà la sessione storica la prof.ssa Maria Teresa Santacroce, ricercatrice Ipsaic.

Alla lezione storica, seguirà il reading teatrale tratto da “Anna Frank. Diario”, "L’amico Ritrovato” di Fred Uhlman, "Il Bambino con il pigiama a righe" di John Boyne e "Bambino n. 30529" di Felix Weinberg con gli studenti: Claudia de Palma, Ombretta Giancaspro, Sabrina de Nichilo, Miriana Tambone, Martina Valente e Nadia Altomare dell’IISS G. Ferraris – Montalcini di Molfetta e dagli studenti: Davide Sasso, Claudia Gadaleta, Paola Corrieri, Emanuela Mazzilli, Aurora Morgigno dell’IISS Liceo Classico Leonardo Da Vinci di Molfetta.

Le letture saranno accompagnate dal gruppo di musica ebraica Luna, Croce e Stella composto da: Francesco Attolini, Stefano Attolini, Lillo Gabriele e Pierfrancesco Serpenti che eseguiranno brani di musica ebraica  non solo sotto l’aspetto meramente ripropositivo di musiche tradizionali e strettamente legate alla tradizione, ma si giungerà nel campo improvvisativo e rielaborativo ottenendo così una miscellanea molto più viva e simile filologicamente alla tradizione orale che caratterizza tutte le musiche etniche- popolari del mondo. Il gruppo si avvale di strumenti acustici della tradizione dalla chitarra al violino, dall’ud (Liuto Arabo) al sassofono soprano, dalla darabuka ai cimbali.

In questo giorno – che coincide con l’arrivo nel gennaio del ’45 delle truppe sovietiche nel campo di Auschwitz – dichiara Giulia Murolo – presidente dell’Associazione Artemia - si ricordano le vittime del nazismo, lo sterminio degli ebrei (“Shoah”) e, nello specifico italiano, le leggi razziali del 1938 e il dramma dei deportati nei lager, pertanto abbiamo pensato di organizzare la Giornata della Memoria con i giovani e per i giovani della nostra città. Li abbiamo coinvolti nelle letture, nelle testimonianze e nei racconti dai campi di concentramento per proporre loro un momento di conoscenza e riflessione su una storia che ci riguarda da molto vicino. "Le parole ritrovate", nasce come progetto multidisciplinare di lettura e musica all’interno della rassegna Conversazioni dal Mare, infatti - alle scuole partecipanti – conclude il presidente di Artemia - sarà donata anche una dotazione di libri su tema."

L’evento è gratuito e aperto al pubblico. Per info 349.52.83.664  email: conversazionidalmare@gmail.com 

WEB TV

WEBtv